3267 Letture

Software gratis? Microsoft ci pensa

Secondo quanto riporta la stampa statunitense, il ripensamento annunciato da Microsoft sul proprio modello di business sarebbe già iniziato.
O, per lo meno, sarebbero già in atto da tempo una serie di riflessioni relative alle modalità con le quali l'azienda potrebbe in futuro portare sul mercato I propri prodotti.
Tra queste, a quanto pare, sarebbe contemplata anche la possibilità di distribuzione gratuita dei prodotti, supportata da significativi introiti pubblicitari.
In altre parole, Microsoft starebbe valutando la possibilità di rendere disponibili a titolo gratuito prodotti come Works, Money, PowerPoint, OneNote e finanche il sistema operativo, supportando questa attività con attività di Web advertising.
Microsoft non ha smentito la notizia, ma ha precisato che di esercitazioni teoriche si tratta, destinate a sessioni di brainstorming interne.
Sessioni che si sarebbero spinte ben più in là, andando a toccare aspetti quali la competition e la necessità di risposte efficaci da tenere pronte se e quando la distribuzione online di software diventerà modello di business.
E' chiaro che non bastano queste dichiarazioni a evitare la ridda di ipotesi, così come è altrettanto chiaro che, brainstorming o meno, è in questa direzione che vanno gli annunci relativi a Office Live e Windows Live.
Al centro di tutte queste riflessioni AdCenter, identificato come strumento attraverso il quale offrire comunicazioni pubblicitarie, testi, video, immagini, utilizzabili poi sia on online, sia offline su pc, telefoni cellulari, console di gioco o altri dispositivi.
Restano comunque parecchi dubbi, e il brainstorming li hanno evidenziati: innanzi tutto, sarà poi vero che i consumer sono disposti ad accettare messaggi pubblicitari, pur di non pagare quote annue di fatto sempre più esigue? E in secondo luogo, per quanto promettente, il mercato pubblicitario non ha dimensioni infinite. Se tutti adottassero lo stesso modello, il rischio evidente è che non vi siano risorse adeguate a supportarlo.
www.01net.it

Software gratis? Microsoft ci pensa - IlSoftware.it