39487 Letture

Aggiornamento a Windows 10: come prepararsi e cosa c'è da sapere

Il nuovo sistema operativo Microsoft, quello che è stato ripetutamente presentato come l'ultimo della storia dell'azienda (Windows 10 sarà l'ultima versione di Windows), verrà lanciato il 29 luglio 2015 (Windows 10, data di uscita ufficializzata al 29 luglio). È questa la data di uscita di Windows 10, stabilita in via definitiva almeno per le versioni destinate a PC e tablet.

Aggiornamento gratuito a Windows 10

Microsoft offre a tutti i possessori di una regolare licenza di Windows 7 SP1 e di Windows 8.1 l'opportunità di aggiornare gratuitamente a Windows 10. La richiesta, però, deve essere inoltrata entro il primo anno dalla data del rilascio della versione finale di Windows 10 (quindi, presumibilmente, entro e non oltre il 29 luglio 2016). Una volta richiesto l'aggiornamento a Windows 10 entro il primo anno, il sistema operativo potrà essere utilizzato a tempo indeterminato senza nulla dovere a Microsoft.

I percorsi di aggiornamento gratuiti sono i seguenti:


- Windows 7 Starter, Windows 7 Home Basic, Windows 7 Home Premium e Windows 8.1 potranno essere aggiornate gratuitamente a Windows 10 Home.
- Windows 7 Professional, Windows 7 Ultimate e Windows 8.1 Pro potranno essere aggiornate gratis a Windows 10 Pro.
- Le edizioni Enterprise di Windows 7 e Windows 8.x, oltre che Windows RT, non danno diritto ad aggiornare gratis a Windows 10.

Nell'articolo Tutte le edizioni di Windows 10: eccole presentate abbiamo brevemente presentato le varie edizioni di Windows 10.

Gli utenti che hanno installato una versione di anteprima di Windows 10 riceveranno l'aggiornamento alla versione finale (Windows 10 RTM) il 29 luglio 2015.
In questo modo, nessun dato andrà perso e gli utenti potranno continuare a lavorare con l'installazione di Windows. Dopo l'aggiornamento alla versione finale, però, Windows 10 potrà essere utilizzato - senza l'introduzione di un codice Product Key valido - per un periodo di tempo molto probabilmente non superiore ai 180 giorni (vedere anche Windows 10 gratuito per chi installa l'anteprima?).
Scaduto tale periodo di tempo, gli utenti dovranno necessariamente valutare l'acquisto di una licenza (Windows 10, svelato il costo delle nuove licenze) oppure effettuare un backup dei propri dati e spostarli altrove (dismettendo poi l'installazione di Windows 10).

Verificheremo poi se sarà possibile convertire un'installazione di Windows 10 RTM finale effettuata a partire da una preview del sistema operativo in un'installazione regolare utilizzando il Product Key ottenuto dopo l'aggiornamento da Windows 7 o Windows 8.1.

In ogni caso, come confermato da Microsoft, chi aggiornerà un'installazione di Windows 7 e Windows 8.1 a Windows 10 entro il primo anno avrà pieno titolo per reinstallare Windows 10 da zero sulla medesima macchina. La procedura di reinstallazione può essere effettuata senza limitazioni dall'utente, per quante volte egli vorrà: Windows 10 reinstallazione da zero anche per chi aggiorna.

Costi delle nuove licenze di Windows 10

Microsoft ha confermato i prezzi delle nuove licenze di Windows 10. I prezzi valgono per chi intenderà effettuare una nuova installazione di Windows 10, senza avere titolo per richiedere l'aggiornamento gratuito (compresi coloro, quindi, che vorranno effettuare un aggiornamento di Windows 7 e Windows 8.1 a partire da una copia non regolare del sistema operativo).

Ecco il "listino prezzi" comunicato da Microsoft:

- Windows 10 Home costerà 119 dollari
- Windows 10 Pro costerà 199 dollari
- L'aggiornamento da Windows 10 Home a Windows 10 Pro costerà 99 dollari

Non sono ancora noti i prezzi in euro anche se non dovrebbero differire molto da quelli espressi in dollari.

Allo stato attuale sembra più conveniente acquistare una licenza di Windows 7 o di Windows 8.1 quindi di effettuare l'aggiornamento gratuito a Windows 10 entro il primo anno.
Su Amazon, ad esempio, è possibile acquistare Windows 8.1 ad un prezzo talvolta più conveniente (vedere queste pagine).

