4185 Letture

Sono i tablet la vera minaccia del mercato dei pc?

Secondo IDC, un utente che acquista un tablet riduce sensibilmente l'utilizzo del pc tradizionale. E questo influenza i cicli di rinnovo.

È una considerazione amaramente realistica quella che IDC rilascia a margini dei pessimi dati dell'ultima trimestrale dei personal computer: soprattutto quando si parla di consumer, i pc attualmente già in servizio "vanno ancora bene" e manca una motivazione concreta che possa spingere l'utente a un rinnovo.

Dare la colpa solo a un limitato interesse nei confronti di Windows 8 è riduttivo, perché la situazione è decisamente più complessa. Il problema, secondo IDC, parte semmai dai tablet.

In un'intervista rilasciata a Reuters, la società di analisi sottolinea che nel caso degli utenti che possiedono un tablet, mercato peraltro dominato in questa fase da Apple e Android, la percentuale di utilizzo di un personal computer scende radicalmente riducendosi del 25/30 per cento rispetto al passato. L'assioma è semplice: se si usa meno un pc, si avverte meno la necessità di aggiornarlo o di acquistarne uno nuovo.


A questa prima considerazione si aggiunge poi un corollario: quanto emerso non implica che i consumatori smetteranno di acquistare pc. Significa semplicemente che i cicli di aggiornamento si allungano. E in questa fase, è sicuramente più probabile un atteggiamento attendista: si rimanda l'acquisto aspettando che le nuove macchine con Windows 8 raggiungano prezzi più accettabili.

L'altro timore, e in fondo la minaccia più seria che incombe sull'industria tradizionale, è che i cosiddetti first time user, vale a dire coloro che acquistano un pc per la prima volta nella loro vita, si orientino su di un tablet piuttosto che su un notebook od un sistema desktop. In Cina sembra già essere così.
È forse anche sulla scorta di queste considerazioni che si può leggere la decisione di Microsoft di ampliare la sua offerta in area Surface (Microsoft si prepara al lancio di un tablet da 7 pollici).


www.01net.it

  1. Avatar
    Perdincibacco
    12/04/2013 15:43:32
    In realtà è cambiato il mondo dell'informatica. I computer, intesi come postazioni Desktop, avranno un ruolo sempreverde nel mondo professionale e diventeranno macchine sempre più ritagliate per questo mercato, decretando quindi la fine degli assemblati "tuttofare" e dei software non ottimizzati. Nel mondo dell'utenza domestica, invece, non c'è bisogno di potenza di calcolo stratosferica o di macchine ipercazzute per svolgere la classica routine come scrivere qualche lettera, gestire la contabilità di casa, navigare e divertirsi qua e là. La maggior parte degli utenti, sia aziendali che domestici, posseggono e utilizzano già un computer desktop che svolge degnamente il compito demandatogli e quindi sostituiranno la macchina solo in caso di reale necessità. Chi compra un tablet è perché sa già in partenza che non avrà bisogno di potenze enormi e vuole un dispositivo facilmente trasportabile e subito pronto all'uso. I first-time user, poi, un po' perché spinti dalla moda del momento un po' perché si sono documentati per passaparola o su fonti specializzate, sceglieranno soprattutto il tablet perché lo troveranno più rispondente alle loro esigenze che, semmai dovessero cambiare, saranno allargate anche su altri orizzonti. Ricordiamo che la cultura informatica di oggi è diversa da quella di 10, 15 o 20 anni fa. Un certo numero di persone che hanno più di 15 anni sanno perfettamente cos'è un computer e cos'è un tablet e sanno cosa scelgono, sanno quali sono i limiti e le potenziali di entrambe le piattaforme. A tutto questo aggiungiamo pure che Windows 8 è qualcosa di peggio rispetto a Windows Millenium e Windows Vista, soprattutto in termini di usabilità. Un sistema operativo con un'interfaccia basata sui tablet e riadattata sui desktop e che, se pretende di essere il ponte di collegamento tra due mondi, è ancora immaturo e finanche costoso.
  2. Avatar
    Giallu
    12/04/2013 09:40:15
    Citazione: Volete mettere un bel PC Desktop con un video HD da 22/23 pollici; con hardware adeguato, seduti comodi su una poltrona con un buon audio con uno superbo intrattenimento DVD/BVLURAY. La differenza costa. I tablet molto pratici ma scomodi in lettura;con i display perennemente sozzi; con limitata autonomia e con luminosita' carente.Costano di meno ma godi di meno e soprattutto ne diventi schiavo.
    Come non essere d'accordo. Aggiungo pure, la Post Produzione d'immagini RAW o peggio ancora Tif. Il video editing me lo immagino il manipolare vere sequenze HD di macchine professionali. Da non confondere con il consumer. Un bel gioco visto con un 27" bello fluido. Obiettivamente quanti utilizzano appieno un PC oltre le normali letture o modifiche di file di testo ?? Aggiungo che su questi tablet i SO sono ben fatti Android "Linux sotto il cofano" ed iPad con il suo iOS. Escludiamo W8. Per finire per i più diciamo che è sufficiente e meno cervellotico e smanettone. Gestioni virali e di manutensione al minimo se no assenti. E una buona opportunità per chi vuole vivere nel suo piccolo il mondo informatico. Bye. :D
  3. Avatar
    boxgabry
    11/04/2013 18:43:50
    Volete mettere un bel PC Desktop con un video HD da 22/23 pollici; con hardware adeguato, seduti comodi su una poltrona con un buon audio con uno superbo intrattenimento DVD/BVLURAY. La differenza costa. I tablet molto pratici ma scomodi in lettura;con i display perennemente sozzi; con limitata autonomia e con luminosita' carente.Costano di meno ma godi di meno e soprattutto ne diventi schiavo.
Sono i tablet la vera minaccia del mercato dei pc? - IlSoftware.it