11310 Letture

Come identificare ed integrare font di carattere in un documento

Quando si riceve un documento, può capitare che questo non appaia così come è stato preparato dall'autore. Il motivo è generalmente legato all'assenza di font di carattere usate nel documento. Quando un documento viene aperto su un sistema che manca di alcune font di carattere, il contenuto può apparire in maniera molto differente rispetto alla versione elaborata dall'autore.

Il problema è particolarmente sentito quando si inviano documenti nei formati supportati dai vari word processor. Se l'autore del documento avesse utilizzato font poco comuni che, ad esempio, non risultassero inclusi di default in Windows, al posto dei font “alternativi” il destinatario del file vedrebbe solamente dei font standard.

Indipendentemente dal word processor che si utilizza, sia esso - per esempio - Office o LibreOffice, cliccando una volta su una parola od una frase è possibile stabilire con quale font è stata originariamente scritta. Nel caso in cui il font corrispondente non risultasse presente sul sistema in uso, la frase o la parola verranno visualizzate con caratteri standard ma il menu a tendina per la scelta del font riporterà comunque quello originale.
Così facendo, quindi, è innanzi tutto possibile capire se per redigere il documento sia stato fatto ricorso a font inusuali, diversi da quelli standard.


Integrare i font nel documento

Qualora si avesse l'esigenza di inviare un documento avendo la certezza che questo appaia correttamente al destinatario, si può decidere di integrare i font nel documento.

In Word è sufficiente cliccare sul menu File, Opzioni quindi selezionare Salvataggio dalla colonna di sinistra.

Come identificare ed integrare font di carattere in un documento

In calce alla finestra si troverà la casella Incorpora caratteri nel file: spuntadola si farà in modo che le font vengano integrate nel documento Word.

Il nostro consiglio, comunque, è quello di attivare anche la sottostante casella Incorpora solo i caratteri utilizzati nel documento (indicato per ridurre le dimensioni del file): in questo modo, Word aggiungerà all'interno del file solo i font di carattere effettivamente utilizzati.
Spuntando anche Non incorporare caratteri di sistema standard, si potrà evitare che vengano aggiunti anche i caratteri standard normalmente presenti su tutti i sistemi. Così facendo non si renderà troppo pesante il documento Word.

Agendo sul menu a tendina Fedeltà in caso di condivisione di si potrà scegliere se l'impostazione debba valere solo per il documento correntemente selezionato od anche per tutti gli altri file Word.

La stessa operazione è effettuabile, ad esempio, dagli utenti di LibreOffice cliccando sul menu File, Proprietà quindi spuntando la casella Incorpora i caratteri nel documento nella scheda Carattere.

Come identificare ed integrare font di carattere in un documento

I due meccanismi consentono di incorporare anche le font di carattere che fossero distribuite con licenza proprietaria.

Inviare il documento come PDF

In alternativa, per essere sicuri che il documento non appaia modificato e che contenga tutte le font di carattere per una corretta visualizzazione, la scelta migliore è sicuramente inviarlo in formato PDF.

Di default, rispetto ai casi precedenti, il documento PDF non potrà essere modificato ma si sarà certi che potrà essere visualizzato e stampato dal destinatario esattamente così come si desidera.

Il nostro consiglio, comunque, è quello di creare possibilmente il file in formato PDF/A. Come spiegato nell'articolo Come creare file PDF con Windows 10 e senza, infatti, un documento PDF/A è completamente "autonomo" e svincolato da qualunque altra risorsa esterna.

Trovare un font partendo da un'immagine

Se si avesse un documento stampato o ricevuto sotto forma di file grafico, si potrà provare ad identificare un font partendo da una sua immagine.

Per trovare un font sconosciuto, si possono ad esempio utilizzare due servizi. Il primo è WhatTheFont: caricando online l'immagine di una parola o di una frase, il servizio permetterà di scoprire il font corrispondente.
È possibile inviare un'immagine contenente al massimo 50 caratteri nei formati PNG, GIF e JPG.

Un servizio simile è Identifont che però non accetta immagini ma pone una serie di domande per risalire al carattere d'interesse.

Sebbene i due servizi non possano fornire risultati garantiti, nella maggior parte delle situazioni permettono di risalire ad un font di carattere molto simile a quello cercato.

Dove trovare font di carattere e come installarli

Trovare font di carattere validi e gratuiti non è semplice. Tre ottimi servizi che mettono a disposizione un vasto archivio di font gratuiti (per uso personale e non, a seconda delle tipologie) sono i seguenti:

- FontSpace
- DaFont
- 1001 Free Fonts

Una volta scaricato, per installare un nuovo font di carattere in Windows è possibile agire in due modi:

1) Aprire il file compresso contenente il font (generalmente in formato .TTF TrueType o .OTF OpenType) ed estrarre il file .TTF o .OTF (qui viene chiarita la differenza tra le due tipologie di fonts) in una cartella temporanea di propria scelta.
Portarsi all'interno di tale cartelle e cliccare con il tasto destro del mouse sul file .TTF o .OTF.
Scegliere il comando Copia.
Premere Windows+R e digitare C:\Windows\Fonts.
Fare clic in un'area libera della finestra con il tasto destro del mouse quindi scegliere Incolla.

Come identificare ed integrare font di carattere in un documento

2) In alternativa, per installare il font di carattere in Windows, basterà cliccarvi con il tasto destro del mouse dopo averlo estratto in una cartella temporanea quindi scegliere Installa.


A questo punto, per utilizzare i font di carattere appena aggiunti, basterà chiudere e riavviare il word processor.


Come identificare ed integrare font di carattere in un documento - IlSoftware.it