10586 Letture
File danneggiato, attenzione ai formati

File danneggiato, attenzione ai formati

Il file è danneggiato ed è impossibile aprirlo: il messaggio d'errore compare quando si fa doppio clic. Non sempre però è dovuto a un file corrotto: spesso, invece, l'elemento è stato salvato in un altro formato ed è semplicemente la sua estensione ad essere scorretta.

A quanti di voi è capitato di imbattersi in un problema all'apparenza irrisolvibile: cliccando due volte su un documento si viene informati che il file è danneggiato ed è impossibile aprirlo.

Una delle prime verifiche da fare è verificare il formato in cui il file è stato salvato. L'estensione indicata (ad esempio .doc, .docx, .pdf, .odt) potrebbe infatti non essere quella corretta.

Può capitare che al file venga assegnata un'estensione che non corrisponde al formato con cui il documento è stato effettivamente memorizzato.

Il consiglio è quindi quello di verificare in primis con che formato di file si ha davvero a che fare.

Per procedere, suggeriamo di installare un semplice editor di testo come Notepad++, cliccare con il tasto destro del mouse sul file che viene indicato come danneggiato quindi scegliere Edit with Notepad++ (oppure selezionare Apri con, Scegli un'altra app, Altre app, Notepad++).

Esaminando quanto riportato nell'header del file, si leggerà di che tipo di file si tratta.
Nel caso dei file in formato PDF, si dovrebbe leggere subito "PDF" (insieme con la versione delle specifiche utilizzate per produrre il file) all'interno della prima stringa, nella prima riga.


File danneggiato, attenzione ai formati

Nel caso dei file DOC di Word, poco più sotto si dovrebbe invece trovare un'indicazione del tipo Word.Document.

File danneggiato, attenzione ai formati

Analogamente, nel caso dei file ODT creati con LibreOffice Writer, si dovrebbe trovare - nella prima riga - oasis.opendocument.text. OASIS è un organismo indipendente riconosciuto per gli standard che ha approvato il formato aperto OpenDocument come standard per la memorizzazione dei documenti a maggio 2005.

File danneggiato, attenzione ai formati

Il DOCX è il formato che Microsoft ha adottato per default nelle più recenti versioni di Office. Come nel caso del formato OpenDocument (predefinito in LibreOffice), un documento DOCX è in realtà un file compresso Zip che contiene al suo interno la descrizione XML delle sue varie parti.
Rinominando un file .DOCX in .ZIP quindi facendovi doppio clic se ne dovrebbe quindi visualizzare il contenuto. Aprendo il file \word\document.xml con il browser web, si potrà verificare il contenuto del documento Word in formato testuale.


File danneggiato, attenzione ai formati

Il file XML citato contiene infatti tutti i testi e gli attribuiti ad essi associati.
In caso di emergenza, allorquando si avesse bisogno di recuperare almeno i testi di un file DOCX, aprire document.xml può essere risolutivo.

In aggiunta o in alternativa, è possibile usare un programma gratuito come AnalyzeIt!: indicandogli il file da analizzare e cliccando sul pulsante Analyze file header and content verrà svelata la reale tipologia del file.
In caso di dubbio, AnalyzeIt! indica il tipo di file in termini di probabilità.

Rinominando il file con l'estensione giusta, quindi, il file dovrebbe essere aperto con il programma corretto e senza la visualizzazione di alcun errore.
Consigliamo di attivare sempre la visualizzazione delle estensioni dei file in Windows: vedere Visualizzare le estensioni dei file in Windows e smascherare chi usa pericolosi trucchi e Opzioni cartella in Windows 10, cosa c'è di nuovo e di vecchio.