4226 Letture

WGA "2.0" e OGA vogliono smascherare "i pirati"

"Questa copia di Windows non è originale. Potresti essere vittima di software contraffatto." E' questa, grosso modo, la traduzione del messaggio che la nuova versione dello strumento Windows Genuine Advantage (WGA) di Microsoft propone, sotto forma di classico nella traybar del sistema operativo qualora dovesse essere rilevata un'installazione irregolare.
Microsoft cerca così di combattare, in modo ancor più efficace, il problema della pirateria precisando però che anche agli utenti che utilzzino copie sprovviste di una regolare licenza d'uso continueranno comunque a ricevere le patch critiche per il sistema operativo sotto forma di "Aggiornamenti automatici". Sarà tuttavia impedito, così come accade anche adesso (a partire dalla scorsa estate), il download di nuovi componenti o tool aggiuntivi - quali, ad esempio, Internet Explorer 7 o Windows Defender -.
Il sistema WGA, per il controllo della "validità" di ciascuna copia di Windows XP, era stato lanciato nel mese di Settembre 2004 quindi introdotto ufficialmente nell'estate scorsa. Il meccanismo che mostra la nuova finestra popup nel caso in cui venga rilevata una copia non regolare del sistema operativo, è per ora in fase di test in sette nazioni tra le quali non è al momento compresa l'Italia.
Microsoft ha precisato che la nuova funzionalità di WGA non è mirata all'accanimento contro chi utilizza software piratati: l'obiettivo è invece quello di sottolineare i vantaggi derivanti dall'acquisto di una copia regolare del sistema operativo.
Da parte sua, Steve Baller - CEO di Microsoft - sottolinea come una riduzione del fenomeno della pirateria informatica possa permettere ai produttori software di mettere a punto politiche per la riduzione dei prezzi.
Pressoché contemporaneamente, Microsoft ha dato il via ad un progetto che prende direttamente le mosse da WGA: si tratta di di "Office Genutine Advantage" (OGA). Lo scopo, questa volta, è il controllo delle copie irregolari di Office.

WGA "2.0" e OGA vogliono smascherare "i pirati" - IlSoftware.it