5535 Letture
Google Play Protect lanciato ufficialmente: rileva e neutralizza app dannose

Google Play Protect lanciato ufficialmente: rileva e neutralizza app dannose

La nuova funzionalità messa a punto da Google è utilizzabile su tutti i dispositivi Android dotati dei Mobile Services 11 o versioni successive. Google Play Protect riconosce e rimuovere le applicazioni Android potenzialmente pericolose.

Google ha ufficialmente lanciato Play Protect, nuova funzionalità che provvede a effettuare un controllo sulla sicurezza delle app prima ancora di scaricarle da Google Play.
Play Protect verifica le app Android installate sul dispositivo mobile, anche quelle non provenienti dallo store di Google, e segnala quelle che possono costituire un rischio.
La nuova funzione, infine, mostra avvisi su qualsiasi app potenzialmente dannosa rilevata e rimuove le app nocive.

Come avevamo anticipato nell'articolo Come proteggere Android con Google Play Protect, Google Play Protect viene automaticamente attivato su tutti i dispositivi che usano Google Mobile Services 11 o versioni successive, quindi non soltanto su Android 7.0 Nougat o sul futuro Android 8.0 "O".

Per gestire Google Play Protect, è sufficiente accedere alle impostazioni Google sul dispositivo Android quindi toccare Sicurezza, Google Play Protect.
Affinché la protezione esercitata da Play Protect sia attiva, basterà lasciare abilitata almeno l'opzione Analizza disp. per minacce alla sicurezza.


Il nuovo strumento di difesa poggia su una costante analisi del comportamento delle app che viene svolta sul cloud, appoggiandosi ai server Google. Play Protect monitora l'attività delle app sui dispositivi Android di tutti gli utenti e, servendosi di algoritmi di machine learning, "comprende" quando v'è il rischio di un attacco o una minaccia per l'utente e per i suoi dati.

Con l'occasione, Google ha deciso di unire il servizio Trova il mio dispositivo in Play Protect: Gestione dispositivi Android: si rinnova l'app per trovare i propri device.


Google Play Protect lanciato ufficialmente: rileva e neutralizza app dannose - IlSoftware.it