209129 Letture

Cancellare file in modo permanente: programmi e consigli

Tutti i file presenti su di un qualsiasi supporto di memorizzazione, anche quando vengono eliminati utilizzando i comandi tradizionali messi a disposizione dal sistema operativo, continuano a lasciare delle tracce su disco. In pratica, i file eliminati vengono semplicemente "etichettati" come file cancellati ma, in realtà, essi sono ancora presenti sul disco fisso. Molto spesso, nel caso in cui la cancellazione di file sia avvenuta di recente, è possibile ripristinarli completamente facendo uso di apposite utilità di recupero dati.

Se il vostro personal computer è utilizzato da più persone, sia a casa che sul lavoro, potrebbe essere utile fare in modo, ad esempio, che documenti personali - già cancellati dal disco fisso - non possano comunque essere recuperabili. Supponiamo di aver memorizzato sul nostro personal computer documenti riservati (contratti, documenti bancari, piani aziendali,..).
Nell'articolo dedicato alla crittografia (ved. questa pagina), abbiamo appreso come impedire agli utenti non autorizzati di visionare il contenuto di file e cartelle personali.
La domanda è: una volta crittografato un file - od un insieme di file - si è veramente al sicuro? Se si utilizza un algoritmo di crittografia evoluto ed una password scelta in modo corretto, sarà praticamente impossibile, per gli utenti non autorizzati, accedere ai vostri archivi crittografati. Rimane tuttavia un problema che è bene non trascurare: le copie originali dei file (quelle non crittografate) vengono di solito cancellate con i metodi tradizionali (ad esempio il comando Elimina di Risorse del computer, DEL o ERASE di MS DOS, e così via...). Ciò significa che, con buona probabilità, i vostri documenti riservati continuano a lasciare traccia sul disco fisso e, probabilmente, possono essere recuperati - in toto od in parte - mediante l'adozione di software appositi.
A tal proposito va detto come oggi esistano ormai decine di software in grado di recuperare file che sono stati cancellati dal disco fisso. Tali software si rilevano utilissimi, ad esempio, quando ci si accorga di aver erroneamente eliminato, da un qualunque supporto di memorizzazione (sia esso un floppy disk, un disco fisso od un'unità rimovibile), del materiale importante. Prima di mettersi le mani nei capelli, è possibile ricorrere immediatamente all'uso di un programma per il recupero file.

Molti programmi, poi, sono soliti creare copie dei file sui quali si sta operando e fanno spesso uso di file temporanei che contengono copie dei nostri lavori. Quando l'applicazione viene chiusa, questi file vengono automaticamente cancellati. Anche in questo caso, tuttavia, è sufficiente ricorrere ad un programma apposito per effettuarne il recupero.

I programmi che offrono funzionalità di wiping, permettono di rendere irrecuperabili i file precedentemente eliminati sovrascrivendoli - una o più volte - con dei dati generati in modo casuale: in questo modo il recupero dei file risulterà praticamente impossibile.


Avviando un'operazione di wiping si potrà, quindi, evitare che qualcuno che disponga dell'accesso al nostro personal computer possa mettere mano a documenti riservati, precedentemente cancellati, ricorrendo all'uso di utilità per il recupero file.


I programmi migliori generalmente includono la possibilità di optare fra diverse metodologie di wiping. Il metodo standard (Simple, 1x) sovrascrive i dati un'unica volta: è il più veloce ma anche il meno sicuro. Un altro metodo standard è il DoD Method (Department of Defense Method): è probabilmente il più usato perché unisce a prestazioni velocistiche accettabili un ottimo livello di sicurezza. DoD permette di sovrascrivere i dati, in genere, tre volte: una prima "passata" con una sequenza di zero-uno-zero-uno-zero-uno sopra ciascun byte; le successive con dati generati in modo casuale (random). Esistono poi metodi ancor più evoluti (come l'SFS): essi offrono livelli di sicurezza da servizio segreto ma sono terribilmente lenti anche su dischi fissi SCSI superveloci.

Ci preme comunque di raccomandarvi di porre grande attenzione qualora decidiate di eseguire il wiping di un disco fisso o di un qualsiasi altro supporto di memorizzazione: i dati cancellati non saranno più in alcun modo recuperabili!
Qualora, eseguendo un qualunque programma di wiping, il sistema operativo dovesse mostrarvi un messaggio che informa sull'imminente esaurimento dello spazio a disposizione su disco, non eseguite mai l'utilità di Pulitura disco proposta; cliccate invece sul pulsante Annulla.


La funzione per la pulitura del disco di Windows, consente, di eliminare file non più necessari liberando spazio su disco. Qualora si avvii la pulitura, questa interferirebbe con l'operazione di wiping rallentandola e, nei casi peggiori, causando problemi al file system.


  1. Avatar
    Marco80
    24/10/2009 13.06.15
    Segnalo che anche utilizzando la funzione di wiping Dod ma anche quella più avanzata, cioè il metodo "secure", non mi vengono affatto eliminati definitivamente i file. Tantè che infatti usando il semplice programma Recuva dopo avere effettuato 45 wiping dell'intero hard disk i file che non dovrei più vedere li posso ancora recuperare.Come posso eliminare definitivamente la possibilità che vengano recuperati?
Cancellare file in modo permanente: programmi e consigli - IlSoftware.it