77550 Letture

Spam: prevenire l'arrivo di messaggi indesiderati. Come difendersi.

Se cercate su un dizionario inglese la parola spam troverete qualcosa di simile: carne suina in scatola. Il sostantivo spam deriva infatti da Spiced Pork Ham: si tratta delle famose scatolette che erano fornite in dotazione ai militari americani nel dopoguerra. Nonostante il problema spam sia spesso associato, visivamente, ad una scatoletta di carne, i più fanno derivare il sostantivo spam da una scenetta di Monty Python nella quale un'allegra combriccola di commensali, travestiti da vichinghi, non fa altro che ripetere spam, spam, spam... alla cameriera, giunta per ritirare le ordinazioni. Così facendo, il loro frastuono non permette, ad una coppia di clienti, di capire cosa c'è nel menù (le parole della cameriera sono costantemente superate, per intensità, dalle urla dei vichinghi). Alla fine, la coppia non può far altro che ordinare spam...
Il termine spam, in ambito informatico, è stato scelto, quindi, per descrivere tutte quelle azioni che, in genere, ostacolano le proprie possibilità di comunicazione.

Avete presente quelle fastidiosissime e-mail pubblicitarie che spesso trovate nella vostra casella di posta elettronica? Solitamente trattasi, appunto, di spam poiché si ha a che fare con e-mail non richieste, contenenti materiale indesiderato: tali messaggi di posta non fanno altro che farci perdere tempo.


Coloro che effettuano "spamming" ossia che inviano e-mail pubblicitarie indesiderate ai quattro cantoni, fanno uso di speciali programmi che provvedono a "scandagliare" periodicamente la Rete alla ricerca di indirizzi e-mail comparsi nelle comuni pagine web.

Il primo suggerimento che vi vogliamo dare, quindi, può risultare un pò banale ma è certamente il più efficace: tenete riservato il vostro indirizzo e-mail comunicandolo solo a persone fidate.


Mantenete quindi il più possibile riservato il vostro indirizzo e-mail "di lavoro" o comunque quello che utilizzate per scambiare i messaggi più importanti.

Qualora, infatti, il vostro indirizzo di posta elettronica dovesse venire "scovato" da parte di uno o più spammer, questo viene rivenduto ad altri spammer e poi ad altri ancora: vi ritroverete quindi tonnellate di spam nella casella di posta presa di mira.

E per partecipare a newsgroup e forum, per pubblicare l'e-mail sul proprio sito Internet? Come fare?

La cosa più sensata è quella di creare un account di posta elettronica "di servizio" (per esempio tramite i tanti servizi gratuiti disponibili in Rete) che sia "sacrificabile" senza problemi qualora dovesse cadere nelle mani degli spammer. Così facendo, l'intento è quello di evitare la diffusione degli indirizzi e-mail più importanti come, ad esempio, quello aziendale. L'indirizzo aziendale dovrebbe essere utilizzato solo per la corrispondenza con persone di fiducia e non dovrebbe mai essere reso disponibile sul web.


Spam: prevenire l'arrivo di messaggi indesiderati. Come difendersi. - IlSoftware.it