giovedì 11 febbraio 2021 di 2153 Letture
Addio ai problemi con i Servicing Stack Update di Windows: adesso integrati negli aggiornamenti cumulativi

Addio ai problemi con i Servicing Stack Update di Windows: adesso integrati negli aggiornamenti cumulativi

I pacchetti Servicing Stack Update (SSU) saranno presto integrati negli aggiornamenti cumulativi per Windows che Microsoft rilascia a cadenza mensile.

I Servicing Stack Update (SSU) sono aggiornamenti Windows che risultano indispensabili per poter effettuare il download e l'installazione delle patch mensili Microsoft e degli altri componenti software distribuiti attraverso Windows Update.
La mancanza di un SSU aggiornato sul sistema in uso può portare alla comparsa di diversi codici di errore al momento dell'utilizzo di Windows Update: Aggiornamento di Windows non si installa e compare l'errore 0x80070020.

Come abbiamo visto nell'articolo Cos'è un Servicing Stack Update e come funziona, alcuni utenti - alla comparsa dell'errore in Windows Update - tendono a ignorare il problema rinviando la sua risoluzione.
Così facendo, però, il sistema in uso non installerà gli aggiornamenti di sicurezza e potrebbe restare esposto ad attacchi di vario genere.


Dopo le indiscrezioni dei mesi scorsi, Microsoft ha finalmente confermato che i pacchetti SSU diverranno presto parte integrante degli aggiornamenti cumulativi per Windows distribuiti a cadenza mensile.

In questo modo non si rischierà più di incorrere in malfunzionamenti di Windows Update nel caso in cui gli utenti non avessero precedentemente installato uno specifico SSU.
L'integrazione degli SSU negli aggiornamenti cumulativi di Windows dovrebbe concretizzarsi nel giro di qualche mese.
Nel frattempo Microsoft invita a scaricare e installare il pacchetto SSU di febbraio 2021 in modo da assicurarsi che i sistemi in uso siano pronti per la novità in arrivo.
Se Windows Update fosse correttamente configurato e funzionante, l'ultimo SSU verrà proposto in automatico.

Addio ai problemi con i Servicing Stack Update di Windows: adesso integrati negli aggiornamenti cumulativi - IlSoftware.it