6701 Letture

Shuttleworth presenta le prossime versioni di Ubuntu

Mark Shuttleworth, "patron" del progetto Ubuntu, ha svelato il nome in codice della prossima versione della distribuzione Linux. Ubuntu 10.10, che farà il suo debutto nel corso del prossimo mese di ottobre, si chiamerà "Maverick Meerkat". Prosegue quindi la tradizione di attribuire nomi di animali, spesso poco noti, alle varie release di Ubuntu. La traduzione italiana di "Maverick Meerkat" è, grosso modo, "suricato indipendente" (il "suricato" è un mammifero carnivoro che vive nelle pianure aride e semidesertiche dell'Africa meridionale).

Il magnate sudafricano Shuttleworth non si è però fermato all'aspetto prettamente zoologico. Ha infatti anticipato alcune informazioni sui piani di sviluppo di Ubuntu 10.10 svelando alcune funzionalità "inedite" che entreranno a far parte del sistema operativo.

Canonical, la società che si occupa di seguire lo sviluppo di Ubuntu, rivedrà completamente l'interfaccia utente della versione "Netbook Remix" così come l'intero codice alla base del suo funzionamento. Obiettivo: rendere Ubuntu, soprattutto nella versione destinata ai dispositivi portatili e supercompatti (dotati di hardware più "limitati" rispetto a sistemi desktop e notebook), il prodotto "più veloce da avviare, più rapido da collegare alla rete, più performante per navigare", come ha scritto Shuttleworth.

L'accento continuerà poi ad essere posto sul "cloud computing" migliorando ulteriormente "Ubuntu Enterprise Cloud" e permettendo così la creazione, la distribuzione e la gstione di piccole oppure ampie configurazioni di server.


E' invece ormai imminente il rilascio di Ubuntu 10.04, versione conosciuta anche con l'appellativo di "Lucid Lynx". Previsto il 29 aprile prossimo, il debutto di Ubuntu 10.04 è quindi dietro l'angolo. Si tratta di una release "LTS" del sistema operativo che va a sostituire la 8.04, lanciata due anni fa. "LTS" è l'acronimo di "Long Term Support": queste release mettono a disposizione degli utenti un supporto esteso a tre anni (di solito le varie versioni della distribuzione godono normalmente di 18 mesi di supporto) per i sistemi desktop ed a cinque per i server.
Ubuntu 10.04 porterà con sé una nuova versione del "Software Center" (ved. questo nostro articolo) lo strumento che ha fatto il suo debutto in Ubuntu 9.10 "Karmic Koala" e che si prefigge di semplificare l'installazione e la rimozione dei pacchetti software. Nella sua nuova veste, l'"Ubuntu Software Center" proporrà due nuove icone: la prima offrirà una lista delle applicazioni consigliate che non hanno trovato spazio nel CD d'installazione del sistema operativo mentre la seconda fornirà un elenco di diversi pacchetti software utili per il sistema operativo.


Ubuntu 10.04, proprio per la sua natura di versione LTS, rivestirà un ruolo molto importante nel segnare le future sorti di Canonical, soprattutto per quanto riguarda la penetrazione della distribuzione Linux nel mondo delle imprese.
Il "desktop environment" scelto da Ubuntu resta GNOME, nella versione 2.30 da poco rilasciata, con un tema di default che cambia rispetto al passato. Buona parte degli sforzi è stata riposta nel miglioramente delle performance di boot della distribuzione. Non siamo ancora ai livelli di Fedora tuttavia Ubuntu cerca di ottimizzare ulteriormente i tempi di avvio utilizzando Upstart. Il "demone" (programma eseguito in background che agisce senza essere sotto il diretto controllo dell'utente) Upstart sostituisce l'oramai vetusto "init daemon" e si occupa dell'avvio dei vari processi e servizi. Grazie a questa modifica tecnica, la nuova versione di Ubuntu dovrebbe arrivare ad avviarsi in circa una decina di secondi.
Non poteva non mancare l'aspetto "social": Ubuntu 10.04, facendo leva sul software Gwibber, faciliterà l'utilizzo dei principali servizi di social networking e microblogging.

