7693 Letture

Ubuntu: ci sarà solo Unity. Ma è già tutto pronto?

E' previsto per fine aprile (il 28) il rilascio della versione definitiva di Ubuntu 11.04 "Natty Narwhal". Come aveva anticipato Mark Shuttleworth (ved. questo nostro articolo), ideatore del progetto Ubuntu e fondatore di Canonical, società che segue e "sponsorizza" lo sviluppo della distribuzione Linux, la release del sistema operativo di più imminente uscita, sarà la prima ad abbandonare l'interfaccia desktop GNOME in favore di Unity. Quest'ultimo è il "desktop environment" che ha debuttato nella versione di Ubuntu destinata ai sistemi desktop e che è stato poi scelto come interfaccia utente predefinita per tutte le edizioni della distribuzione (ved. questa notizia).
Anzi, Shuttleworth ha dichiarato che a partire dal rilascio di Ubuntu 11.10 "Oneiric Ocelot", previsto per il prossimo ottobre, agli utenti non sarà più possibile tornare all'utilizzo di GNOME ma potranno impiegare esclusivamente Unity.


Alcuni ritengono possa trattarsi di una manovra un tantino rischiosa e forse prematura. Unity, infatti, appare un'interfaccia dalle grandi potenzialità ma che, allo stato attuale, sembra non riuscire a proporsi come un valido sostituto per l'apprezzatissima GNOME. Un primo assaggio in anteprima dello "stato dell'arte", si può avere installando la beta di Ubuntu 11.04, da poco pubblicata sul web.
Unity appare più "scattante" rispetto a GNOME e tra i suoi fiori all'occhiello vi è l'abilità di adattarsi senza problemi a tutte le risoluzioni, concepita sin dall'inizio per funzionare sui dispositivi dotati di schermi di dimensioni ridotte. Le funzionalità complessivamente messe a disposizione da Unity, tuttavia, paiono limitate se paragonate a quelle messe nelle mani degli utenti da GNOME.

Coloro che volessero tornare al "rassicurante" GNOME potranno farlo, in Ubuntu 11.04, scegliendo l'abilitazione del "Classic Desktop", plasmato attorno alla versione 2.32 del "desktop environment". Secondo quanto rivelato da Shuttleworth, a partire dalla versione successiva di Ubuntu ciò non sarà più permesso.


In molti si augurano che non si ripeta la situazione sperimentata nel caso di KDE 4: la prima versione dell'interfaccia desktop non era pronta per il "gran lancio" ma adesso che il prodotto è nettamente maturato, pochi utenti penserebbero ad un ritorno a KDE 3.x.
Chi volesse provare la beta di Ubuntu 11.04 (ne è sconsigliato l'impiego in ambienti di produzione), può fare riferimento a questa pagina.

  1. Avatar
    jacopo
    05/04/2011 18:08:31
    Citazione: visto che Mutter è ancora un mattone in confronto a Compiz.
    Posso confermare. Il discorso è che alla fine gli utenti dovranno comunque abituarsi ad una nuova interfaccia grafica...a meno che non switchino a Debian. :mrgreen:
  2. Avatar
    gnulinux866
    05/04/2011 09:57:18
    D'accordo con Jacopo, Gnome 2.3x non sarà supportato più da nessuna distro, ci sarà il passaggio totale verso Gnome3, comunque alle stato attuale la scelta di Canonical di sostituire Gnome-Shell con Unity è una mossa azzeccatissima, visto che Mutter è ancora un mattone in confronto a Compiz.
  3. Avatar
    jacopo
    04/04/2011 16:11:56
    C'è una ragione piuttosto semplice, e che giustifica pienamente la decisione di Canonical: Ubuntu 11.10 avrà le GTK 3 e quindi anche GNOME 3. Il desktop classico di GNOME così come lo si conosce (con il pannello superiore ed inferiore, per intenderci) appartiene al ramo 2.x, che è destinato ad essere abbandonato per sempre. Oltretutto, GNOME 3 viaggia con Gnome Shell...che con i vecchi pannelli del classico GNOME non ha nulla a che fare. Ricapitolando, in Natty Narwhal abbiamo: - GTK 2.24 e GNOME 2.x - Unity (default) al posto di Gnome Shell - GNOME classico (con qualche modifica), come fallback nel caso di driver che non supportano l'accelerazione 3D. In Oneiric Ocelot avremo: - GTK 3 e GNOME 3 - Unity (default) al posto di Gnome Shell - Unity 2D (fallback)
Ubuntu: ci sarà solo Unity. Ma è già tutto pronto? - IlSoftware.it