274805 Letture

Windows Vista: panoramica completa sul nuovo sistema operativo

Windows Mail: il successore di Outlook Express. Con Windows Vista si volta pagina: Microsoft decide di sostituire l'ormai vetusto Outlook Express, integrato in tutte le versioni del sistema operativo a partire da Windows 98, con un client di posta elettronica rinnovato.
Windows Mail cerca di stare al passo con i tempi aggiungendo funzionalità per la protezione contro gli allegati dannosi (virus e malware), un meccanismo antispam ed un sistema antiphishing.

Il nuovo client di posta mette a disposizione anche una casella di ricerca che consente di trovare istantaneamente un'e-mail memorizzata all'interno dell'archivio. Con Outlook Express, nel caso di archivi di posta particolarmente pingui, risultava pressoché impossibile trovare il messaggio d'interesse: l'unica soluzione consisteva nell'installare un software per il desktop search come X1, Copernic Desktop Search, Google Desktop Search o simili. Finalmente la possibilità di effettuare ricerche istantanee negli archivi di posta è ora direttamente integrata.

Windows Mail è il successore di Outlook Express. In alto a destra si nota la presenza della nuova casella di ricerca: è ora possibile ritrovare istantaneamente i messaggi che ci interessano.

Il filtro antispam offre una protezione di base contro la posta indesiderata: non è dotato di abilità di “autoapprendimento” (l'utente non può cioè addestrare il filtro antispam affinché possa riconoscere un maggior numero di e-mail indesiderate) ma provvede a spostare la posta che appare essere con maggior probabilità assimilabile a spam sulla base di criteri impostati in fase di sviluppo di Windows Mail. L'utente può solo indicare – ricorrendo al menù Tools, Junk e-mail options – se il controllo antispam debba essere più o meno aggressivo (impostando un livello di riconoscimento “alto” è possibile che Windows Mail commetta qualche errore: in tal caso è bene controllare periodicamente il contenuto della cartella Junk e-mail all'interno della quale viene spostata la posta indesiderata) e se debbano essere automaticamente considerati come “messaggi-spazzatura” quelli provenienti da alcuni Paesi oppure che utilizzino codifiche particolari (se non si hanno, ad esempio, corrispondenti cinesi o russi questo controllo può permettere di sbarazzarsi di un bel pò di spam). E' piuttosto fastidioso, tuttavia, che le modifiche apportate alla configurazione del filtro antispam non abbiano effetto immediato sui messaggi in archivio. Si tratta, in definitiva, di una protezione di base che opera decentemente ma che comunque sarebbe stato bene sviluppare abbinando funzionalità più evolute, proprie dei migliori software antispam (ad esempio, “autoapprendimento”, uso di DNSBL, filtri bayesiani personalizzabili), eventualmente attivabili su richiesta dell'utente più evoluto.
Windows Mail si comporta bene con i tentativi di phishing perpetrati via e-mail evidenziandoli come posta indesiderata. Per il resto, niente di nuovo sotto il sole.


Windows Mail integra una protezione antispam di base. Le e-mail riconosciute come indesiderate vengono automaticamente spostate nella cartella “Junk e-mail”.

Windows Vista: panoramica completa sul nuovo sistema operativo - IlSoftware.it - pag. 6