6543 Letture

Tribler rivoluziona e rende anonimo BitTorrent

Un gruppo di ricercatori dell'Università Tecnica di Delft (Olanda), hanno annunciato di aver messo a punto un client BitTorrent che può vivere vita propria, senza necessitare di server centralizzati. La stretta correlazione che lega a doppio filo la rete BitTorrent con i tracker è da sempre considerata un importante punto debole. Con Tribler, questo il nome del client creato dal team olandese, la rete viene mantenuta in vita, anche allorquando tutti i motori di ricerca, gli indici ed i trackers non dovessero più risultare utilizzabili.

Poggiando sul network TOR, Tribler promette anche il massimo grado di anonimato ai suoi utenti permettendo la condivisione del materiale senza esporre il primo indirizzo IP reale. Grazie all'utilizzo della crittografia end-to-end, tutte le informazioni in transito non viaggiano più in chiaro e non sono esaminabili da parte di chiunque svolgesse un'attività di monitoraggio intermedia.


Gli utenti di Tribler possono impostare liberamente il numero dei cosiddetti onion routers (vedere Anonimato in Rete con TOR: per visitare qualunque sito tutelando la propria privacy e Navigare anonimi online con Chrome) che s'intendono attraversare. Più alto sarà il numero degli onion routers attraversati, maggiore sarà il livello di anonimato garantito dall'accoppiata Tribler-TOR.

Accanto alla maggior tutela della privacy, va comunque evidenziato che Tribler (questa la pagina ufficiale del progetto) comporterà un notevole aumento in termini di consumo della banda di rete ed il passaggio attraverso i vari onion routers contribuirà a ridurre le velocità di trasferimento dati.

  1. Avatar
    magopenguin
    21/12/2014 11:56:53
    Citazione: @magopenguin: in quell'articolo c'è scritta una cosa importante che anche gli sviluppatorri di tor hanno sempre ricordato ovvero che il traffico dati dei plugin per il browsr non passa per la rete tor. se vuoi mantenere l'anonimato nascondendo il tuo ip non devi quindi usare un browser che carica flash, quicktime e compagnia bella...
    Scusami e grazie per il tuo intervento :approvato: ma e visto che non sono ferratissimo in materia,ma quale browser non carica flash?
  2. Avatar
    MultiOS
    20/12/2014 19:00:08
    @gydam Qui, sotto la lente non e' TOR, ma Tribler che, si voglia o meno (a fatti, non a parole o idee) non garantisce, almeno ad oggi, alcuna forma di anonimato. Ne deriva, sempre che si voglia o meno, che, o si usa un proxy o una VPN (ve ne sono eccome a pagamentoo che garantiscono l'anonimato tanto che molte non conservano neppure i logs), o con Tribler puoi fischiare finche' ne hai voglia. Basta prendersi la briga di testarlo.
  3. Avatar
    gydam
    20/12/2014 18:14:45
    @MultiOS: le mie non sono affermazioni "soloniche". Una rete VPN, specie se gestita da parte di terzi non ti dà garanzia di anonimato. La rete TOR invece sì, soprattuto se passi attraverso diversi onion router. Esiste il problema degli onion malevoli ma gli sviluppatori di TOR hanno ampiamente preso in carico il problema. @magopenguin: in quell'articolo c'è scritta una cosa importante che anche gli sviluppatorri di tor hanno sempre ricordato ovvero che il traffico dati dei plugin per il browsr non passa per la rete tor. se vuoi mantenere l'anonimato nascondendo il tuo ip non devi quindi usare un browser che carica flash, quicktime e compagnia bella...
  4. Avatar
    MultiOS
    20/12/2014 10:03:40
    Idee?! Fatti, non idee. La mia valutazione, poggia su prove, ma vedi un po', proprio effettuate end su end. (ma basta anche molto meno...). Le tue soloniche affermazioni, invece?
  5. Avatar
    gydam
    20/12/2014 08:45:48
    Macchè. Non hai idea di che cosa sia TOR e non hai idea di cosa significhi crittografia end to end.
  6. Avatar
    Lettore anonimo
    19/12/2014 18:14:49
    Tribler, per il momento, e' anomimo quanto lo sarebbe un alieno che atterra in piazza del Duomo a Milano. O si usa un proxy di provata efficienza e affidablita' (o VPN che consenta il P2P), ma in questo caso va bene un qualsiasi client .torrent, o ciccia.
Tribler rivoluziona e rende anonimo BitTorrent - IlSoftware.it