15740 Letture

Come conservare gli archivi delle password in un'unità crittografata con TrueCrypt

Come noto, tra i software che consentono di crittografare file e cartelle di ogni tipo, TrueCrypt è senza ombra di dubbio una delle soluzioni migliori. L'applicazione, distribuita sotto forma di software opensource, offre tutto il necessario per creare dischi virtuali, di dimensioni variabili, che potranno ospitare qualsiasi genere di file. Il contenuto di ogni disco virtuale viene opportunamente cifrato utilizzando uno degli algoritmi crittografici supportati e protetto mediante l'utilizzo di una password.

Un disco TrueCrypt può essere quindi impiegato anche per memorizzare le tante password che al giorno d'oggi è necessario tenere a mente per l'effettuazione del login sui vari siti Internet e per l'accesso ai servizi online. Sono tre le funzionalità di TrueCrypt che si rivelano particolarmente utili: la possibilità di creare dischi virtuali cifrati, la presenza di uno strumento che dà modo di nascondere un ulteriore disco crittografato all'interno di un un altro volume TrueCrypt ed infine la possibilità di usare la versione "portabile" del programma (non necessita di alcuna installazione).

A TrueCrypt abbiamo già dedicato numerose guide ed appofondimenti. Pur presentando nel dettaglio tutti i passaggi da seguire, daremo per scontati alcuni concetti che abbiamo già precedentemente illustrato in questi articoli:


- Memorizzare un volume cifrato in un'unità USB con TrueCrypt
- Crittografia: alcuni trucchi per l'utilizzo sicuro di TrueCrypt
- Montare e smontare automaticamente le unità cifrate con TrueCrypt
- Condividere file e cartelle con Dropbox. Utilizzo di TrueCrypt per un maggior livello di sicurezza.
- Rilasciato TrueCrypt 7.1: due parole sull'aggiornamento
- TrueCrypt: montare rapidamente i volumi cifrati creati all'interno dei dischi rimovibili
- Creare copie di backup all'interno di unità cifrate TrueCrypt
- Crittografare il contenuto di dischi e partizioni: attacchi e pareri degli esperti

Avviare TrueCrypt in modalità "portabile" e creare le unità crittografate


Il primo passo da compiere consiste nel prelevare TrueCrypt (l'ultima versione è scaricabile da questa pagina) e nell'avviarlo come software "portabile". Successivamente, si dovrà provvedere ad allestire l'unità virtuale TrueCrypt che ospiterà i propri archivi di password.

Dopo aver effettuato il download di TrueCrypt si potrà avviarlo facendo doppio clic sul suo file eseguibile. Appariranno dapprima il contratto di licenza d'uso (le cui condizioni dovranno essere accettate) quindi la finestra seguente che consentirà di scegliere tra l'installazione tradizionale e l'avvio del programma in modalità "portabile" (opzione Extract):

Per procedere si dovrà selezionare Extract quindi fare clic sul pulsante Next. Alla comparsa del successivo avviso di dovrà fare clic su OK quindi, non appena verrà visualizzata la finestra in figura, basterà premere il pulsante . TrueCrypt informa del fatto che la versione portabile del programma necessita dei diritti amministrativi: ad ogni avvio del software, Windows Vista e Windows 7 faranno comparire la classica finestra di UAC. Per eseguire TrueCrypt si dovrà rispondere in maniera affermativa.

La finestra Extraction options consentirà di specificare la cartella nella quale devono essere estratti i file strettamente indispensabili per il funzionamento di TrueCrypt:

È ovviamente possibile indicare una cartella sul disco fisso oppure in una qualunque altra partizione od unità di memorizzazione (anche esterna). Va comunque tenuto presente che, indipendentemente dalla locazione in cui si salvano i file di TrueCrypt, è bene effettuare a cadenza periodica almeno una copia di backup dell'unità virtuale crittografata contenente le proprie password. Se si salva TrueCrypt in un'unità rimovibile (i.e. una chiavetta USB), è opportuno copiare il file cifrato su un disco rigido o viceversa. Così facendo, si eviterà di incorrere in spiacevoli perdite di dati (se si perderà il proprio archivio delle password non sarà più possibile accedere a qualuque servizio).


Cliccando su Extract, dopo pochi istanti, verrà visualizzato il messaggio "All files have been successfully extracted to the destination location". La procedura di configurazione di TrueCrypt terminerà non appena si farà clic su Finish.
Nella cartella precedentemente indicata, si troveranno complessivamente sei file: per avviare il programma basterà fare doppio clic sul file TrueCrypt.exe.

Il software, come già evidenziato, dovrà essere avviato con i diritti di amministratore.

Il comando Create new volume contenuto nel menù Volumes, consentirà di avviare la procedura guidata che porterà alla generazione di una nuova unità virtuale TrueCrypt, opportunamente crittografata.

L'opzione da scegliere, a questo punto, è Create an encrypted file container.


  1. Avatar
    Eduardo sv
    18/09/2013 22:48:21
    Grazie per l'articolo direttore. Ho alcune domande: è possibile inviare cartelle criptate che altri possano aprire (comunicando ovviamente la pw) ? è possibile inserire cartelle criptate all'interno di un sito web per permettere a chi abbia la pw di poter visionare il contenuto ? Grazie
Come conservare gli archivi delle password in un'unità crittografata con TrueCrypt - IlSoftware.it