121860 Letture

PartitionMagic 8.0: l'ultima versione del software per gestire le partizioni

In numerosi nostri articoli abbiamo avuto modo di evidenziare come la suddivisione del disco fisso in più partizioni consenta un passaggio fondamentale per una corretta gestione del personal computer.
Oggi, infatti, le dimensioni sempre maggiori dei dischi fissi (capienza in termini di megabyte) con il costo a megabyte che si riduce sempre di più con il passare del tempo, impongono di far uso delle partizioni.

La soluzione di creare, sul disco fisso, un'unica partizione, così come facevamo in passato, non è quindi più consigliabile: così facendo, infatti, non verrebbe garantita una migliore protezione dei dati, non risulterebbe possibile amministrare in modo efficiente lo spazio su disco né organizzare intelligentemente i propri dati.

E' oggi certamente più utile dividere il disco fisso in almeno due partizioni: una da dedicare all'installazione del sistema operativo e di tutte le applicazioni utilizzate, mentre una seconda da destinare alla memorizzazione di tutti i propri file personali a partire dai documenti, passando per i fogli di calcolo, i disegni, le immagini, per giungere ai file musicali.
In questa seconda partizione si potrebbe pensare, ad esempio, di memorizzare anche le e-mail inviate e ricevute con Outlook Express od altre impostazioni chiave dei vari programmi installati. In questo modo, qualora dovessero cominciare a presentarsi dei crash di sistema o comunque le prestazioni di Windows iniziassero a degradare in modo pesante, potrete limitarvi ad intervenire sulla prima partizione lasciando intatti i preziosi vostri dati memorizzati nella seconda.


Anche e soprattutto nel caso in cui l'utente desideri installare più sistemi operativi sullo stesso personal computer, è necessario avere a disposizione gli strumenti giusti per gestire le partizioni. L'installazione di più sistemi operativi diversi sullo stesso personal computer è infatti oggi uno scenario molto comune considerato il proliferare delle diverse versioni di Windows (sono ben cinque le possibili versioni di Windows che continuiamo a trovare su pc di privati ed aziende: Windows 98, Windows ME, Windows NT, Windows 2000, Windows XP) e dei sistemi operativi "alternativi" come Linux (date un'occhiata su LinuxISO.org - in questa pagina - per rendervi conto di quante distribuzioni Linux sono disponibili!...).

Il principale vantaggio offerto da PowerQuest PartitionMagic, giunto all'ottava versione, è certamente quello di rendere l'operazione di partitioning, una volta riservata ad una cerchia più ristretta di utenti a causa della sua complessità, estremamente rapida, veloce ed intuitiva. Il programma mette a disposizione, infatti, in una compatta interfaccia "user-friendly" tutte le più evolute possibilità per la creazione, la modifica e l'eliminazione di partizioni.

Per quanto gli utenti più esperti amino tutt'oggi far uso di utility di partitioning basate su riga di comando DOS (ad esempio GDISK), è innegabile riconoscere come PartitionMagic 8.0 offra uno spettro di possibilità per la gestione delle partizioni davvero senza pari. PartitonMagic permette di effettuare anche complesse operazioni di ridimensionamento, spostamento e conversione in modo visuale, senza ricorrere a sintassi difficili da riga di comando. Va detto poi che alcune delicate operazioni, che PartitionMagic è comunque in grado di consentire e compiere senza problemi, sarebbero altrimenti difficoltose da mettere in pratica in ambiente DOS.


PartitionMagic 8.0: l'ultima versione del software per gestire le partizioni - IlSoftware.it