2964 Letture

Twitter fa causa al governo degli Stati Uniti

Twitter ha deciso di avviare una vertenza legale chiamando in causa niente meno che il governo degli Stati Uniti. L'accusa è quella di aver violato il primo emendamento della Costituzione che garantisce la libertà di parola e di espressione per ogni cittadino.
Il social network fondato da Dick Costolo punta il dito soprattutto sulle norme speciali che regolano i rapporti tra il dipartimento di giustizia statunitense ed i vari servizi online: realtà come Twitter, Facebook, Google, Microsoft - insieme con qualunque altra società operante nel settore delle telecomunicazioni e dei servizi Internet - hanno l'obbligo di fornire i dati dei loro utenti collaborando alle indagini in corso.

Allo stesso tempo, viene vietata la diffusione di informazioni sui programmi di sorveglianza avviati dalle agenzie governative. Ed è proprio questo il punto oggetto di maggior contestazione: Twitter vuole girare agli utenti i dettagli sugli obiettivi dei programmi di monitoraggio avviati dal governo.


Twitter si fa quindi paladina di una battaglia volta a garantire maggior trasparenza nei confronti dell'utenza e ad allentare quei lacci che le agenzie governative a stelle e strisce sono oggi libere di imporre.

Le finalità dell'azione legale di Twitter sono illustrate in un post pubblicato in questa pagina.

Twitter fa causa al governo degli Stati Uniti - IlSoftware.it