1920 Letture
Google Pay cambia: presto diventerà un'app per gestire anche i conti correnti

Google Pay cambia: presto diventerà un'app per gestire anche i conti correnti

Google presenta un assaggio del funzionamento della nuova app Pay al debutto nel 2021 con tante novità. Ecco le principali svelate in anteprima.

Ormai da cinque anni sul mercato, Google Pay si appresta a ricevere il primo importante aggiornamento.
A rivelarlo è la stessa azienda fondata da Larry Page e Sergey Brin che a breve pubblicherà una nuova versione dell'app per la gestione dei pagamenti attraverso l'utilizzo del chip NFC.

Come abbiamo visto nell'articolo Come pagare con lo smartphone Android e Google Pay Google Pay viene oggi utilizzata per pagare con carte di credito e di debito in modalità contactless semplicemente avvicinando lo smartphone al terminale POS. Senza quindi più mettere mano al portafogli e senza perciò dover ricorrere all'uso delle carte.

Oggi Google Pay è utilizzato da 150 milioni di utenti in 30 Paesi: con la nuova versione dell'applicazione la società di Mountain View vuole renderla uno strumento per la gestione delle finanze.


Google Pay cambia: presto diventerà un'app per gestire anche i conti correnti

Nel corso del prossimo anno, grazie a una serie di accordi siglati da Google con tanti istituti di credito, gli utenti potranno eventualmente usare l'app Pay per aprire conti correnti bancari senza canoni mensili. Il loro funzionamento sarà incentrato sull'utilizzo dei dispositivi mobili e Google Pay sarà il punto di riferimento per la loro gestione. Il servizio si chiamerà Plex.

Google Pay cambia: presto diventerà un'app per gestire anche i conti correnti

Attraverso Google Pay si potrà pagare e richiedere denaro ma anche suddividere le quote da versare tra più amici, parenti, colleghi, il tutto senza abbandonare l'app o usare soluzioni di terze parti.


Google Pay offrirà anche funzionalità di ricerca avanzate per trovare immediatamente i dettagli di una transazione e per connettersi con i propri conti correnti bancari.

Obiettivo di Google sarà quello di facilitare i pagamenti veloci grazie ad accordi con i principali rivenditori di carburanti (stazioni di servizio) e alle aziende che offrono servizi. L'app Pay si inserirà nel prossimo futuro, per esempio, tra le soluzioni che permettono di pagare la sosta e parcheggiare la propria autovettura senza più bisogno di cercare il parchimetro.

Chissà se anche in Italia Google Pay potrà essere utilizzato per pagare presso i negozi fisici con gli account PayPal o Satispay collegati.

Maggiori informazioni sul nuovo Google Pay sono pubblicate in questa pagina.

Google Pay cambia: presto diventerà un'app per gestire anche i conti correnti