37227 Letture

Windows 7 è quasi pronto: le novità della Release Candidate, trucchi e segreti

Bill Veghte, "senior vice president for Windows business" presso Microsoft, ha suggerito alle realtà aziendali che stanno ad oggi ancora valutando l'adozione di Windows Vista il passaggio diretto a Windows 7. Le dichiarazioni rese da Veghte non sorprendono gli analisti di Gartner: "se all'interno della struttura si è già iniziato il passaggio a Vista sarebbe preferibile proseguirlo. Ma se tale attività non fosse stata ancora posta in essere, sarebbe preferibile attendere la migrazione a Windows 7". Dal momento che la stragrande maggioranza delle aziende continua ad utilizzare Windows XP e poiché la metà delle imprese intervistate da Gartner ha in programma di saltare a pié pari Windows Vista, Windows 7 diventa la scelta per il futuro. Sebbene il supporto per Windows XP sia destinato a cessare in via definitiva nel 2014 (Microsoft non rilascerà più nemmeno gli aggiornamenti di sicurezza), da Gartner si caldeggia l'abbandono del sistema operativo entro la fine del 2012.

Dopo i pareri favorevoli ricevuti da parte dei beta tester ed i numerosi segnali di incoraggiamento provenienti dalla Rete, Microsoft ha deciso di forzare le tappe per giungere al rilascio della versione definitiva di Windows 7 prima della fine dell'anno, in tempo per lo "shopping natalizio".
La conferma è arrivata da Redmond nelle settimane scorse: Windows 7 verrà lanciato pubblicamente, nella sua veste definitiva, il prossimo 22 Ottobre. Come anticipato, a partire all'incirca dalla metà di Agosto, il sistema operativo dovrebbe arrivare nelle mani dei produttori di personal computer (versione "RTM").


I portavoce di Microsoft hanno confermato l'esistenza di un programma per l'aggiornamento agevolato a Windows 7, battezzato "Windows Upgrade Option". Al momento non si conoscono ancora i dettagli sulle opzioni di "upgrade" offerte agli utenti né i costi per l'aggiornamento a Windows 7 e l'acquisto di nuove licenze d'uso.
A partire da Luglio chi acquisterà un nuovo personal computer con Windows Vista preinstallato (edizioni Home Premium, Business od Ultimate) dovrebbe avere diritto all'aggiornamento gratuito a Windows 7 non appena il sistema operativo verrà rilasciato. Al momento della stesura dell'articolo non abbiamo ancora ricevuto conferme ufficiali: invitiamo quindi i lettori potenzialmente interessati a fruire di questa opportunità, a verificare la validità dell'offerta con il proprio rivenditore di fiducia.

Download ed installazione della “Release Candidate”


Ad inizio Maggio, Microsoft ha reso disponibile in Rete la “Release Candidate” (RC) di Windows 7: si tratta di una versione che rappresenta una vera e propria pietra miliare perché raccoglie tutte le caratteristiche che il gigante di Redmond inserirà anche nella release finale del sistema operativo. La possibilità di scaricare e provare Windows 7 è aperta a tutti: chiunque può quindi liberamente saggiare le novità di “Seven” (questo l'appellativo “colloquiale” con cui spesso ci si riferisce al nuovo sistema di casa Microsoft). La “Release Candidate” è una versione di anteprima del sistema operativo che anticipa il rilascio della versione definitiva ma che ancora può contenere imperfezioni in corso di risoluzione.

Visitando la pagina questa pagina ed agendo sui menù a tendina posti in calce ad essa, si può selezionare la versione da scaricare (a 32 o 64 bit) e la lingua prescelta. Per avviare il download è indispensabile possedere un account MSN Hotmail, MSN Messenger o Passport ed effettuare il login. Verrà proposto un codice prodotto ("product key") da inserire, successivamente, durante l'installazione di Windows 7. Dopo aver annotato il codice prodotto, si potrà procedere con il download del sistema operativo cliccando sul pulsante Download now. Al termine della procedura di scaricamento, si otterrà un file in formato .ISO che dovrà essere masterizzato su supporto DVD utilizzando un software come Nero o CD Burner XP.

La “Release Candidate” di Windows 7 è stata tradotta in poche lingue tra le quali non c'è l'italiano. Per rendere l'interfaccia del sistema operativo nella nostra lingua è tuttavia sufficiente applicare un apposito aggiornamento (ved. più avanti), rilasciato più di recente.

La versione “Release Candidate” di Windows 7 potrà essere utilizzata sino al 1° Giugno 2010, ben oltre la data di lancio della release finale del sistema operativo. Tuttavia, come ricorda Microsoft, a partire dal 1° Marzo 2010, la “Release Candidate” spegnerà automaticamente il sistema ogni due ore di utilizzo.


  1. Avatar
    fabiog
    10/06/2009 10:36:52
    Articolo davvero ottimo. Grazie!
Windows 7 è quasi pronto: le novità della Release Candidate, trucchi e segreti - IlSoftware.it