Ricerca

lunedì 27 giugno


Che cos'è MU-MIMO e può davvero migliorare la connessione WiFi?

di Michele Nasi (25/02/2016)

Ultimamente, soprattutto nelle specifiche dei dispositivi mobili, si trova sempre più spesso un riferimento alla tecnologia MU-MIMO.

Ma cos'è MU-MIMO e può davvero migliorare la connessione WiFi?

MIMO è acronimo di Multiple Input, Multiple Output. Si tratta di un termine che viene utilizzato per indicare quando la banda disponibile viene suddivisa tra più dispositivi wireless differenti.

La tecnologia MIMO fu presentata nel 2007 quando sul mercato vennero immessi i primi dispositivi 802.11n. Con MIMO router e dispositivi collegati possono inviare e ricevere simultaneamente più stream di dati incrementando così la velocità del collegamento.
Un router/device 1x1 supporta solo uno stream in ciascuna delle due direzioni (invio e ricezione); un 2x2 ne supporta due per ciascuna direzione; un 3x3 ne supporta tre.
Un dispositivo MIMO 3x3 può colloquiare con un 2x2 ma le performance durante il trasferimento dati sono ovviamente condizionate dal device più lento.

Indipendentemente dal numero di stream supportati, un router MIMO 802.11n può comunicare con un dispositivo alla volta.
Ecco perché la prima implementazione della tecnologia MIMO è chiamata anche SU-MIMO, ovvero Single User Multiple Input, Multiple Output.

Supponendo che due dispositivi WiFi richiedano nello stesso esatto istante un trasferimento dati, uno avrà la priorità sull'altro ed il secondo dovrà attendere che "il concorrente" abbia effettuato il buffering di un certo numero di bit.

Di solito, utilizzando SU-MIMO, non si dovrebbero rilevare rallentamenti perché i dati vengono inviati e ricevuti dai dispositivi connessi in rapida successione.

La maggioranza dei dispositivi in circolazione (soprattutto smartphone e tablet) sono ancor'oggi SU-MIMO 1x1: l'aggiunta di antenne addizionali e dei componenti per l'elaborazione dei segnali, infatti, richiedono maggiore spazio ed innalzano i consumi energetici.

Che cos'è MU-MIMO e può davvero migliorare la connessione WiFi?

Come funziona MU-MIMO

Di contro, con MU-MIMO (Multiple User, Multiple Input, Multiple Output) un router WiFi può inviare e ricevere dati con più dispositivi client allo stesso tempo.
Anche nel caso di MU-MIMO si usano le indicazioni 2x2, 3x3 e 4x4 per indicare il numero di stream gestibili simultaneamente nelle due direzioni con i dispositivi connessi.

Un router MU-MIMO può mantenere costante il segnale wireless gestendo in contemporanea fino a quattro dispositivi e ciò senza compromettere la velocità di ciascun trasferimento dati.

Che cos'è MU-MIMO e può davvero migliorare la connessione WiFi?

Gli svantaggi di MU-MIMO

Non è però tutto "rose e fiori". Affinché MU-MIMO possa davvero funzionare è indispensabile che anche i dispositivi client (quindi non soltanto il router) siano compatibili MU-MIMO.
Inoltre, MU-MIMO è attualmente supportato solo nell'ambito delle specifiche 802.11ac che sono abbracciate, ad oggi, da un numero ristretto di prodotti: 802.11ac, ce n'è davvero bisogno?.
Un numero ancora più ridotto di dispositivi, poi, supporta MU-MIMO.

Sono pochissimi i notebook che, ad oggi, integrano una scheda wireless MU-MIMO ed il supporto per questa tecnologia sembra per il momento coinvolgere essenzialmente i più recenti smartphone e tablet.

Anche se si decidesse di acquistare un più costoso router MU-MIMO, potrebbe passare qualche anno prima di utilizzare diversi dispositivi effettivamente compatibili.

Allo stato attuale, inoltre, MU-MIMO supporta fino a quattro stream e quindi permette gestire un collegamento wireless stabile con un numero massimo di quattro dispositivi. Aggiungendo un quinto, questo dovrebbe necessariamente condividere un canale di comunicazione con un altro device ugualmente connesso al router MU-MIMO.

Da ultimo, è importante evidenziare che i segnali MU-MIMO vengano diffusi su base direzionale: se due dispositivi client, contemporaneamente connessi al router, fossero molto vicini tra loro, questi condividerebbero lo stesso canale non potendo godere dei benefici relativi all'ottimizzazione della banda disponibile e quindi senza alcun vantaggio rispetto ad una tradizionale soluzione SU-MIMO.

Articolo seguente: Copiare o spostare file da Google Drive a OneDrive o Dropbox
Articolo precedente: Caricatore USB, quale scegliere?
8256 letture
Ultimi commenti
Nessun lettore ha inviato un commento.
Vuoi essere il primo? Clicca su Inserisci il tuo commento!


Leggi tutti i commenti

Commenta anche su Facebook
Link alla home page de IlSoftware.it

P.IVA: 02472210547 | Copyright © 2001 - 2016

PRIVACY | INFORMATIVA ESTESA COOKIES | Info legali | Pubblicità | Contatti | Storia | Supporta | Credits

Segui i nostri Feed RSS de IlSoftware.it Segui i nostri Feed RSS