IlSoftware.it - Il sito italiano sul software

EASEUS Todo Backup 3.0: le novità, il backup differenziale e il supporto d'avvio WinPE



Appena due mesi fa vi avevamo presentato tutte le principali funzionalità di EASEUS Todo Backup, un'utilità - da poco divenuta gratuita - che permette di creare copie di backup del contenuto di singole partizioni o di interi dischi fissi. Con la pubblicazione di EASEUS Todo Backup 3.0, gli sviluppatori del software hanno aggiunto importanti ed "inedite" caratteristiche: il backup differenziale di file ed unità disco, l'introduzione di una procedura "one click" per l'avvio delle attività di backup (messa in sicurezza del contenuto del singolo sistema oppure ripristino dello stesso su una macchina dotata di hardware differente), backup e clonazione di volumi dinamici ed installazione del programma senza la necessità di operare alcun riavvio del personal computer.

Prima di proseguire nella lettura dell'articolo, vi suggeriamo caldamente di leggere la precedente guida all'uso dedicata ad EASEUS Todo Backup e pubblicata in questa pagina. Tale servizio si riferisce alla precedente versione 2.5.1 dell'applicazione ma ne illustra comunque tutte le principali funzionalità rimaste sostanzialmente inalterate anche nella release 3.0.


Installazione senza reboot e nuova interfaccia

Come anticipato in precedenza, la terza versione di EASEUS Todo Backup non richiede il riavvio del personal computer al termine della procedura d'installazione. Non è nemmeno necessario inserire alcun dato personale (nome, cognome ed e-mail): basterà cliccare sul pulsante Finish per concludere il setup ed avviare l'applicazione.

Rispetto alla precedente versione, Todo Backup 3.0 propone – direttamente nella finestra principale – lo strumento per creare un'"istantenea" del contenuto del disco fisso o di tutte le unità collegate al personal computer (System backup), quello per impostare un backup di tipo tradizionale (File backup), per effettuare la clonazione dei dati memorizzato sull'hard disk in un'altra unità (Disk clone) e per personalizzare le attività con la possibilità di configurare backup automatici (Backup management).

I meccanismi per l'effettuazione dei backup sono accessibili anche dall'apposita scheda mentre cliccando su Recovery, si può ripristinare, ad esempio, il contenuto di un file d'immagine precedentemente generato (Disk and partition recovery) o dell'intero sistema (System recovery).
Così come permesso dai tool più avanzati, Todo Backup 3.0 consente eventualmente di estrarre dagli archivi di backup (i.e. file d'immagine) anche singoli file o cartelle. In questo modo, qualora ci si dovesse rendere conto di aver bisogno di uno o più elementi conservati in un file d'immagine prodotto in precedenza, si potrà agevolmente recuperarli senza dover ripristinare l'intero backup.

Il pulsante Recover to dissimilar hardware è molto interessante perché consente di accedere ad una peculiarità propria di un limitato numero di applicazioni e solitamente del tutto vacante nei programmi gratuiti per il disk imaging e la gestione dei backup. Todo Backup è infatti capace di ripristinare un file d'immagine su macchine dotate di un equipaggiamento hardware differente da quello del sistema ove l'archivio di backup è stato generato. Per fruire della funzionalità Recover to dissimilar hardware, è indispensabile utilizzare un disco di avvio WinPE creato con Todo Backup 3.0 accedendo alla scheda Tools. Mentre la versione a pagamento di Todo Backup automatizza tutti i passaggi necessari per giungere alla produzione del supporto di avvio, gli utenti della versione gratuita del programma hanno comunque la possibilità di arrivare al medesimo risultato scaricando ed installato il pacchetto Microsoft WAIK (Windows Automated Installation Kit).

Backup differenziale

Oltre alla modalità di backup incrementale, già presente nella precedente release del software, Todo Backup 3.0 presenta anche la possibilità, per l'utente, di ricorrere ai backup di tipo differenziale.
Rispetto ad un backup completo, ovviamente, un backup differenziale ha il vantaggio di richiedere un minor tempo per poter essere portato a conclusione: nel file d'immagine, infatti, vengono inseriti solo quei file che hanno subìto modifiche a partire dal precedente backup.
Paragato ad un backup incrementale, inoltre, il backup differenziale riesce a garantire il ripristino dei file in un tempo minore dal momento che l'operazione coinvolge solo l'ultimo backup completo e solo taluni file modificati. Nel caso del ripristino effettuato a partire da un backup incrementale, invece, si parte sempre dall'ultimo backup completo a disposizione ma il software sarà costretto ad elaborare, in sequenza, tutti i successivi backup incrementali.

La scelta della tipologia di backup da utilizzare è possibile ricorrendo al pulsante File backup:

Il backup di tipo incrementale e differenziale è disponibile solo nel caso in cui si desiderasse creare delle copie di sicurezza dei file e delle cartelle memorizzati sulle unità collegate.


di Michele Nasi
IlSoftware.it - Il sito italiano sul software