mercoledì 24 maggio 2017 di Michele Nasi 5579 Letture
Telecom dismetterà 6000 centrali: fibra al posto della vecchia rete in rame

Telecom dismetterà 6000 centrali: fibra al posto della vecchia rete in rame

L'ex monopolista informa AGCOM sul progetto che sarà sviluppato entro il 2024 e che porterà alla dismissione e alla conversione di oltre la metà delle centrali telefoniche sparse per l'Italia.

L'ammodernamento della rete TIM passerà anche attraverso la progressiva dismissione e la conversione di circa 6.000 centrali telefoniche su un totale di 10.500 a livello nazionale. Le modalità con cui verrà realizzato il progetto e le sue finalità sono state appena comunicate ad AGCOM, l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

L'obiettivo di TIM è quello di passare a una rete Full IP, interamente basata su fibra ottica: entro il 2024, quindi, l'ex monopolista abbandonerà completamente il rame, sia per quanto riguarda le centrali aperte ai servizi di unbundling su rame sia quelle non aperte a questo tipo di servizi.

Telecom dismetterà 6000 centrali: fibra al posto della vecchia rete in rame

Il progetto non riguarda la parte finale della "catena" ovvero i collegamenti tra la centrale, gli armadi e gli utenti finali. Anche in questo caso, però, sotto la spinta degli impegni sottoscritti in Europa, la fibra viene a poco a poco portata sui vari armadi stradali sparsi lungo tutta la Penisola. In questo modo TIM può offrire servizi FTTC (Fiber-to-the-Cabinet) nonostante il collegamento con il vecchio doppino telefonico resti in essere tra armadio e router dell'abbonato (vedere Copertura fibra: ecco quella attuale e pianificata e Mappa centrali Telecom e armadi stradali).

Entro la fine di quest'anno TIM intende raggiungere in FTTC e FTTH (Fiber-to-the-Home) l'85% della popolazione per arrivare al 95% e al 99%, rispettivamente, entro il 2018 e 2019.


Passando dal rame alla fibra a livello di centrale, TIM non soltanto potrà offrire servizi di connettività più performanti ma ridurrà notevolmente i costi di gestione energetica e immobiliare (rivendendo o concedendo a terzi gli spazi oggi utilizzati per le centrali).