IlSoftware.it - Il sito italiano sul software

L'amministrazione Obama evita il ban dei prodotti Apple



Sono passati ventisei anni dall'ultima volta che un caso simile si era verificato.
L'amministrazione statunitense guidata da Barack Obama è intervenuta direttamente in un caso di violazione di brevetti industriali, bloccando l'entrata in vigore di un procedimento di interdizione che di fatto avrebbe impedito ad Apple di importare e commercializzare alcuni modelli più vecchi di iPhone e iPad, che violerebbero alcuni brevetti Samsung.

La giustificazione dell'intervento riguarderebbe le possibili ripercussioni sfavorevoli sui consumatori e sull'economia americana.
Va detto che la decisione del blocco non è che uno dei capitoli della lunga saga che oppone da anni Apple e Samsung, ciascuna desiderosa di frenare l’ascesa della rivale con ogni mezzo, anche e soprattutto giudiziario, con una lunga sequela di cause e ricorsi, sempre con la motivazione della violazione di diritti di proprietà intellettuale.

In questo caso, le versioni contrastanti delle due parti in causa, parlano di accordi di licenza concessi a condizioni non certamente favorevoli e di tentativi di evitarne il pagamento. Il tribunale aveva alla fine dato ragione a Samsung e il veto all’importazione era stato la conseguenza immediata della decisione.

Ora che il “ban” è stato impedito dalla amministrazione Obama, è evidente che le reazioni siano di segno opposto: Samsung sostiene che questo intervento mini il valore stesso dei brevetti e della proprietà intellettuale, mentre Apple si trova soddisfatta nell’accoglimento del suo ricorso contro una decisione da lei considerata un abuso.

Restano comunque aperti tutti gli altri tavoli sui quali i due giganti stanno conducendo le loro battaglie.www.01net.it


di Maria Teresa Della Mura
IlSoftware.it - Il sito italiano sul software