  1. Avatar
    Denghe73
    07/04/2010 13:49:03
    Molto meglio archlinux.
  2. Avatar
    iskander66
    06/04/2010 20:27:49
    Mi accodo al coro. Ubuntu è un sistema solido, sicuro, efficiente e divertente. Da anni Ubuntu è il mio sistema. Non ho abbandonato del tutto winzozz perché essendo un informatico non me lo posso permettere. Ma a lavoro ho hackerato il mio computer per poterci installare su Ubuntu e devo onestamente dire che la mia produttività è notevolmente aumentata. Provare non costa niente e si è onesti intellettualmente non si torna più indietro. :D
  3. Avatar
    paolsanna
    04/04/2010 21:03:07
    anchio consiglio a tutti di usare ubuntu;va benissimo per tutto e non si blocca maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
  4. Avatar
    mario4453
    04/04/2010 20:33:13
    Uso Ubuntu dalla versione 7.10, direi che fino ad oggi è sempre stato sopra windows :) attendo la 10.04, mi secca reinstallare tutto, ma sono curioso
  5. Avatar
    realrazor
    04/04/2010 10:49:59
    Sono un Utente diviso tra due mondi infatti uso ancora windows per i giochi e quei 2 o 3 applicativi commerciali che non ho trovato alternative che mi aggradano su Ubuntu e Ubintu dalla 8.10.... (Con molte reinstallazioni più che altro per imparare più trucchi possibili in un ambiente cosi diverso)! Se una ragione impediva all'ambiente linux di espandersi come popolarità era la complessità di installazione sistema e programmi.. In quello canonical mi sembra abbia intrapeso la strada giusta per rendere questo bellissimo SO alla portata di tutti... Vi dico di provarlo e non lo lascerete più perche una cosa è sacrosanta è ve la puo dire chiunque uso il computer quotidianamente e con windows è una lotta continua tra virus, trojan malware e reinstallazioni mentre Ubuntu sta li va da dio e non si incarta mai..... W Sono un po contro corrente ma io amo la semplicità dell'interfaccia grafica di ubuntu che preferisco per semplicità visiva e semplicità di accesso a tutti gli strumenti anche rispetto all'esplosioni grafiche e di trasparenze e widget di Kubuntu...
  6. Avatar
    jacopo
    03/04/2010 18:16:36
    Citazione: non stanno mai zitti e non gli vò mai bene biente
    Non la ritengo una cattiva cosa. :D L'importante è, secondo me, che una volta prese delle decisioni importanti... si seguano fino in fondo. Cosa che per altro hanno dimostrato di saper fare Shuttleworth e i team di Canonical.
  7. Avatar
    Claudio1973
    03/04/2010 17:27:06
    Io uso Ubuntu dalla versione 8.10 e mi sento di dire che in un anno e mezzo questo prodotto è riuscito a fare dei buoni passi in avanti. Ho letto recentemente che Mark vuole far divenire Ubuntu "cool" come Windows 7 sotto l'aspetto grafico. Secondo me lui vede bene, oltre alla semplicità di utilizzo di un sistema, questo ha bisogna anche di una certa spettacolarità dal punto di vista visivo. La strada magari sarà ancora lunga, ma io confido in lui e ritengo che , nonostante le critiche (non stanno mai zitti e non gli vò mai bene biente) della comunità, abbia saputo intraprendere la giusta via. Perciò non posso fare altro di fare i miei migliori auguri alla Canonical. Forza Ubuntu!
  8. Avatar
    Andreagg
    03/04/2010 15:14:55
    è un anno oggi che mi sono staccato totalmente dalla legge di mercato windows! e non penso proprio di tornarci!!! ubuntu semplice, rapido, leggero, performante, strabiliante! non pensavo di poter fare così tante cose e senza nessun riavvio o impallamento del sistema!!! consiglio anch'io almeno di provarlo!!!!
  9. Avatar
    luimors
    03/04/2010 12:03:05
    la seguo da quando era alfa, ora la beta è straordinaria per innovazione, performance, e semplicità. Sono sicuro che a fine mese quando uscira sara un grosso successo, e mi sento di consigliare a chinque almeno di provarla, sono ormai 2 anni che sul mio pc uso esclusivamente ubuntu, e non rimpiango assolutamente windows che ho utilizzato dalle origini...
Shuttleworth presenta le prossime versioni di Ubuntu - IlSoftware.it