Un buon suggerimento potrebbe essere quello di acquistare un codice Product Key perfettamente valido e legale da uno store online come G2A.
Prima di procedere, però, è sempre bene attivare l'opzione G2A Shield che consente di proteggere il proprio acquisto. Per attivare G2A Shield, si dovrà visitare questa pagina quindi fare clic sul pulsante Get 30 days free G2A Shield.
Dopo aver ottenuto un codice Product Key valido di Windows 8.1 si potrà ad esempio scaricare il file ISO seguendo le indicazioni riportate nell'articolo Come creare il disco installazione di Windows 8.1.
Ad installazione di Windows 8.1 ultimata si potrà poi richiedere, a partire dal 29 luglio 2015 l'aggiornamento gratuito a Windows 10.

Requisiti di sistema per l'installazione di Windows 10

Per l'installazione o l'aggiornamento a Windows 10, Microsoft ha fissato i seguenti requisiti minimi:


- Processore da 1 GHz o superiore
- RAM: almeno 1 GB per le versioni a 32 bit; almeno 2 GB per le versioni a 64 bit
- Spazio su disco: almeno 16 GB per le versioni a 32 bit; almeno 20 GB per le versioni a 64 bit
- Scheda grafica: scheda video in grado di supportare almeno le DirectX 9 con driver WDDM 1.0

Nel caso in cui ci si accingesse ad aggiornare a Windows 10 un'installazione esistente di Windows 7 o di Windows 8.1, è indispensabile assicurarsi che questa sia aggiornata all'ultimo Service Pack (ove disponibile) e siano stati applicati tutti gli aggiornamenti da Windows Update.
Nel caso di Windows 7, la presenza del Service Pack 1 è quindi condicio sine qua non per l'aggiornamento a Windows 10. Allo stesso modo, Windows 8 deve essere obbligatoriamente aggiornato a Windows 8.1 se si vorrà installare Windows 10.

- Il nuovo assistente digitale di Windows 10, Cortana, non è al momento disponibile in tutte le nazioni. L'Italia, comunque, è tra i Paesi ove Cortana può essere usato senza alcuna limitazione.

- Per utilizzare Windows Hello, il nuovo meccanismo Microsoft per l'autenticazione dell'utente necessita della presenza di un lettore di impronte digitali o di una fotocamera ad infrarossi per il riconoscimento facciale o la scansione dell'iride.

- Device lock, funzionalità rivolta in particolare alle realtà aziendali che consente l'esecuzione sul sistema solamente di applicazioni “fidate”, necessita di UEFI Secure Boot abilitato (Secure Boot e Windows: a cosa serve e come si disattiva). Inoltre, Device lock richiede che vengano rimosse le UEFI CA terze dal database UEFI, TPM 2.0, il supporto per la virtualizzazione attivato, UEFI configurato in modo tale da prevenire l'utilizzo non autorizzato delle caratteristiche di Device lock, driver kernel mode firmati da Microsoft.


- Bitlocker richiede TPM 1.2, TPM 2.0 od unità flash USB.

- Per crittografare un'unità disco, è necessario usare un PC che supporti InstantGo e TPM 2.0.

Cliccando sull'icona di Windows 10 visualizzata nella traybar sui sistemi Windows 7 e Windows 8.1, facendo clic sull'icona in alto a sinistra (raffigurante tre linee parallele sovrapposte) quindi selezionando Il tuo PC è pronto si avrà conferma che l'aggiornamento a Windows 10 sia fattibile.

Dall'icona visualizzata nella traybar di Windows, infatti, è già sin d'ora possibile verificare la compatibilità dell'hardware e delle applicazioni installate con Windows 10.

Aggiornamento a Windows 10: come prepararsi e cosa c'è da sapere

Le funzionalità rimosse da Windows 10

Windows 10 non supporterà più Windows Media Center (Windows Media Center non sarà più aggiornato).
Se si utilizzasse tale software, il consiglio è quello di passare ad un altro prodotto come, ad esempio, migrare a KODI (presentato anche nell'articolo Usare Android come telecomando).

Windows 10, inoltre, non sarà in grado di riprodurre i DVD. Allo scopo si potrà sempre utilizzare un software di terze parti come, ad esempio, (VLC).

