1917 Letture
Huawei trasforma la piattaforma MindSpore per l'intelligenza artificiale in una soluzione opensource

Huawei trasforma la piattaforma MindSpore per l'intelligenza artificiale in una soluzione opensource

Il colosso cinese presenta MindSpore come prodotto opensource, disponibile su GitHub.

Huawei ha annunciato che MindSpore, un framework per lo sviluppo di applicazioni di intelligenza artificiale che la società ha descritto nel dettaglio ad agosto 2019 è ora disponibile su GitHub come prodotto opensource.
Si tratta di una soluzione simile a TensorFlow di Google e PyTorch di Facebook, altamente scalabile e distribuibile su una vasta gamma di dispositivi, utilizzabile sul cloud e in ottica edge computing.

MindSpore, supportato da partner di primo livello quali l'Università di Edimburgo, l'Università di Pechino, l'Imperial College di Londra e la startup Milvus, è in grado di gestire processori, schede grafiche e unità di elaborazione neurale dedicate come quelle dei chip Ascend AI di Huawei. Il risultato è un 20% di righe di codice in meno rispetto ai framework "leader" quando si tratta di abilitare l'utilizzo di modelli tipici che elaborano il linguaggio naturale; con un balzo in avanti in termini di efficienza che Huawei quantifica in circa il 50%.
Gli ingegneri di Huawei spiegano che MindSpore aiuta gli sviluppatori a isolare i bug e ridurre i tempi di addestramento.


Huawei trasforma la piattaforma MindSpore per l'intelligenza artificiale in una soluzione opensource

Chen Lei, responsabile del progetto presso Huawei, ha spiegato che "MindSpore si adatta nativamente a tutti gli scenari". Per adesso richiede Python 3.7+ per poter funzionare ma presto supporterà linguaggi come C+++, Rust e Julia. Al momento i risultati migliori sono garantiti sulle principali distribuzioni Linux.

Il debutto come prodotto opensource di MindSpore avviene dopo il lancio di Ascend 910, chipset della famiglia Ascend-Max dell'azienda ottimizzato per l'addestramento dei modelli e Ascend 310 chip della serie Ascend-Mini progettato per affrontare compiti come l'analisi delle immagini, il riconoscimento ottico dei caratteri e il riconoscimento degli oggetti. Ascend 910 si rivolge principalmente alla gestione dei carichi di lavoro tipici dei datacenter mentre Ascend 310 è stato progettato per i dispositivi connessi a Internet come smartphone, smartwatch e altri prodotti del mondo IoT (Internet delle Cose).

Huawei trasforma la piattaforma MindSpore per l'intelligenza artificiale in una soluzione opensource