8622 Letture

Tecnico obbligatorio per l'installazione di un router?

Si torna a parlare del provvedimento del quale avevamo dato notizia a fine novembre (ved. questo nostro articolo) e che si propone come "Attuazione della Direttiva 2008/63/CE relativa alla concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni".

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha avviato una consultazione pubblica sull'argomento invitando i soggetti interessati ad inviare, entro il prossimo 15 aprile, osservazioni e commenti. La bozza del Decreto Ministeriale, consultabile facendo riferimento al file PDF offerto a questo indirizzo, contiene le disposizioni che dovrebbero entrare a far parte della nuova normativa.

Il timore che sta serpeggiando tra gli "addetti ai lavori" è che, una volta approvata la disposizione, possa essere necessaria una sorta di "patentino" anche per l'installazione di un semplice router. All'articolo 10 comma 1 della bozza è infatti riportato quanto segue: "in attuazione del disposto di cui all’articolo 2, comma 2, lettera f) del decreto legislativo 26 ottobre 2010, n. 198, gli utenti possono provvedere autonomamente all’esecuzione dei lavori di cui all’articolo 2, comma 2, quando l’impianto interno di comunicazione elettronica, indipendentemente dalla sua complessità e dalla larghezza di banda offerta dall’operatore di rete, ha una capacità non superiore a dieci punti di utilizzo finale e l’allacciamento dell’impianto stesso alla rete pubblica di comunicazione elettronica richiede il solo inserimento del connettore nel relativo punto terminale di rete".

Alcuni esperti in "legalese" hanno sollevato qualche dubbio perché, con l'attuale impianto, non sarebbero ben definite le fasce di utenza escluse dal nuovo provvedimento. L'installazione di un router ADSL, ad esempio, è un'operaziono di per sé molto semplice che richiede, generalmente, la verifica delle impostazioni del dispositivo accedendo al suo pannello di amministrazione utilizzando una coppia di username e password. L'utente, quindi, non si limiterebbe al solo inserimento del connettore alla presa telefonica. Inoltre, se con l'espressione "non superiore a dieci punti di utilizzo finale" si vuol fare riferimento al numero di client che possono collegarsi al dispositivo, è importante far notare come un router, anche se equipaggiato con un numero ridotto di porte (i device consumer o small office sono spesso dotati di sole quattro porte ethernet), sia potenzialmente in grado di gestire molti più sistemi collegati all'interno della rete locale.


L'avvocato Fulvio Sarzana, esperto in diritto d’autore e nuove tecnologie, ha poi spostato l'attenzione su un altro punto ritenuto di valenza cruciale: "l'articolo 2, punto 2, equipara gli installatori alle imprese titolari di autorizzazione generale per l’installazione e la fornitura di reti pubbliche di comunicazione elettronica. Gli Isp (Internet service provider) che versano in media 600 euro di contributi governativi dovranno quindi pagare, se vogliono fare il lavoro di installatori Wi-Fi, le cifre molto più alte che pagano gli operatori telefonici (almeno 23 mila euro). Questi invece potranno fare gli installatori senza versare niente in più. Altro elemento assolutamente contrario alla concorrenza è la costituzione di un albo che, come è noto, limita la concorrenza soprattutto delle piccole e medie imprese, ma che è anche un limite alla circolazione dei servizi in sede europea".

  1. Avatar
    antonello_1970
    13/04/2011 10:47:43
    Credetemi, installare un router è un gioco da ragazzi... E poi moltissimi routers incorporano l'autoconfigurazione. A cosa serve un tecnico?
  2. Avatar
    antonello_1970
    13/04/2011 10:39:38
    Chissà perché i tecnici, poi, non ne capiscono... Sappiamo di più noi utenti!
  3. Avatar
    FrancescoBon
    08/04/2011 15:25:06
    E quanto verrebbe a costare l' installazione (certificata) di un comunissimo router da 30€?
  4. Avatar
    Faus74
    08/04/2011 11:31:54
    Citazione: Insomma quando ho visto che le 12 pp. governative erano per fare cassa la cosa ha perso di serietà ed ho percepito solo una cosa: è una solita leggina per fare cassa, nulla più.
    Esatto, nè più ne meno, solo per quello.
  5. Avatar
    reumb
    08/04/2011 03:06:07
    Sono un Network Engineer e quindi potrei essere contento della creazione di albi professionali, ma siccome a detta degli altri so fare bene il mio lavoro, un albo non mi servirebbe a niente, insomma non mi darebbe niente come valore aggiunto, ma semmai aumenterebbe la parte burocratica di un lavoro che ha già di per se i suoi tempi 'morti' per tenersi costantemente aggiornati sulla novità del mondo network. Sarebbe più corretto spingere le ditte produttrici a costruire apparati che abbiano la possibilità di configurarsi ed installarsi come attualmente succede quando si connette una stampante ad un PC con S.O. MS-Seven. Ma poi leggo la bozza ministeriale e mi scappa una parolaccia quando scopro che per poter essere abilitato (come se non sapessi farlo) ad installare un ruoter devo versare la modica cifra di € 600,00. Oltre alla pratica burocratica ed inutile c'è pure la rabbia per un esborso esoso, inutile e che non ha alcun valore di riscontro giustificativo. Insomma quando ho visto che le 12 pp. governative erano per fare cassa la cosa ha perso di serietà ed ho percepito solo una cosa: è una solita leggina per fare cassa, nulla più. Quindi i politici anche se scrivono leggine inutile e che agli occhi degli esperti appaiono piene di errori ed assurdità, si scoprono essere semplicemente una ennesima tassa. Un balzello, tanto per rallentare lo sviluppo dell'informatica italiana. Buon lavoro.
  6. Avatar
    Viekke75
    07/04/2011 13:19:46
    Ottima idea per alimentare il mercato dei tecnici. Un pò come hanno fatto per il passaggio al digitale terrestre...con il boom lavorativo per i tecnici del settore. Però come fanno a definire chi è tecnico di router ? Dovrebbero farlo anche per i pc... e ci vorrebbe una sorta di checkup annuale del pc, come per l'auto.
  7. Avatar
    belcucciolo
    07/04/2011 12:58:39
    dipende se hai un modem da te acquistato non ti danno assistenza dovuta solo se acquisti un modem in comodato d'uso io ho imparato da solo a configurare il router di mia propietà smanettando :eheheh:
  8. Avatar
    besters
    07/04/2011 12:32:55
    Le trovano tutte per togliere i soldi alla gente
Tecnico obbligatorio per l'installazione di un router? - IlSoftware.it