1696 Letture

Team per la trasformazione digitale: ecco i primi nomi

Lo scorso agosto il numero due di Amazon, Diego Piacentini, è stato nominato Commissario Straordinario per l'attuazione dell'Agenda Digitale. Piacentini, che ha chiesto al colosso di Jeff Bezos due anni di aspettativa, si occuperà di innovazione e dell'adeguamento tecnico e tecnologico della pubblica amministrazione italiana.

A metà ottobre si è chiusa la prima procedura per la raccolta dei curricula dei candidati interessati ad entrare a far parte del Team per la Trasformazione Digitale.
Oggi, a conclusione dell'attività di selezione (vedere 3.500 candidature di esperti per il team di Diego Piacentini), sono stati resi noti i nomi dei primi "selezionati" insieme con il rispettivo settore di competenza.

Team per la trasformazione digitale: ecco i primi nomi

Piacentini e il suo team hanno il compito di rendere i servizi pubblici per i cittadini e aziende accessibili nel modo più semplice possibile, innanzitutto tramite dispositivi mobili (approccio “mobile first”), con architetture sicure, scalabili, altamente affidabili e basate su interfacce applicative (API) chiaramente definite; supportare le pubbliche amministrazioni centrali e locali nel prendere decisioni migliori e il più possibile basate sui dati, grazie all'adozione delle più moderne metodologie di analisi e sintesi dei dati su larga scala, quali Big Data e Machine Learning.

Collaboratori di Piacentini saranno Paolo Barberis, che come il commissario lavorerà pro bono, e una squadra composta da 20 soggetti. Alcuni nomi sono stati appena resi noti:


- Simone Piunno: Chief Technology Officer - Tecnologia e Architettura
- Raffaele Lillo: Applied Data Scientist
- Giovanni Bajo: Relazioni Sviluppatori
- Guido Scorza: Affari Regolamentari nazionali ed europei
- Marisandra Lizzi: Comunicazione e PR
- Simone Surdi: Assistente Tecnico e Coordinatore delle attività


Maggiori informazioni sono pubblicate sul sito ufficiale del Team per la Trasformazione Digitale, a questo indirizzo.

Team per la trasformazione digitale: ecco i primi nomi - IlSoftware.it