5831 Letture

Web 2.0: che entusiasmo

Una ricerca condotta da Idc su mille decisori It europei ha rivelato che esiste un crescente e acceso interesse loro riguardo le nuove tendenze tecnologiche, dal Web 2.0 (quindi il social networking) applicato all'ambiente d'impresa a quelle di convergenza fra strumenti informatici e di comunicazione, per arrivare al green It, ossia ai metodi e alle tecniche per utilizzare la tecnologia risparmiando energia e quindi spendendo meno.

La ricerca, presentata a Berlino in occasione del Forum europeo della società di analisi, ha dapprima individuato gli obiettivi che dominano l'agenda dei Cio: per il 31% sono la sicurezza e la business continuity, per il 25% la convergenza fra It e Tlc, per il 17% la conformità alle normative e per il 15% la flessibilità delle proprie soluzioni tecnologiche.
Ma con la volontà di buttare lo sguardo oltre l'immediato, Idc ha inteso sondare l'interesse per le maggiori tendenze tecnologiche.


Ne è emerso che gli strumenti del Web 2.0 (uso della voce su Web, messaggeria unificata, blog, wiki) per ora sono ora scarsamente utilizzati, e in prevalenza nel sud Europa e in Danimarca. Ma su una proiezione di un anno e mezzo l'utilizzo dovrebbe raddoppiarsi, con una buona diffusione nel Regno Unito e nei paesi dell'Est.


Interessanti i motivi indicati per l'adozione: per un decisore It su due si tratta di migliorare la collaborazione interna all'azienda, per uno su tre il Web 2.0 fa progredire il servizio ai clienti e per uno su quattro consente di sviluppare la collaborazione con l'esterno. Un Cio su cinque, infine, pensa che aiuti a creare anche nuovi prodotti e soluzioni. Notevole anche il fatto che un terzo di coloro che utilizzano il Web 2.0 per il business dica di aver raggiunto il Roi (Return on investment) che si era prefissato. Anche se per molti ancora è difficile assegnare dei valori misurabili, così come non è semplice inserire correttamente nel budget le risorse necessarie. Difatti, solo quasi la metà del campione intervistato ha quantificato nel 5% del proprio budget It le risorse destinate alla creazione di soluzioni Web 2.0.

Quanto al tema del green It, ossia di un uso sostenibile della tecnologia, interessa praticamente tutti i decisori It. Solo che il 30% di loro ritiene essere di pertinenza diretta dei creatori e fornitori di tecnologia. Il 24% però lo interpreta, comunque, come una propria responsabilità morale. C'è anche una fisiologica quota di indifferenti, attestata intorno al 20% del campione.


E un'osservazione su tutte merita di essere portata in evidenza: il 68% dei Cio dichiara di non sapere se il materiale che acquista dai vendor soddisfi le credenziali di consumo energetico consapevole. Ossia non sa se gli consente di risparmiare energia e denaro.


Web 2.0: che entusiasmo - IlSoftware.it