10480 Letture

Sicurezza: in Emea metà va agli antivirus

In base ai dati resi noti da Gartner nei giorni scorsi, il mercato del software per la sicurezza nell’area Emea dovrebbe raggiungere un valore complessivo di 2,4 miliardi di euro entro la fine di quest’anno. Nel quinquennio 2006-2001, la società di analisi prevede un tasso di crescita annuo nell’ordine del 9,6%, fino a raggiungere nel 2011 un valore complessivo di 3,5 miliardi di euro.

I tassi di crescita più interessanti saranno messi a segno dall’Europa orientale e dell’area Mea (Middle east e Africa), con crescite rispettivamente del 13,6 e del 14,7%.
Gli antivirus, sempre secondo le stime Gartner, sono destinati a coprire la fetta più importante del comparto, rappresentando oltre il 50% del giro d’affari. E, restando in questo comparto, significativo è il dato che vede la domanda consumer crescere a una velocità molto più importante rispetto al segmento business.

È una questione di approccio, è la spiegazione di Gartner: le imprese valutano i loro acquisti sulla base del raggiungimento di determinate policy e tendono ad approcciare il tema secondo una visione più olistica.


Anche le dinamiche dei player attivi su questo particolare segmento sono cambiate nel tempo. Fusioni e acquisizioni lo hanno dominato negli anni passati: ora si osserva un consolidamento intorno a un numero più esiguo di operatori, con offerte più estese.

Molti tra i fornitori di soluzioni infrastrutturali, e in particolare quelli presenti nell’area dell’operation management, hanno esteso la loro offerta all’area della sicurezza, andando a coprire esigenze specifiche quali l’identity management o l’access management.


Sicurezza: in Emea metà va agli antivirus - IlSoftware.it