111924 Letture

Installazione e primo utilizzo di Ubuntu Linux

Ubuntu è una distribuzione Linux nata nel 2004 con l'obiettivo di rispondere in modo efficace alle esigenze di semplicità della maggior parte degli utenti. Basata su Debian, Ubuntu fa derivare il suo nome da un'espressione africana che si ricollega al concetto di "umanità".

L'ultima versione di Ubuntu è prelevabile sotto forma di "LiveCD" da questa pagina.

Si tratta di un'immagine in formato .ISO che deve essere masterizzata su supporto CD ROM o DVD ROM mediante software, ad esempio, quali Nero o CDBurnerXP Pro.

Una volta masterizzato il supporto CD di Ubuntu, lasciandolo inserito nell'unità CD ROM all'avvio del personal computer, si accederà immediatamente ad un primo menù di scelta (è necessario comunque verificare che nella configurazione BIOS della propria macchina sia impostata, come prima periferica di boot proprio l'unità CD ROM).
Il menù che compare a video ricorda quello che compare premendo il tasto F8 all'avvio di Windows: da qui è possibile decidere se avviare Ubuntu Linux in modalità "LiveCD" oppure se installarlo sul sistema ("Start or install Ubuntu") o se effettuare operazioni di manutenzione.

Dopo aver avviato Ubuntu selezionando la voce "Start or install Ubuntu", quindi cliccando sull'icona "Install" si avvia l'installazione vera e propria del sistema operativo sul disco fisso (assicurarsi di selezionare la lingua italiana nella successiva finestra e premere il pulsante "Forward").


Le informazioni richieste nei passi successivi riguardano il fuso orario, il layout di tastiera, il nome dell'utente, il nome da utilizzare per la procedura di login, una password di protezione per il proprio account, il nome da assegnare al computer.

Le opzioni proposte nella finestra seguente sono quelle che richiedono maggior attenzione e massima cautela.
In questa fase, infatti, l'utente deve scegliere dove installare Ubuntu. La finestra visualizza opzioni differenti a seconda della specifica configurazione dei dischi fissi collegati e delle partizioni eventualmente in essi presenti.


Se si sta installando Ubuntu Linux su un nuovo personal computer oppure su un sistema contenente dati che non si vogliono conservare (e che quindi verranno irrimediabilmente perduti), è sufficiente optare per "Cancellare l'intero disco...".

Se, invece, si intende installare Ubuntu su un sistema che già ospita Microsoft Windows e sul disco fisso non sia disponibile spazio "non allocato" ossia non ancora assegnato ad alcuna partizione, è necessario scegliere l'opzione che consente il ridimensionamento delle partizioni già presenti.
L'opzione che prevede il ridimensionamento delle partizioni compare solo nel caso in cui si stia tentando di installare Ubuntu su un sistema x86 o a 64 bit sul quale sia già installato Windows.


Qualora sul proprio sistema siano installati più dischi fissi, questi verranno elencati nella stessa finestra della procedura d'installazione di Ubuntu: si scelga il primo disco fisso che non contenga dati da conservare ed il cui contenuto, quindi, possa essere tranquillamente sovrascritto. Si dovrà quindi porre massima attenzione al disco fisso che si sceglie in modo da evitare perdite di dati.


Prossimamente vedremo come installare Ubuntu sul sistema in configurazione "dual-boot". Suggeriamo, intanto, di effettuare test su personal computer non utilizzati per scopi produttivi oppure utilizzando un software per la virtualizzazione. Un'idea potrebbe essere quella di virtualizzare Ubuntu, ad esempio, con VMware Player (è possibile creare un file .vmx per la sua installazione seguendo le indicazioni qui riportate) oppure con l'opensource VirtualBox (ved. questa pagina).

La finestra successiva fa un sunto delle scelte precedentemente operate: cliccando sul pulsante "Install" in basso a destra, si avvia il setup vero e proprio.

Al termine dell'installazione, Ubuntu richiede se si desideri riavviare il sistema ("Riavvia ora") oppure se continuare ad utilizzare il sistema operativo in modalità "LiveCD". E' possibile optare per questa seconda scelta nel caso in cui, ad esempio, si desideri salvare dei file precedentemente creati durante l'utilizzo di Ubuntu Linux nella modalità di test offerta da "LiveCD".


  1. Avatar
    francescomarca
    01/04/2009 14.59.09
    grazie dei chiarimenti molt utili.
    francesco
Installazione e primo utilizzo di Ubuntu Linux - IlSoftware.it