1420 Letture
NVidia presenta la sua scheda A100 PCIe 4.0 per il supercomputing

NVidia presenta la sua scheda A100 PCIe 4.0 per il supercomputing

NVidia presenta una scheda A100 basata sull'interfaccia PCIe 4.0, installabile sui server tradizionali e anche sui PC.

Qualche settimana fa NVidia ha annunciato la nuova architettura Ampère per i data center. La scheda A100 basata su chip GA100 era già stata svelata nel formato specifico SXM4 per i server dell'azienda.
Adesso NVidia ha presentato il modello progettato e realizzato per i sistemi server più tradizionali basati sulle più recenti specifiche dello standard PCIe.
Si tratta di una novità senza dubbio molto importante perché la scheda A100 diventa installabile anche sui sistemi server e sui PC più economici. Anche il consumo passa dai 400W della versione SXM4 ai 250W, molto più gestibili, del modello PCIe 4.0.

NVidia presenta la sua scheda A100 PCIe 4.0 per il supercomputing

I consumi inferiori si traducono anche in una riduzione delle frequenze di clock alle quale la scheda A100 può spingersi ma stando a quanto riferito la versione PCIe 4.0 dovrebbe mantenere circa il 90% delle prestazioni della "sorella maggiore" SXM4.


La scheda appena svelata conserva le caratteristiche del chip GA100 con 6912 CUDA core ed è capace di lavorare fino a 1,41 GHz nelle elaborazioni FP32 offrendo 19,5 TeraFLOPS di potenza. La "dotazione" prevede l'utilizzo di 40 GB di memoria HBM2 a 2,4 GHz e un'interconnessione NVLink 3.0 a bordo.

NVidia presenta la sua scheda A100 PCIe 4.0 per il supercomputing

Secondo quanto dichiarato da NVidia, ci sono più di 30 modelli di server in preparazione che le aziende partner immetteranno sul mercato con la scheda A100 preinstallata. Quasi sicuramente, anche se di conferme anche non ce ne sono, si tratterà di macchine basate su processori AMD EPYC che già supportano l'interfaccia PCIe 4.0. I primi modelli dovrebero essere presentati nel corso delle prossime settimane.

I più scaricati del mese

NVidia presenta la sua scheda A100 PCIe 4.0 per il supercomputing