337421 Letture

Gestione del disco fisso e manutenzione del sistema

Come corollario dell'articolo "Utility di sistema: ecco come ottimizzare e velocizzare Windows", ci soffermiamo, nel corso di questo servizio, su altre utility essenziali per la gestione del disco fisso, la manutenzione dello stesso, la prevenzione di crash, la salvaguardia del registro di sistema di Windows.

Partizionare il disco fisso

In altri nostri articoli abbiamo già avuto modo di puntualizzare come la suddivisione del disco fisso in più partizioni rappresenti un passaggio fondamentale per una corretta gestione del personal computer. La soluzione di creare, sul disco fisso, un'unica partizione, così come eravamo abituati a fare in passato, non è quindi più consigliabile: considerate le dimensioni, sempre maggiori, dei dischi fissi oggi in commercio, è bene orientarsi sulla creazione di almeno due partizioni sullo stesso hard disk. Destineremo così la prima partizione all'installazione del sistema operativo, la seconda alla memorizzazione dei dati di lavoro e dei file personali. In questo modo in caso di problemi di instabilità del sistema operativo si potrà reinstallare Windows nella prima partizione senza rischiare di perdere qualche file personale. Se si dispone dell'immagine in formato DriveImage della partizione contenente il sistema operativo, si potrà riportare il sistema allo stato in cui era immediatamente dopo l'installazione (con indubbi vantaggi in termini di performance, di stabilità e di "pulizia") senza danneggiare in alcun modo i file memorizzati nella seconda partizione ("partizione dati"). Il tutto impiegando solo pochi minuti.
La suddivisione del disco fisso in più partizioni è poi obbligatoria qualora si prevedesse di installare un'altra versione di Windows od un altro sistema operativo sullo stesso disco.

Fino a qualche anno fa l'utility-"must" per il partitioning del disco fisso era FDISK, inclusa insieme con Windows. Con l'avvento di Windows NT/2000 e di Windows XP la musica è cambiata. Installando il sistema dal CD ROM od avviando il setup da DOS mediante l'utilizzo di un floppy di boot, viene proposta una schermata che permette di creare e cancellare partizioni e di indicare in quale partizione installare Windows XP. Se si crea una partizione, viene chiesto di specificarne l'ingombro (per default viene offerto l'intero spazio libero disponibile, che in generale non è quello che si desidera). Una volta scelta la partizione dove si desidera installare Windows 2000/XP, questa verrà opportunamente formattata con il file system FAT32 o con NTFS, a seconda della scelta dell'utente (consigliamo di optare sempre per NTFS).
Per conoscere tutti i dettagli sulle modalità di installazione di Windows XP, vi suggeriamo di far riferimento all'articolo Guida all'installazione di Windows XP.

PartitionMagic, software sviluppato originariamente da PowerQuest, oggi commercializzato da Symantec, è stato il primo programma a portare in modalità grafica un'operazione delicata qual è il partizionamento del disco fisso. Per quanto gli utenti più esperti amino tutt'oggi far uso di utility di partitioning basate su riga di comando DOS, è innegabile riconoscere come PartitionMagic 8.0 offra uno spettro di possibilità per la gestione delle partizioni davvero senza pari: è possibile effettuare anche complesse operazioni di ridimensionamento, spostamento e conversione in modo visuale, senza ricorrere all'utilizzo di cervellotiche sintassi da riga di comando. Va detto poi che alcune delicate operazioni, che PartitionMagic è comunque in grado di consentire e compiere senza problemi, sarebbero altrimenti difficoltose da mettere in pratica in ambiente DOS.
La finestra principale del programma mostra, nella colonna di sinistra, la lista di tutte le operazioni che è possibile avviare. I primi sette link elencati sotto la voce Selezionare un'attività... avviano altrettante procedure guidate (wizard) che permettono all'utente di effettuare senza difficoltà - e senza il rischio di commettere errori - le modifiche desiderate. La funzione Sfoglia partizione consente di visualizzare il contenuto di una qualunque partizione presente su un qualsiasi disco fisso collegato: è possibile così accedere a qualsiasi partizione (qualunque sia il file system utilizzato ed il suo attributo - partizione visibile o nascosta -). I file system supportati sono FAT, FAT32, NTFS, Linux EXT2, Linux EXT3. Crea partizione di backup consente di creare una nuova partizione destinata alle copie dei file di dati. In tale partizione si potranno memorizzare, ad esempio, i file d'immagine creati con DriveImage o quelli di backup. La procedura guidata Installa un altro sistema operativo assiste l'utente nell'esecuzione delle operazioni preliminari che precedono l'installazione di un altro sistema operativo sullo stesso disco fisso.
Qualora si desiderasse partizionare un hard disk nuovo o cancellare l'attuale struttura del disco per ricrearla ex novo, è sufficiente munirsi dei due floppy disk di emergenza (possono essere creati in fase d'installazione oppure cliccando su Start, Programmi, PowerQuest PartitionMagic 8.0, Strumenti di PartitionMagic 8.0, Crea dischetti di emergenza). Tali dischetti vi permetteranno di gestire le partizioni presenti su disco immediatamente all'avvio del sistema: all'accensione del personal computer, lasciate inserito nel lettore floppy disk, il primo dischetto di emergenza. Verrà così avviato il modulo DOS di PartitionMagic. Da qui si potranno effettuare tutte le operazioni di gestione delle partizioni in modo visuale facendo uso di una comoda interfaccia grafica in perfetto stile Windows.
Supponiamo di aver acquistato un nuovo disco fisso EIDE. Dopo averlo opportunamente collegato all'interno del personal computer (canale IDE1 e configurandolo - tramite jumper - come "master" qualora si disponga di un unico disco fisso EIDE), si dovrà inserire il primo floppy disk di emergenza in modo da avviare PartitionMagic in versione DOS. A questo punto sarà sufficiente cliccare sul riquadro relativo allo Spazio non assegnato, cliccare con il tasto destro, scegliere la voce Crea, impostare le dimensioni della partizione da creare ed il file system da utilizzare (ricordate che se volete installare Windows XP/2000 potete già predisporre la partizione con il file system NTFS; se volete orientarvi su Windows 98/ME indicare FAT32 come file system). Per formattare la partizione sarà sufficiente cliccare con il tasto destro del mouse sul rettangolo rappresentante la partizione appena creata e selezionare la voce Formatta. L'operazione va ripetuta per le altre partizioni da creare (al solito, suggeriamo di creare almeno una partizione destinata esclusivamente alla memorizzazione di dati e file personali).
Oltre a rendere semplice la creazione e l'eliminazione di partizioni, PartitionMagic offre la possibilità di ridimensionare quelle già presenti sul disco fisso (ad esempio nel caso in cui si sentisse l'esigenza di far posto ad nuova partizione), di ridistribuire eventuale spazio libero non ancora assegnato ad alcuna partizione, di unire il contenuto di più partizioni (va tenuto comunque presente che tutto il contenuto della seconda partizione verrà collocato in una sottocartella all'interno della prima), di copiare l'intero contenuto di una partizione all'interno di un'altra o di un diverso disco fisso.


  1. Avatar
    tony scot
    28/04/2009 17.08.12
    Nel mio sistema non ho più la possibilità di fare la deframmentazione perché ho perso il programma di windows xp e non so come recuperarlo. qualcuno può aiutarmi?
Gestione del disco fisso e manutenzione del sistema - IlSoftware.it