69294 Letture

Comprimere i dati: WinZip, WinRar e WinAce

Inviare e ricevere informazioni via Internet velocemente e senza intoppi è ciò che ciascuno di noi desidera. Rispetto ad un passato non molto remoto, le dimensioni dei file che costituiscono i vari programmi sono aumentate a dismisura. Avrete certamente notato anche come i file prodotti con i vari software (ad esempio documenti, presentazioni, fogli elettronici, e così via) siano divenuti più "pesanti" in termini di kilobytes occupati.

Oggi, più che in passato, i programmi di compressione sono diventati strumenti indispensabili per chiunque utilizzi un personal computer. Essi infatti, grazie a speciali algoritmi, permettono di comprimere in un unico archivio, uno o più file.
Una serie di documenti, ad esempio, che sul proprio disco fisso occupano svariati megabyte di spazio, possono essere compressi in un unico file d'archivio di dimensioni limitate. Così facendo l'invio via Internet di informazioni risulterà un'operazione notevolmente più snella e rapida.

L'uso dei programmi di compressione è divenuto ormai essenziale anche perché la maggior parte dei file prelevati via Internet è proprio in formato compresso. Quello più utilizzato è il formato Zip ma non è difficile imbattersi in altri.


Le differenze tra i vari software di compressione vanno ricercate tra le funzioni ausiliarie visto che, utilizzando un livello di compressione medio, quasi tutti i programmi generano archivi di dimensioni similari. Alcuni programmi permettono di proteggere con una password l'archivio creato o di creare file eseguibili autoscompattanti (per decomprimerli è sufficiente fare doppio clic sul loro nome, senza utilizzare particolari utilità). Altri consentono l'uso dell'opzione UUEncode per inviare file binari via Internet evitando che questi vengano spezzati.
Un'altra interessante possibilità, inclusa ormai in molti software, è quella che permette di separare un archivio compresso di grandi dimensioni in più parti: ciascun pacchetto più piccolo avrà la dimensione specificata da parte dell'utente. In questo modo, quando si spediscono file di grandi dimensioni via Internet, qualora dovesse venir meno la connessione, si dovrà inviare nuovamente solo le parti mancanti.

L'opzione che permette di "spezzare" un archivio compresso di grandi dimensioni in più parti (generalmente chiamata disk spanning) risulta utile anche per consentirne la memorizzazione ed il trasporto su supporti rimovibili quali floppy disk, dischi "Zip" o "Jaz" e così via.

Comprimere i dati: WinZip, WinRar e WinAce - IlSoftware.it