2622 Letture
Sicurezza account utente a rischio: Leakedsource vendeva nomi utente e password

Sicurezza account utente a rischio: Leakedsource vendeva nomi utente e password

Le autorità USA chiudono un sito web che vendeva le credenziali di accesso a 3,1 miliardi di account.

Le autorità statunitensi hanno chiuso un noto sito web che, a fronte della stipula di una sorta di abbonamento, quindi dietro compenso, forniva le credenziali per l'accesso agli account personali di altri utenti.

Le vittime erano spesso inconsapevoli dell'accaduto: Leakedsource - questo il nome del sito - di fatto garantiva l'accesso ai database degli utenti, "rastrellati" online a seguito di attacchi informatici, fornendo username e password in chiaro.

Sicurezza account utente a rischio: Leakedsource vendeva nomi utente e password

Ricchissimo l'archivio di Leakedsource che consentiva di ficcare il naso negli affari altrui, facilitava il lavoro degli spammer e aiutava i criminali informatici nella realizzazione di altri attacchi mirati: si calcola che nei database del sito fossero presenti oltre 3,1 miliardi di record, corrispondenti ad altrettanti account utente compromessi.


Tra i promotori dell'azione nei confronti di Leakedsource sembra esserci anche Troy Hunt, ricercatore che gestisce personalmente il sito Have i been pwned.

Sicurezza account utente a rischio: Leakedsource vendeva nomi utente e password

Diversamente rispetto a Leakedsource, Have i been pwned non pubblica in chiaro alcun nome utente e password. Viceversa, il servizio aiuta gli utenti a scoprire se il loro account fosse stato in qualche modo violato.

Have i been pwned raccoglie i database sottratti nei vari attacchi ma non li espone mai pubblicamente.
Ciò significa che digitando il proprio nome utente o il proprio indirizzo email nella home page di Have i been pwned, si può verificare se i dati di accesso al corrispondente account fossero stati sottratti nell'ambito di qualche aggressione (sferrata nei confronti dei gestori dei vari servizi online).


Nel caso in cui Have i been pwned dovesse riportare il messaggio "Oh no, pwned", il consiglio è quello di modificare immediatamente le credenziali di accesso per i servizi indicati.

Da non dimenticare, le regole base per la scelta e l'utilizzo delle password:

- Gestione password: come farlo in sicurezza
- Memorizzare password e gestirle in sicurezza

Sicurezza account utente a rischio: Leakedsource vendeva nomi utente e password - IlSoftware.it