93745 Letture

Spostare e ridimensionare partizioni con Gparted risolvendo i problemi di avvio di Windows 7 e Vista

Gparted è un software libero che offre tutti gli strumenti per il partizionamento del disco fisso e la gestione di unità già suddivise in una o più partizioni. Il programma basa il suo funzionamento sul kernel Linux (trattasi, nello specifico, di Debian) ed è capace di compiere qualunque tipo di operazione su partizioni formattate con i file system più disparati. Facendo riferimento a questa pagina (sito web ufficiale di Gparted), è immediato accertarsi di quali siano i file system supportati e di quali operazioni possano essere compiute. Gparted, comunque, non ha difficoltà ad rilevare, leggere, ridimensionare, spostare e copiare partizioni Windows (NTFS, FAT32) e Linux (i.e. ext2, ext3, ext4).

Sebbene con Windows Vista lo strumento Gestione disco (accessibile cliccando con il tasto destro del mouse su Computer quindi sulla voce Gestione ed infine su Gestione disco) abbia fatto notevoli passi in avanti (è possibile ridurre ed estendere le dimensioni di una partizione), manca all'appello un'opzione che permetta di spostare le partizioni.


Supponiamo di avere a che fare con un disco fisso sul quale sono installati Ubuntu Linux e Windows Vista in configurazione “dual boot”. Ipotizziamo che le prime due partizioni, utilizzate da Ubuntu, occupino complessivamente 60 GB mentre quella di Windows Vista, la terza partizione, 260 GB (l'hard disk sia capiente 320 GB). Il sistema preso in esame sia una macchina di test sulla quale adesso si sia interessati ad installare Windows 7 rimuovendo, almeno temporaneamente, Ubuntu (lo reinstalleremo, poi, successivamente dopo la migrazione a “Seven” da Vista).
Il Gestore disco di Vista consente di eliminare senza problemi le due partizioni Linux: nella finestra che rappresenta lo stato del disco fisso, dopo l'operazione di rimozione, viene indicato uno “spazio non allocato” pari a 60 GB. Dopo lo spazio non allocato segue la partizione di Windows Vista.

Per fare spazio a Windows 7, l'intenzione è quella di recuperare i 60 GB presenti all'inizio dell'unità (ora “spazio non allocato”) ed aggiungere altri 40 GB ridimensionando la partizione di Vista. Per procedere al ridimensionamento della partizione occupata da Windows Vista, è sufficiente – da Gestione disco – cliccare con il tasto destro del mouse sulla stessa quindi selezionare il comando Riduci volume. Vista calcolerà lo spazio disponibile per avviare l'operazione di ridimensionamento della partizione. In particolare, viene richiesto all'utente il quantitativo di spazio che si vuole liberare e che sarà quindi sfruttabile, in questo caso, per l'installazione di Windows 7.
Quando la procedura di ridimensionamento sarà conclusa, in elenco vi sarà una partizione più piccola per Windows Vista e noterete la presenza di un nuovo segmento di spazio non allocato.
Come fare per unire lo spazio non allocato dopo la partizione di Vista con quello presente prima della partizione stessa (i 60 GB precedentemente utilizzati dalle due partizioni Linux)?

La soluzione consiste nello spostare la partizione occupata da Vista all'inizio del disco fisso ma, dal momento che il sistema operativo non offre gli strumenti giusti, si può ricorrere al software Gparted. Il programma deve essere necessariamente avviato da un CD ROM di boot, lasciato inserito all'accensione del personal computer.
Per creare il CD di avvio di Gparted, il primo passo da compiere consiste nell'effettuare il download dell'ultima versione del software. Il nostro consiglio è quello di scaricare Parted Magic, una suite di strumenti per la manutenzione del sistema, anch'essi fruibili da un CD di boot (una recensione del prodotto è disponibile in questa pagina). Parted Magic, tra i vari programmi, mette a disposizione anche Gparted.
Per procedere, è necessario scaricare il file prelevabile da questa pagina, estrarre il contenuto del file Zip su disco quindi masterizzare il file ISO su supporto CD.

Il CD ROM creato dovrà essere lasciato inserito nel lettore all'avvio del personal computer. Una volta che sarà comparso a video il desktop di Parted Magic (dopo aver scelto l'opzione defaults settings, runs from RAM), si dovrà cliccare sul pulsante in basso a destra quindi selezionare dal menù di avvio il software Gparted oppure cliccare sull'icona Partition editor sul desktop.

Il programma mostrerà immediatamente la struttura del disco fisso visualizzando le partizioni presenti. Nel nostro caso, si dovrà selezionare la partizione di Windows Vista quindi cliccare sul pulsante Resize/Move.


Gparted richiederà dove la partizione dovrà essere spostata e se debba essere eventualmente ridimensionata. Per fare in modo che essa venga spostata all'inizio del disco fisso, si dovrà indicare – all'interno della casella Free space preceding – il valore 0.

Si tenga presente che qualunque operazione di spostamento (Move) richiederà molto tempo (anche qualche ora) per poter essere portata a compimento. Suggeriamo, quindi, di usare la massima pazienza e di attendere la fine di quest'attività. Nel nostro esempio, Gparted mostrerà, quindi, in testa all'unità, la partizione Windows Vista ridimensionata a 220 GB ed uno spazio non allocato, contiguo, pari a 100 GB.

Riavviando il personal computer, molto probabilmente, Windows Vista non si avvierà più mostrando l'“agghiacciante” messaggio d'errore seguente:

Tale messaggio d'errore può apparire ogniqualvolta si ridimensiona o si sposta una partizione Windows. Per risolvere ed accedere nuovamente a Vista, si dovrà ricorrere al DVD d'installazione del sistema operativo, inserirlo nel lettore, riavviare il personal computer, effettuare il boot da DVD, specificare lingua e layout di tastiera da usare quindi premere il pulsante Avanti.
Una volta comparsa la successiva finestra, si dovrà cliccare sulla voce Ripara il computer quindi su Ripara e riavvia.


