6309 Letture

LibreOffice: i risultati raggiunti dopo un anno di attività

"The Document Foundation" (TDF), l'organizzazione fondata da un nutrito gruppo di sviluppatori della suite opensource OpenOffice.org, compie oggi un anno. E' quindi il momento di tracciare i primi bilanci. I commenti che giungono dai membri della fondazione sono particolarmente entusiastici: "i risultati che abbiamo raggiunto in dodici mesi sono straordinari", ha dichiarato Charles Schulz, membro dello Steering Committee. "Parliamo di numeri: abbiamo 136 membri, nominati in base al contributo che hanno dato al progetto; abbiamo 270 sviluppatori e 270 localizzatori (e siamo continuamente alla ricerca di nuovi volontari), molti dei quali sono anche membri; abbiamo più di 100 liste con oltre 15.000 abbonati, metà dei quali riceve tutti i nostri annunci; e siamo stati citati da migliaia di articoli sulla stampa".

LibreOffice, la suite opensource sulla quale sono concentrati tutti gli sforzi dei partecipanti a TDF, appare un progetto estremamente prospero e vigoroso. Nato inizialmente come fork di OpenOffice.org (inizialmente posto da Oracle nel suo "portafoglio", dopo l'acquisizione di Sun Microsystems), LibreOffice è oggi un prodotto che si sta discostando sempre più dal suo "progenitore". Risultato dell'attività complessiva di 330 sviluppatori - compresi quelli che lavoravano sul codice di OpenOffice.org -, LibreOffice annovera tra coloro che contribuiscono alla sua crescita sia dipendenti di aziende che volontari indipendenti. Il 25% dei nuovi contributi al progetto LibreOffice è arrivo sia da SUSE che da parte dei nuovi volontari; un ulteriore 20% da RedHat ed un altro 20% dal codice di OpenOffice.org. I restanti contributi sono pervenuti dai volontari "storici" pre-TDF, dagli sviluppatori di Canonical e da aziende come Bobiciel, CodeThink, Lanedo, SIL, e Tata Consultancy Services.

"Grazie all'atteggiamento aperto verso i nuovi arrivati, alla licenza copyleft e al fatto che non viene richiesto un copyright assignment, TDF ha attratto più sviluppatori con commit nel primo anno di quanti l'intero progetto OpenOffice.org in un decennio", afferma Norbert Thiebaud, un volontario che ha "toccato" per la prima volta il codice di LibreOffice il 28 settembre 2010 e che oggi è membro dell'Engineering Steering Committee della fondazione.


Italo Vignoli, membro di TDF, offre qualche numero: i download fatti segnare da LibreOffice dal 25 gennaio 2011, il giorno della disponibilità della prima release stabile dell'applicazione, hanno superato i 6 milioni (considerando solo il prelievo dai server ufficiali). La cifra viene elevata a 7,5 milioni se vengono presi in considerazione anche quei siti che offrono il download del medesimo pacchetto d'installazione, attraverso i propri server. TDF stima, complessivamente, una base di utenti pari a circa 10 milioni: più del 90% su Windows, il 5% su Mac OS X.
Per quanto riguarda gli utenti Linux che, al contrario, ottengono LibreOffice dai repository della propria distribuzione (o lo trovano già preinstallato sul sistema), in base alle valutazioni diffuse da IDC, TDF stima un totale di 15 milioni di installazioni sul "pinguino".
"LibreOffice è un progetto vivo e attivo, e vogliamo tutti che continui a essere una storia di grande successo", ha affermato David Nelson, anche lui un volontario della prima ora.


Altre informazioni sulla storia di LibreOffice ed il link per il download del file d'installazione, sono reperibili facendo riferimento a queste pagine.

  1. Avatar
    Lorentz
    24/10/2011 01:32:52
    In Libre Office 3.4 ho riscontrato carenze (rispetto a OO) per quanto riguarda il modulo Base. Ho convertito un mio applicativo Access realizzandolo in ambiente OpenOffice 3.3 e successivamente l'ho testato in LO 3.4. Ho ricostruito pari pari il DB relazionale e la gestione delle relative tabelle progettando diversamente le maschere sfruttando al meglio la procedura che consente nelle relazioni 1 a n di agganciare agevolmente le sottomaschere. Nel confronto con Access le totalizzazioni che avevo realizzato nella sottomaschera sono riuscito a ottenerle tramite Query e, query a parte e pure a parte qualche piccolo problema connesso alle minori potenzialità dell'oggetto casella combinata di OO rispetto ad Access, la procedura (in realtà una riprogettazione ex-novo e non una semplice conversione) è per certi aspetti risultata migliore e di più immediato utilizzo. Le stesse maschere, OK in OO, in Libre Office non vengono ugualmente riprodotte a livello visualizzazione e dimensione. Concludendo LO per il momento mi ha deluso. Per chi volesse approfondire con me l'argomento o avere copia dell'applicativo la mia mail è renzolosanna@tiscalinet.it. Mi auguro che le prossime release siano migliorate. Personalmente avrei alcuni suggerimenti (anche molto semplici) riguardo il miglioramento di Base. Non sono un programmatore, ma ho progettato e realizzato moltissimi progetti applicativi in contesti complessi.
LibreOffice: i risultati raggiunti dopo un anno di attività - IlSoftware.it