6842 Letture

Telecom Italia lancia Internet Play: per chi gioca online

E' stata presentata quest'oggi, da Telecom Italia, la nuova opzione "Internet Play" destinata ai clienti residenziali che si utilizzano la rete Internet soprattutto per scopi videoludici. Chi gioca in Rete sa bene che la latenza è uno dei parametri più importanti per avere la meglio sugli avversari e godere di un'esperienza online fluida, limitando al minimo il cosiddetto "lag", il ritardo nello scambio delle informazioni correlato ad un ping elevato.

Telecom Italia sostiene che l'opzione "Internet Play" permetterà a tutti i sottoscrittori di un abbonamento ADSL di ridurre sino al 40% i tempi di latenza. L'offerta, spiega il comunicato ufficiale, "permette a tutti i clienti di Telecom Italia che amano il multiplayer on line, sia da PC sia da console, di vivere un'esperienza ludica più avvincente avvalendosi di un collegamento broadband maggiormente reattivo e adatto alle proprie esigenze, in grado in questo modo di soddisfare azioni di gaming anche tra più sfidanti contemporaneamente".


Telecom Italia offre ai suoi abbonati ADSL l'opportunità di provare gratuitamente senza vincoli "Internet Play" per il primo mese, senza costi di recesso. L'opzione può essere attivata, previa verifica della disponibilità del servizio, su tutti i profili ADSL Telecom Italia flat 7 Mega e Superinternet (10 e 20 Mega) al costo di 3 Euro al mese (entro il 30 novembre 2012 il primo mese sarà gratuito).

Per il momento, sul sito ufficiale dell'operatore telefonico non sono specificati i dettagli tecnici dell'offerta ossia le modalità attraverso le quali Telecom Italia conta di ridurre al minimo la latenza sulla linea ADSL. Nella scheda di presentazione di "Internet Play" è spiegato che nel corso delle prime settimane dalla richiesta di attivazione, verranno effettuati dei controlli che mirano a verificare la qualità e stabilità della linea. "In caso di problemi", si legge, "ti contatteremo per decidere insieme a te la soluzione migliore". Per raggiungere l'obiettivo prefissato, si attiverà semplicemente la modalità "fast path"?

  1. Avatar
    ethan
    01/12/2011 16:13:03
    sottigliezze tecniche a parte, resta il fatto che il servizio ADSL (telecom=altri operatori) fa pena. e questo sfido chiunque a contraddirlo. orbene, anzichè "lanciare" fantomatiche "offerte gaming" la suddetta T.I. farebbe meglio a sistemare una rete fatiscente e indegna persino dei collegamenti ADSL del Kenya (Nairobi) ah no scusate dimenticavo, sono in deficit, nonostante tariffe allucinanti......... ma per favore......... :matto:
  2. Avatar
    Lettore anonimo
    01/12/2011 14:38:53
    non ho preso le difese di nessuno. semplicemente non ritengo corretto scrivere "che l'ADSL "normale" è una tipologia castrata di collegamento": volevo sottolineare che fast è diverso da interleaved e le due modalità sono adatte per scopi diversi. Tutto qui.
  3. Avatar
    ethan
    01/12/2011 13:33:11
    siamo agli ultimi posti nel mondo per sviluppo della banda larga. invece di lanciarsi in difesa del maggiore gestore nazionale, le consiglio di leggersi le statistiche. il comportamento della Telecom è esecrabile e funge da stampo per l'adeguarsi immediato degli altri cosiddetti "competitor", che ovviamente non lo sono affatto. tutto ciò avviene in un paese come il nostro dove i diritti dei consumatori sono meno di carta igienica
  4. Avatar
    Lettore anonimo
    01/12/2011 12:03:46
    non è proprio così. Come hanno giustamente scritto nell'articolo di solito la ADSL è impostata in interleaved che assicura una maggiore protezione della trasmissione da pacchetti di errori, il fastpath invece no perchè mira appunto a ridurre la latenza. La scelta dell'algoritmo fast ha i suoi vantaggi e svantaggi.
  5. Avatar
    ethan
    01/12/2011 11:54:36
    se fossimo negli USA , ci sarebbero gli estremi per una class action. questo equivale a dire che l'ADSL "normale" è una tipologia castrata di collegamento. alla faccia del digital divide. :disapprovato:
Telecom Italia lancia Internet Play: per chi gioca online - IlSoftware.it