La procedura di riparazione si occupa di diagnosticare e risolvere direttamente gran parte dei problemi che impediscono il corretto avvio di Windows Vista (MBR corrotto, boot manager di Windows danneggiato o contenente informazioni errate e così via).

La stessa procedura può essere avviata anche dal DVD d'installazione di Windows 7: i passi da seguire sono esattamente gli stessi (di seguito, le schermate acquisite dal supporto d'installazione di Windows 7 RTM, versione finale in inglese).

Al riavvio del sistema, il boot manager mostrerà l'indicazione Windows Vista (TM) Home Premium (recovered) (al posto di “Home Premium”, l'edizione di Vista scelta). Scegliendo l'opzione, Vista dovrebbe avviarsi ora regolarmente. Per modificare l'etichetta mostrata nel Windows Boot Manager, suggeriamo di ricorrere ad un software come EasyBCD (ne avevamo illustrato il funzionamento in questo articolo). Cliccando sul pulsante Change settings di EasyBCD quindi scegliendo Windows Vista (TM) Home Premium (recovered) dal menù Choose an OS to change the associated settings (riquadro Entry-based settings), si potrà modificare (casella Name) l'etichetta mostrata nel menù di avvio che compare all'accensione del personal computer. L'intervento dovrà essere memorizzato cliccando sul pulsante Save settings.

Si tenga presente che effettuando il reboot del personal computer, è assai probabile che venga avviato lo strumento per il controllo dell'integrità del disco fisso: è bene lasciare terminare completamente l'attività di scansione.


  1. Avatar
    lukeggg
    28/11/2013 13:06:58
    se sposto le partizioni si sputtana tutto, il SO non legge piu nessun indirizzo ...
  2. Avatar
    vincent
    23/02/2013 13:34:30
    Grazie, ho ridimensionato un disco di boot 2003, e' stato molto veloce (pochi minuti). Al riavvio il pc ha fatto un controllo di coerenza dei dischi e poi e' ripartito :-)
  3. Avatar
    Marthincho
    04/04/2012 12:20:39
    Nel mio caso, avevo un hard disk di 40Gb... con 30Gb liberi, e mi serviva spazio per mettere un backup del sistema (immagine Ghost). Soluzione, velocissima e "pulita". consiglio!!
  4. Avatar
    miker89
    01/03/2012 18:54:00
    So che è un post vecchio e forse non avrò risposta ma io ci provo lo stesso :D visto che ho un portatile con windows 7 già caricato, come faccio a correggere gli eventuali errori dati dalla partizione?
  5. Avatar
    giovannigiuliani0
    16/03/2011 19:04:20
    il mio problema é quello che win 7 si é installato sulla partizione recovery che é piccola e vorrei togliere vista dalla partizione grande come faccio?.
  6. Avatar
    germanux
    16/04/2010 01:24:56
    Sbaglio, o lo spostamento/ridimensionamento (anche se di minima entità) effettuato sulle partizioni "di alto livello" (primarie ed estese) è soltanto un'operazione "formale" che nasconde in realtà una completa "tabula rasa" dell'intero hard-disk? in sostanza, spostando e/o ridimensionando, si risparmia (se tutto va bene) del tempo (in teoria, non dovrebbe essere necessario il back-up dei dati, né la reinstallazione dei sistemi operativi, ecc.). Ma, considerando il problema esclusivamente nell'ottica dello 'stress' subìto dal disco (e quindi, spostando l'attenzione sul piano della durata di un hard-disk), non si può forse dire che lo spostamento e/o ridimensionamento che coinvolga un qualunque riassetto (anche minimo) nella tabella delle partizioni (cioè, modificando i "confini" tra partizioni primarie e/o estesa) equivalga, alla fin fine, a un vero e proprio nuovo ciclo di cancellazione, partizionamento e formattazione dell'intero disco? Se invece vado a modificare soltanto i "confini" tra le partizioni logiche, teoricamente ciò dovrebbe incidere soltanto sulla partizione estesa, che verrebbe completamente cancellata e "ridisegnata" al suo interno. Esatto? Sono solo mie supposizioni, chiedo lumi a chiunque ne sappia più di me... grazie!
  7. Avatar
    Albe
    09/03/2010 16:54:55
    Veramente una guida utilissima. Usavo GParted da un pò di tempo e questa guida mi ha risolto un sacco di dubbi che ancora avevo a riguardo. Grazie davvero!
  8. Avatar
    WIN 7 e XP insieme
    24/10/2009 14:42:23
    No, assolutamente no...era tutto collegato e funzionante. Quando lo feci con Vista, tutto filò liscio...
  9. Avatar
    jacopo
    23/10/2009 17:34:18
    Strano, il bootloader dovrebbe riconoscere qualsiasi versione di Windows precedente a Seven. A meno che non avessi scollegato l'HD su cui era installato Windows XP.
  10. Avatar
    WIN 7 e XP insieme
    23/10/2009 12:27:50
    Ciao! Io avevo già XP su C, e ho deciso di provare WIN 7...l'ho installato su un altro HDD, pensando poi di avere la scelta all'accensione su quale sistema avviare...ma purtroppo non è così! L'unico modo che ho trovato è quello di selezionare dal Bios l'HDD corretto...ma non mi sembra una gran soluzione farlo ogni volta... Questo programma serve a qualcosa ?? In che modo?? Grazie a tutti!
Spostare e ridimensionare partizioni con Gparted risolvendo i problemi di avvio di Windows 7 e Vista - IlSoftware.it