IlSoftware.it - Il sito italiano sul software

Problemi con gli aggiornamenti Microsoft di aprile: alcuni sistemi non si avviano più


Gli aggiornamenti cumulativi Microsoft di aprile 2019 sono incompatibili con alcuni prodotti antimalware. Prima di procedere con la loro installazione, suggeriamo di attendere ancora qualche settimana. I prodotti citati da Microsoft sono: Sophos Endpoint Protection, Avira, ArcaBit, Avast for Business, Avast CloudCare, AVG Business Edition, McAfee Endpoint Security (ENS) Threat Prevention 10.x e McAfee Host Intrusion Prevention (Host IPS) 8.0. L'articolo contiene tutti gli aggiornamenti alla data odierna.


Nei giorni scorsi avevamo fatto presente come gli aggiornamenti cumulativi di questo mese per le varie versioni di Windows, rilasciati da Microsoft martedì 9 aprile, potessero causare problemi. Dopo l'installazione delle patch KB4493472, KB4493446, KB4493448 e KB4493435 diversi utenti hanno segnalato l'impossibilità di avviare correttamente il sistema operativo con il caricamento che si blocca durante la fase di boot.

Il problema sembra collegato alla presenza sul sistema di varie soluzioni antimalware. Al momento Microsoft (vedere qui e qui) ha confermato di aver rilevato problemi con le seguenti soluzioni per la sicurezza: Sophos Endpoint Protection, Avira, ArcaBit, Avast for Business, Avast CloudCare, AVG Business Edition, McAfee Endpoint Security (ENS) Threat Prevention 10.x e McAfee Host Intrusion Prevention (Host IPS) 8.0.

Problemi con gli aggiornamenti Microsoft di aprile: alcuni sistemi non si avviano più

Sophos, da parte sua, ha indicato la procedura da seguire per risolvere il problema: riavviare Windows in modalità provvisoria, disattivare la protezione antimalware di Sophos, disinstallare l'ultimo aggiornamento cumulativo Microsoft, riattivare la protezione antimalware e riavviare la macchina.

- Avast ha pubblicato un commento ufficiale in questa pagina spiegando di aver già risolto il problema in proprio con il rilascio di un aggiornamento correttivo.

- Sophos è intervenuta a questo indirizzo con una serie di suggerimenti a tutela dei suoi utenti.
In particolare, nel caso di Sophos è possibile escludere manualmente dalla scansione le cartelle dell'antimalware ovvero percorsi come \Program Files\Sophos\Sophos Anti-Virus e \Program Files (x86)\Sophos\Sophos Anti-Virus.

- Nel caso di Avira il problema sembrerebbe ridursi a un drastico rallentamento delle macchine: Le patch Microsoft di aprile rallentano Windows: la conferma di Avira.

- McAfee sta collaborando con gli ingegneri software di Microsoft per approfondire la natura del problema. I clienti possono trovare informazioni utili qui e qui.
Come nel caso di Avira, anche McAfee cita un evidente rallentamento della macchina sia durante la fase di avvio che nel corso dell'utilizzo abituale.

Microsoft ha inoltre confermato di aver bloccato la distribuzione degli aggiornamenti di aprile 2019 sulle macchine che, da telemetria, risultano utilizzare soluzioni per la sicurezza Sophos, Avira e ArcaBit.

Suggeriamo di bloccare temporaneamente la ricezione e l'installazione degli aggiornamenti tramite Windows Update in modo da scongiurare qualunque incidente, almeno fintanto che le varie problematiche non saranno definitivamente superate.
Per procedere alla disinstallazione temporanea delle patch di aprile 2019, è possibile riavviare la macchina in modalità provvisoria quindi impartire i seguenti comandi:

wusa /uninstall /kb:4493435 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:4493448 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:4493472 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:4493446 /quiet /norestart


A seconda della versione di Windows in uso verrà disinstallato il pacchetto cumulativo corrispondente. Nel caso degli altri comandi si otterrà il messaggio Aggiornamento non installato nel computer: ciò è del tutto normale. A questo punto si può provvedere al riavvio della macchina.


di Michele Nasi
IlSoftware.it - Il sito italiano sul software