3641 Letture

Si ritorna a parlare di "legge-bavaglio"

È fermento nel Web italiano. Se il Governo dovesse decidere infatti di portare all’approvazione con voto di fiducia il DDL sulle intercettazioni, vale a dire con una formula che impedisce de facto la modifica del testo in Parlamento, si tornerebbe a parlare di legge bavaglio o di legge ammazza blog”.

Come sottolinea l’avvocato Guido Scorza, esperto in tematiche legali legate al mondo del web, ”il testo del DDL intercettazioni attualmente in Parlamento contiene, ancora, la famigerata norma "ammazza blog" che impone ai gestori di tutti i "siti informatici" l'obbligo di procedere alla rettifica di ogni contenuto pubblicato dietro semplice richiesta - poco importa se fondata o infondata - del soggetto che se ne ritiene leso”.

Nel testo, e in particolare al comma 29 dell’Articolo 3 del disegno di legge, è previsto che ” "Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono”, con l’aggiunta della clausola ”senza commento”.

Scorza sottolinea come la sanzione pecuniaria prevista in caso di mancata rettifica, 12.000 euro, non faccia distinzione tra blog e media tradizionali e, ancor di più, tra siti e blogger professionali e blogger amatoriali, per i quali è evidente che l’entità della sanzione diventi di per sé un’arma di pressione e un forte limite alla libertà di espressione. E la mobilitazione è già in atto.


www.01net.it

  1. Avatar
    costapino
    01/10/2011 13:37:23
    Non ho seguito MOLTO attentamente lo sviluppo della legge cosidetta bavaglio m sono convinto si tratti del divieto 8salvo decisioni del Giudice) di pubblicare tutte le intercettazioni che è una vera violenza mediatica. troppe persone sono finite a causa di ciò. la casa và necessariamente limitata. Non credo che le cominicazioni via internet causino dei guai simili perchè sono controllate, non confondiamo la libertà con TUTTO è PERMESSO. distinti saluti. è sufficiente eliminare la norma di cui si parla, credo sia anti costituzionale.
Si ritorna a parlare di