Microsoft ha poi rimosso da Windows 10 i cosiddetti "gadget" per il desktop introdotti all'epoca di Windows Vista e conservati anche in Windows 7.


OneDrive, infine, è strettamente legato con il sistema operativo, è disponibile come applicazione a sé stante e non viene più distribuito come parte del pacchetto Live Essentials.

Richiedere l'aggiornamento gratuito a Windows 10

Per il momento, seguendo le indicazioni riportate nell'articolo Aggiornare Windows 7 e Windows 8.1 a Windows 10 o bloccare la notifica, è possibile prenotare l'aggiornamento gratuito a Windows 10 partendo da un'installazione di Windows 7 o Windows 8.1.

Su Windows 7 e Windows 8.1, infatti, già da qualche tempo, è iniziata a comparire un'icona nella traybar che – in questa fase – consente di prenotare l'aggiornamento gratuito a Windows 10. Successivamente, attraverso la stessa icona, si potrà richiedere l'installazione dell'update.

Sempre nell'articolo Aggiornare Windows 7 e Windows 8.1 a Windows 10 o bloccare la notifica, abbiamo anche spiegato come sbarazzarsi dell'icona che propone l'aggiornamento a Windows 10 nel caso in cui si volesse posticipare la richiesta dell'update.


  1. Avatar
    Michelingnt
    03/10/2015 22:30:30
    In fase di preview come è possibile la reinstallazione di windows 10 ottenuto gratuitamente per il possesso di 7 - 8 - 8.1 ? Per caso occorre ripetere la trafila di reinstallare prima il 7 o l' 8 e richiedere laggiornamento online a windows 10 ? Finita la fase di preview la Microsoft distribuirà a tutti le iso definitive di windows 10 ?
  2. Avatar
    Eskevar
    01/10/2015 15:56:38
    Perche' dovrebbe violare la licenza avere 2 S.O. installati sullo stesso pc che condividono la licenza. Tu cmq ne usi 1 alla volta che e' quello che richiede la licenza: se fosse su due pc differenti o uguali contemporaneamente potresti usarli nello stesso momento ed e' giusto che e' vietato, ma sullo stesso non vedo la violazione.
  3. Avatar
    ospite
    22/07/2015 20:23:30
    Io ho un pc vecchio di 5 anni con Windows 7, vale la pena passare a Windows 10?
  4. Avatar
    ospite
    12/07/2015 20:42:19
    Salve a tutti. Io ho un preinstallato (acer) volevo chiedere se prima di aggiornare posso eliminare la cartella C:\OEM grazie
  5. Avatar
    terraneoroot
    12/07/2015 12:47:21
    Buon giorno avrei un paio di domande. Nell'articolo si legge : In queste settimane si è fatto un gran parlare dei requisiti hardware minimi richiesti per l'installazione di Windows 10. Iniziamo subito con l'evidenziare che Windows 10 è tranquillamente installabile ed avviabile anche sui sistemi sprovvisti di UEFI o con la funzionalità Secure Boot disabilitata. La domanda è se potrò aggiornare il mio Win 8.1 senza mettere mano alle impostazioni del BIOS o se si deve disattivare il Secure Boot. La seconda domanda riguarda BitLocker dove leggo : Bitlocker richiede TPM 1.2, TPM 2.0 od unità flash USB. uso BitLocker e mi chiedo se questi continuerà a funzionare ,visto che all'epoca pare che per attivarlo dovetti impostare "Consenti Bitlocker senza un TPM compatibile" Grazie :approvato:
  6. Avatar
    pnaselli
    12/07/2015 03:19:04
    Salve, ho fatto la prova di compatibilità ma la risposta è che con la sk grafica NVIDIA GeForce 705M "lo schermo non funzionerà". Computer desktop Lenovo acquistato il 15/03/2014. grazie.
  7. Avatar
    Michele Nasi
    05/06/2015 18:01:16
    Non puoi mantenere "in piedi" due versioni di Windows se decidi per l'aggiornamento a Windows 10. Anche se ciò fosse tecnicamente possibile, violeresti le condizioni di licenza.
  8. Avatar
    Lettore anonimo
    05/06/2015 16:26:22
    Grazie per l'articolo. Vorrei chiedere: sara' possibile aggiornare a Win10 una copia di Win7 conservando pero' Win7 sul Pc fisico?
Aggiornamento a Windows 10: come prepararsi e cosa c'è da sapere - IlSoftware.it