31295 Letture
Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

Guida al funzionamento di Windows Sandbox, una nuova funzionalità introdotta con Windows 10 Aggiornamento di maggio 2019 che consente di provare programmi e fare test in un ambiente completamente isolato dal resto del sistema.

Con il rilascio di Windows 10 Aggiornamento di maggio 2019 o Windows 10 May 2019 Update (versione 1903) è stata portata al debuto una nuova attesa funzione, integrata nel sistema operativo Microsoft: Windows Sandbox.

Figlia di alcune sperimentazioni che Microsoft aveva già svolto nel recente passato, Windows Sandbox, una volta attivata, permette finalmente di eseguire qualunque applicazione in un ambiente isolato dal resto del sistema operativo.
Ispirandosi al funzionamento di programmi piuttosto popolari come Sandboxie, Windows Sandbox fa in modo che tutte le modifiche applicate sul sistema operativo non abbiano alcun effetto sullo stesso una volta chiusa l'applicazione.

I vantaggi sono enormi: con Windows 10 Pro, Enterprise o Education (la funzionalità non viene offerta agli utenti di Windows 10 Home), è possibile richiedere l'esecuzione di qualunque programma in un ambiente a sé stante, non soltanto il browser Edge come avveniva qualche tempo fa.


Come attivare Windows Sandbox in Windows 10

Per abilitare e utilizzare Windows Sandbox è innanzi tutto importante verificare che il supporto per la virtualizzazione lato BIOS/UEFI sia abilitato.
Per verificarlo basta premere la combinazione di tasti CTRL+MAIUSC+ESC per accedere al Task Manager, cliccare eventualmente su Più dettagli, portarsi nella scheda Prestazioni e controllare che, in basso a destra, sia riportato Abilitato accanto alla voce Virtualizzazione.

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

Per maggiori informazioni, suggeriamo la lettura dell'articolo Come attivare la virtualizzazione in Windows.

A questo punto sarà sufficiente premere la combinazione di tasti Windows+R quindi digitare optionalfeatures, spuntare la casella Sandbox di Windows e premere il pulsante OK.

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

A questo punto, digitando Windows Sandbox nella casella di ricerca di Windows 10, si vedrà apparire una nuova finestra contenente una sorta di replica del desktop del sistema operativo, con tanto di icone e barra delle applicazioni.

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

La sandbox sarà generata appoggiandosi ai file della versione di Windows in uso: la versione utilizzata sarà quindi corrispondente a quella del sistema operativo installato sulla macchina. Di fatto la sandbox apparirà come un'installazione pulita di Windows 10 pienamente svincolata da quella principale.

Chiudendo la finestra della sandbox di Windows tutte le modifiche apportate all'interno di essa e tutte le prove fatte verranno immediatamente e definitivamente perdute.

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

Per configurare il funzionamento della sandbox e impostare le proprie preferenze, Microsoft spiega che è possibile utilizzare un file XML opportunamente strutturato (vedere questa pagina di supporto).

Creando un file XML contenente quanto segue (usare, allo scopo, un programma come Notepad++), si farà in modo che dalla sandbox nessuna applicazione né componenti del sistema operativo possano accedere alla rete Internet:

<Configuration>
<Networking>Disable</Networking>
</Configuration>


Usando una configurazione del genere si può offrire alla sandbox l'accesso in sola lettura al contenuto di una cartella presente a livello di file system, sul sistema principale:

<Configuration>
<MappedFolders>
<MappedFolder>
<HostFolder>D:\Download</HostFolder>
<ReadOnly>true</ReadOnly>
</MappedFolder>
</MappedFolders>
</Configuration>


Il file XML dovrà essere salvato in qualunque locazione di memoria, ad esempio sul desktop. Nella casella Nome file di Notepad++ si dovrà indicare "Sandbox.wsb", virgolette comprese.


Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

Con un doppio clic sul file Sandbox.wsb, la sandbox di Windows verrà avviata con le preferenze impostate a livello di file XML.

Le sandbox potranno così essere sfruttate per eseguire in modo sicuro, da un ambiente virtuale, qualunque software sul quale si nutrono dubbi oppure programmi sui quali si desiderano effettuare test e analisi approfondite.

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

L'immagine è tratta da questo post di Hari Pulapaka (Microsoft).

Automatizzare la creazione dei file di configurazione di Windows Sandbox

Per il momento Microsoft non ha ancora rilasciato uno strumento ufficiale per la creazione dei file di configurazione di Windows Sandbox, utili per creare nuove macchine virtuali.


Ci ha pensato uno sviluppatore indipendente, Damien Van Robaeys, presentando la sua utilità gratuita Windows Sandbox Editor.

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

Nella cartella EXE di Windows Sandbox Editor si troveranno due file eseguibili ("v1" e "v2"): essi differiscono soltanto per la struttura dell'interfaccia ma le funzionalità del programma sono esattamente le stesse.


La sezione Basic infos consente di assegnare un nome alla sandbox, di indicare il percorso della sandbox, di specificare lo stato della rete (collegata o contenuto della sandbox completamente separato anche sul versante networking), di attivare la GPU virtuale (migliori prestazioni).
Cliccando su Mapped folders si possono condividere una o più cartelle tra il sistema host e la sandbox mentre con un clic su Command si può richiedere l'eventuale esecuzione automatica di alcuni comandi al caricamento del sistema operativo.

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10

La sezione Overview mostra la struttura del file .wsb sulla base delle preferenze selezionate.
Nel caso in cui si specificasse una cartella scorretta come destinazione per la creazione del file di configurazione di Windows Sandbox, l'editor salverà il file .wsb nella cartella %userprofile% (premere la combinazione di tasti Windows+R quindi digitare %userprofile%).

Compatibilità, interoperabilità e soluzioni alternative

Durante le nostre prove la funzionalità Windows Sandbox si è comportata egregiamente permettendo di eseguire programmi velocemente.
L'unico problema di Windows Sandbox è che non va d'accordo con le soluzioni per la virtualizzazione di terze parti (essendo basata su Microsoft Hyper-V): provando ad avviare Virtualbox o VMware, le macchine virtuali non verranno caricate. Di contro il sistema è molto leggero e in memoria occupa appena 60 MB una volta in esecuzione.

Nel caso in cui si volesse disattivare Windows Sandbox e tornare a utilizzare Virtualbox o altri software per la virtualizzazione, dopo aver riavviato il PC bisognerà premere la combinazione di tasti ALT+F4 e scegliere Riavvia il sistema altrimenti il caricamento delle macchine virtuali presenterà un errore.
In alternativa, si può aggiungere una nuova voce nel menu di avvio di Windows 10 in modo da scegliere se avviare il sistema operativo normalmente (si potrà usare Windows Sandbox) oppure se disattivare temporaneamente Hyper-V, in modo da usare altri software per la virtualizzazione come Virtualbox, VMware e simili. La procedura da seguire è illustrata nel nostro articolo Come far convivere Docker e Virtualbox con Windows 10. Al posto di "Docker" si può sostituire i termini "Windows Sandbox" dal momento che i suggerimenti illustrati si applicano anche alla soluzione di sandboxing Microsoft.


Come alternativa rispetto a Windows Sandbox possono essere utilizzate virtual machine Virtualbox: le cosiddette istantanee permettono di memorizzare lo stato del sistema virtuale e ripristinarlo in caso di necessità (ad esempio per annullare precedenti modifiche e recuperare istantaneamente la macchina virtuale in caso di problemi e instabilità): Virtualbox: come utilizzare le istantanee per creare un ambiente di test.

Sandbox, cos'è e come funziona quella di Windows 10