Sconti Amazon
lunedì 28 giugno 2021 di 9192 Letture
Come evitare il controllo del chip TPM 2.0 da parte di Windows 11

Come evitare il controllo del chip TPM 2.0 da parte di Windows 11

Due chiavi del registro di sistema permettono di disabilitare il controllo esercitato da Windows 11 in fase d'installazione per controllare la presenza del chip TPM 2.0 e della funzione Secure Boot.

Abbiamo detto come i requisiti per l'installazione di Windows 11 si siano fatti un po’ più stringenti. In un altro articolo abbiamo visto come capire perché il PC non supporta Windows 11.

Tra i requisiti per l'installazione di Windows 11 e per l'aggiornamento al nuovo sistema operativo c'è la presenza del chip TPM 2.0 sulla scheda madre del computer che si sta utilizzando.

La maggior parte dei PC commercializzati dal 2016 in avanti dovrebbe essere equipaggiato con un chip TPM 2.0 ma in molti casi esso non è comunque presente.

Se effettuando un test con l'utilità Controllo integrità PC Windows oppure con l'opensource WhyNotWin11 si fosse informati circa l'impossibilità di passare a Windows 11 per via dell'assenza del chip TPM 2.0, è comunque bene sapere che esiste un trucco per procedere comunque.

Non c'è bisogno di creare una ISO personalizzata per l'installazione di Windows 11: per bypassare il controllo di TPM 2.0 e Secure Boot basta modificare un'opzione a livello di registro di sistema.

Effettuando l'avvio del sistema dal supporto d'installazione di Windows 11 (ad esempio un'unità USB di boot) non appena compare la finestra iniziale per la scelta della lingua e del layout di tastiera basta premere la combinazione di tasti MAIUSC+F10. Così facendo comparirà il prompt dei comandi.

Al prompt dei comandi si deve dapprima digitare regedit e premere Invio quindi portarsi in corrispondenza della chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\Setup.

Cliccando con il tasto destro su Setup quindi scegliendo Nuovo, Valore DWORD (32 bit) si dovrà assegnare il nome BypassTPMCheck al valore appena creato attribuendo poi il valore 1.

Allo stesso modo, sempre in corrispondenza della chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\Setup si deve creare una nuova sottochiave LabConfig quindi creare al suo interno un nuovo valore DWORD (32 bit) assegnandogli il nome BypassSecureBootCheck e impostandolo anche in questo caso a 1.

Lo stesso risultato si può ottenere digitando al prompt quanto segue senza neppure eseguire Regedit:
reg add HKLM\SYSTEM\Setup\LabConfig /v BypassTPMCheck /t REG_DWORD /d 1 /f
reg add HKLM\SYSTEM\Setup\LabConfig /v BypassSecureBootCheck /t REG_DWORD /d 1 /f

Dopo aver applicato l'intervento Windows 11 potrà essere installato senza problemi anche sui sistemi sprovvisti di chip TPM 2.0: si può chiudere Regedit e il prompt dei comandi proseguendo normalmente con l'installazione.

Non è escluso che al momento dell'installazione della versione finale di Windows 11 le due chiavi di registro possano essere disabilitate.

Buoni regalo Amazon
Come evitare il controllo del chip TPM 2.0 da parte di Windows 11 - IlSoftware.it