Sconti Amazon
venerdì 23 dicembre 2022 di 1886 Letture
Satelliti Starlink: cosa sono e come osservarli con un servizio online

Satelliti Starlink: cosa sono e come osservarli con un servizio online

Cosa sono i satelliti Starlink che adesso si apprestano a essere lanciati in orbita nella loro seconda versione.

Da anni si parlava del progetto Starlink varato dalla società aerospaziale SpaceX, di proprietà di Elon Musk, e a fine maggio 2019 sono stati portati in orbita i primi 60 satelliti. Oggi, dopo alcune decine di lanci (tutti avvenuti con successo), si contano oltre 3.600 satelliti Starlink operativi.

Obiettivo del progetto Starlink è quello di portare banda ultralarga in ogni "angolo" del pianeta, anche nelle zone più sperdute dove mancano le infrastrutture terrestri.

Nell'articolo in cui spieghiamo come funziona Starlink abbiamo già detto che i satelliti vengono posizionati nella fascia LEO (Low Earth Orbit), ovvero nell'orbita terrestre bassa. Dal momento che quando sono operativi i satelliti Starlink lavorano a una distanza media di 550 chilometri dalla superficie terrestre (contro i 36.000 km dei satelliti geostazionari), le prestazioni attese sono molto superiori rispetto a quelle della connettività satellitare classica.

La connessione Starlink è attivabile anche dall'Italia con diversi profili di abbonamento, sia da postazione fissa che in mobilità (servizio Starlink per camper). In un altro articolo abbiamo visto quanto va veloce Starlink e abbiamo parlato del prezzo ribassato a 50 euro nel nostro Paese.

Dicevamo che tenere i satelliti più vicini al suolo terreste, nell'orbita LEO, porta innegabili vantaggi in termini di performance ma ovviamente porta a una significativa riduzione della superficie terrestre che viene illuminata da ciascuna unità. Mentre i satelliti geostazionari possono offrire il servizio su aree molto più vaste, nel caso di Starlink è necessario dispiegare tanti satelliti per fornire il servizio su vasta scala. Il progetto Starlink mira infatti a creare una costellazione di satelliti globale composta da circa 12.000 unità che comunicano tra loro usando un fascio laser. Inoltre i satelliti Starlink non sono geostazionari ma orbitano rapidamente intorno alla Terra.

La posizione dei satelliti Starlink può essere verificata in tempo reale utilizzando il servizio online Satellite Map.

Provate a cercare su Google "treno satelliti Starlink": ogni volta che SpaceX effettua un nuovo lancio (qui i lanci effettuati fino ad oggi) in tante parti del globo (molto di frequente anche in Italia) vengono segnalati treni di luci visibili nel cielo. Sono proprio satelliti Starlink che riflettono la luce e, nella notte, sono chiaramente visibili a occhio nudo.

Il "trenino" compare nella volta celeste solo a breve distanza dal lancio perché i satelliti vengono rilasciati a una distanza che non supera i 300 chilometri di altitudine per poi posizionarsi nella fascia LEO.

Seconda generazione di satelliti Starlink

Nei prossimi giorni, comunque entro la fine di dicembre 2022, SpaceX ha intenzione di lanciare i primi satelliti Starlink di nuova generazione. In questo caso l'azienda aerospaziale ha ricevuto il "via libera" dalla FCC (Federal Communications Commission) statunitense per lanciarne 7.500 (era stato richiesto il lancio di ulteriori 30.000 satelliti circa). Anche in questo caso i satelliti di Starlink di nuova generazione opereranno da quote comprese tra 475 e 580 chilometri di altitudine.

I satelliti Starlink 2.0 integrano antenne rinnovate e più performanti, un beacon VHF che permetterà al gestore di ridurre significativamente le probabilità di perdita delle unità grazie a un collegamento di backup sempre disponibile.

I nuovi satelliti, chiamati Starlink V2 Mini dovrebbero essere più voluminosi e pesanti rispetto a quelli attualmente in orbita arrivando a 800 chilogrammi e misurando 4,1 x 2,7 metri ciascuno.

SpaceX afferma che i satelliti Starlink V2 Mini sono dotati di una coppia di enormi pannelli solari potendo arrivare a una superficie di 120 metri quadrati, una volta aperti nella loro interezza. Ipotizzando che i satelliti V2 Mini abbiano all'incirca la stessa efficienza energetica dei satelliti V1.5 già in uso e montino pannelli solari altrettanto efficienti, gli Starlink di seconda generazione potrebbero offrire una larghezza di banda 3-4 volte superiore.

Uno strumento online per seguire la posizione dei satelliti Starlink

Uno dei migliori strumenti in assoluto che consentono di trovare la posizione dei satelliti (non solo Starlink) è See A Satellite Tonight: si tratta di un progetto davvero ben realizzato che in un'unica pagina permette di visualizzare come si muovono i satelliti sulla volta celeste.

Oltre a una mappa interattiva, See A Satellite Tonight si serve di Google Street View per mostrare dove si trova ciascun satellite e le varie costellazioni, utilizzabili come punti di riferimento.

Suggeriamo la lettura di un articolo di approfondimento che spiega il funzionamento di See A Satellite Tonight e di come riesca a combinare i dati provenienti da molteplici fonti in un unico meraviglioso progetto.

Per uno sviluppatore utilizzare Street View è molto costoso: Google richiede 7 dollari ogni 1.000 visualizzazioni. L'autore di See A Satellite Tonight è però riuscito a ottenere la possibilità di sovrapporre informazioni a quelle restituite da Street View a costo zero: il suo progetto è stato infatti approvato come un'attività didattico-scientifica.

Critiche al progetto Starlink sono state sollevate da più parti rispetto al contributo che in ottica futura può portare in termini di detriti spaziali. La comunità astronomica ha inoltre portato sul tavolo il tema dell'inquinamento luminoso spaziale del cielo notturno: la presenza di così tanti satelliti può rendere difficoltose le osservazioni e le indagini scientifiche.

Credit: l'immagine utilizzata per le miniature di questo articolo è di SpaceX.


Buoni regalo Amazon
Satelliti Starlink: cosa sono e come osservarli con un servizio online - IlSoftware.it