4911 Letture

Canonical vuole più sviluppatori interessati ad Ubuntu

Canonical, società privata fondata e finanziata dall'imprenditore sudafricano Mark Shuttleworth che si occupa, tra l'altro, dello sviluppo di Ubuntu, ha comunicato di aver aperto un nuovo sito web - Developer Portal - pensato per spronare sia gli sviluppatori "di primo pelo" che quelli più esperti a compiere i primi passi nella realizzazione di applicazioni destinate alla piattaforma Linux.
Attraverso il nuovo "Ubuntu Developer Portal", Canonical desidera promuovere l'utilizzo di Quickly, il framework di sviluppo ideato dalla società con sede nell'Isola di Man evidenziandone la semplicità ed, allo stesso tempo, la potenza.

Il lancio del portale è stato deciso appena qualche giorno fa, in occasione dell'"Ubuntu App Developer Week", evento durante il quale gli sviluppatori si sono cofrontati sulle possibilità offerte dalla distribuzione e dalla piattaforma Linux in generale. "L'obiettivo del sito è quello di arricchire ulteriormente l'Ubuntu Software Center con un maggior numero di applicazioni, di qualità ancor più elevata", ha spiegato John Oxton, uno degli esperti di Canonical che si occupano dell'interfaccia grafica della distribuzione. "Il progetto si rivolge ai singoli programmatori od a piccoli gruppi di essi che stiano già creando applicazioni rivolte ad altre piattaforme".

La mossa di Canonical, in un mondo sempre più fatto di "apps" (c'è un'"app" per risolvere qualunque esigenza...), mira quindi a suscitare un sempre maggior interesse anche da parte degli sviluppatori autonomi ponendo nelle loro mani un meccanismo rapido (si compone di tre passi) per preparare il pacchetto d'installazione di un programma e pubblicarlo nell'Ubuntu Software Center.

Canonical vuole più sviluppatori interessati ad Ubuntu - IlSoftware.it