4534 Letture

Shuttleworth: sincronizziamo il rilascio delle "distro" Linux

Mark Shuttleworth, fondatore di Canonical, ha dichiarato che ad oggi alcuni passi sono stati compiuti nell'ottica di una maggiore "sincronizzazione" dei rilasci delle varie distribuzioni Linux. Tuttavia, come spiega Shuttleworth, la sua proposta di allineamento tra Debian ed Ubuntu non è stata presa in considerazione.
Il "patron" di Ubuntu era spesso tornato sul tema considerando la definizione di un modello di lavoro che permetta di "accordare" le date di uscita delle varie distribuzioni Linux, soprattutto di quelle che poggiano sugli stessi componenti di base, come un passo assolutamente fondamentale. Un'impostazione simile, sempre secondo il magnate sudafricano, permetterebbe una più semplice e rapida condivisione dei progressi compiuti in fase di sviluppo.

Shuttleworth torna quindi sull'argomento, convinto della validità della sua tesi, e parla di una "sincronizzazione" tra Ubuntu e Debian da mettersi in pratica su base biennale.


Il coordinamento delle attività tra Debian ed Ubuntu, sempre secondo Shuttleworth, potrebbe fungere da volano per la conseguente sincronizzazione dei più importanti progetti, come i desktop environment KDE-GNOME e le altre distribuzioni Linux.

  1. Avatar
    iskander66
    17/03/2010 16:43:17
    Ecco il solito vizietto di fare gli snob. A me piace smanettare e se non ho voglia di smanettare voglio una gui che funzioni. E se proprio ho tanta voglia di smanettare lancio la xterm e sono a posto. Ubuntu mi da tutto questo e si aggiorna ogni sei mesi e questo mi va più che bene. Come detto inoltre è Ubuntu figlia di Debian quindi non si vede proprio come e perché Debian avrebbe a temere qualcosa dalla figliola. Detto che questi sono discorsi che possiamo fare noi che utilizziamo Linux, come possiamo pensare che questo sistema perfetto possa espandere la propria base se gli utenti stessi si comportano da fighetti? Ricordatevi sempre qual è il primo obbiettivo nella worklist di Mark Shuttleworth: spazzare via Windows e la Microsoft. :evil: :twisted: Su questo dobbiamo concentrarci e piantarla con le divisioni per distribuzione, nel nome di Unix, Linux e BSD, amen :mrgreen:
  2. Avatar
    luimors
    17/03/2010 09:56:39
    innovare e progresso vuol dire semplificare e aggiungere funzionalità, quello che sta facendo ubuntu è il miglior esempio di tutto questo in ambito informatico che in pochi anni a trasformato un s.o. di nicchia come gnu/linux per uso professionale a moderno, performante e polivalente sistema desktop alla portata di tutti (linux per essere umani). L'evoluzione straordinaria che ha avuto il mondo open source negli ultimi anni con l'avvicinarsi di milioni di utenti (e quindi anche sviluppatori) ha giovato a tutti anche i guru fossilizzati al terminale (che nessuno gli toglie). La scelta sta all'utente finale se utilizzare ubuntu o continuare con sistemi sicuramente piu performanti come debian o slackware ma la scelta è prerogativa di libertà a cui l'utente non deve rinunciere. Ricordo inoltre che la stessa debian ha giovato molto delle novita introdotte da ubuntu e da altre distro per cui la collaborazione non solo è utile ma indispensabile per unire gli sforzi per uno scopo comune a tutti.
  3. Avatar
    Claudio1973
    16/03/2010 18:44:24
    Seguiamo il nostro capo Mark.....è l'unico che può portare Linux ai massimi livelli....guardasi agli accordi presi tra Canonical, Google, Ibm ecc. ecc......io ambisco a vedere Linux come sistema globale....perchè questo a mio parere sarà il suo futuro-----
  4. Avatar
    gnulinux866
    16/03/2010 17:59:04
    A mio modo di vedere, Canonical è l'unica società che sta cercando di spingere Linux in ambito dekstop, per uso desktop esistono centinaia di distro, molte delle quali condividono la medesima versione di Kernel, X0rg, DE e pacchetti vari, cercare di sincronizzare i rilasci non sarebbe male come primo tentativo di standarizzazione, anche se preferirei una maggiore collaborazione tra le diverse distro, soprattutto per la risoluzione dei bug, allo stato attuale le uniche distro che collaborano tra esse sono solo Ubuntu & Debian.
  5. Avatar
    jacopo
    16/03/2010 15:32:41
    Citazione: Debian deve rimanere intoccato da Ubuntu, in quanto Ubuntu usa troppa grafica (iconcine, disegnini etc) che non servono
    Non puoi certo pretendere che tutti utilizzino il terminale. L'utente novizo, e non solo, vuole la gui, non vuole smanettare tra miriadi di file di configurazione...specialmente in una distro che si prefigge di essere una valida alternativa ai sistemi Windows. Non capisco poi questo tuo discorso, Ubuntu è una derivata di Debian per cui quest'ultima non verrà in alcun modo toccata dai team di Canonical.
  6. Avatar
    3mendo
    16/03/2010 12:32:04
    Debian deve rimanere intoccato da Ubuntu, in quanto Ubuntu usa troppa grafica (iconcine, disegnini etc) che non servono, quindi stabilire una "sincronizzazione" tra i due farebbe solo comodo ad Ubuntu. La differenza tra i due la vedete installando prima Debian e poi provando ad installare qualche pacchetto di Ubuntu, che al solito vi richiederà di installare anche una marea di porcherie che piacciono ai novizi. Si attengano invece a Unix... che rilascia pacchetti solo dopo averli veramente testati..!
  7. Avatar
    Michele Nasi
    16/03/2010 09:59:21
    Cerca su Google "Shuttleworth cadence"
  8. Avatar
    ICED
    16/03/2010 09:20:42
    La fonte di questa notizia?
Shuttleworth: sincronizziamo il rilascio delle