4731 Letture

Bug software: la posizione di Microsoft e Linux Foundation

E' piuttosto raro vedere Microsoft e Linux Foundation andare "a braccetto". Questa volta però le due realtà hanno unito le forze per promuovere una battaglia comune. In una lettera congiunta indirizzata all'ALI (American Law Institute), organizzazione nata nel 1923 con lo scopo di chiarificare e semplificare le normative statunitensi, Microsoft e Linux Foundation hanno criticato una proposta di legge che inasprirebbe le responsabilità a carico di chi commercializza software.
In particolare, tutti i programmi per elaboratore posti sul mercato dovrebbero essere del tutto privi di difetti. Non è ben chiaro se i prodotti opensource siano interessati dal provvedimento che però fa riferimento a tutte le società che traggono profitto dal commercio di programmi e probabilmente servizi ad essi correlati.

Sino ad oggi la presenza di bug e quindi di difetti nei prodotti software sembrava un concetto ormai fatto proprio a livello internazionale. Per questo motivo, Microsoft e Linux Foundation hanno osservato come la proposta di legge non sembri riflettere il quadro normativo attuale e, peggio ancora, potrebbe compromettere pesantemente il mercato del software. Gli sviluppatori software potrebbero così ridimensionare le proprie attività per evitare possibili rischi. Si tratterebbe insomma di un prezzo troppo alto da pagare che impatterebbe negativamente sia sul mondo dei prodotti opensource che su quello dei programmi "a sorgente chiuso". Tutto a discapito dell'innovazione.

  1. Avatar
    Iskander66
    28/05/2009 12:35:27
    Ottimo motivo per usare Linux con i suoi continui aggiornamenti. Altro che Patch Day una volta ogni morte di Papa...
  2. Avatar
    gnulinux866
    22/05/2009 12:20:24
    Quoto entrambi, però secondo me un altro problema è da ricercare nella reale preparazione di chi programma.
  3. Avatar
    alexxxxxxxf
    22/05/2009 00:41:48
    era ora che favevano una legge del genere, con questa scusa le software house con microsoft in testa ci si sono arricchite a dismisura e ne hanno abusato, con la scusa di nuovi aggiornamenti hanno praticamente portato l'utente a comperare sempre sottware nuovo sopratutto in ambito aziendale dove la sicurezza è importante, prendete ad esempio windows 98 ecc... senza contare che anche l'ottimo windows xp è destinato a fare una brutta fine, e allora? il punto è ho fanno software perfetto o al massimo con qualche( ripeto e sottolineo qualche)bug o forniscono assistenza per sempre...
  4. Avatar
    Sergio59
    21/05/2009 21:56:25
    Sono daccordo che l'errore è inevitabile, ma sinceramente 20 anni fa ce n'erano un po' di meno. Si potrebbe dire che i programmi sono più complessi, ma ora si usano programmi con progettazione visuale delle interfacce, si riciclano Dll o simili, si hanno frammenti di codice abbastanza standardizzati, in passato si usava il linguaggio C o il linguaggio macchina (decisamente più difficili)
Bug software: la posizione di Microsoft e Linux Foundation - IlSoftware.it