IlSoftware.it - Il sito italiano sul software

Oracle affida lo sviluppo di OpenOffice.org alla comunità



Oracle ha annunciato la propria intenzione di trasformare OpenOffice.org in un progetto opensource basato unicamente sulla community e di non proporne più una versione commerciale. L'azienda intende "iniziare immediatamente a lavorare con i membri della comunità per proseguire con il successo fatto registrato da OpenOffice", ha dichiarato Edward Screven, Chief Corporate Architect di Oracle.
Non è al momento chiaro se la società guidata da Larry Ellison voglia continuare ad investire sul progetto OpenOffice.org e se possa essere tesa una mano verso LibreOffice.

Durante gli ultimi mesi del 2010, infatti, molte sono state le frizioni tra alcuni membri di spicco del team di OpenOffice.org ed i vertici di Oracle. La situazione ha portato alla nascita del progetto LibreOffice (ved. la nostra recensione) che, come spiegarono i promotori, mira - innanzi tutto - a separare lo sviluppo del codice alla base del funzionamento della suite per l'ufficio dagli interessi commerciali di una singola azienda.

Oracle ha spiegato che, da parte sua, continuerà ad investire su tecnologie opensource considerate d'importanza strategica per i propri clienti citando MySQL ed il fronte Linux. "Vogliamo concentrarci su Linux e MySQL dal momento che entrambi questi prodotti godono di un'adozione molto ampia sia da parte dei nostri clienti commerciali che governativi", si legge nel comunicato dell'azienda che aggiunge di voler continuare a supportare l'impiego dei formati di documenti "aperti" come ODF ("Open Document Format").


di Maria Teresa Della Mura e Michele Nasi
IlSoftware.it - Il sito italiano sul software