38335 Letture

Virtualizzazione: con VMLite le novità di XP Mode si aprono a tutti

Quando si passa ad una nuova versione di Windows esiste il rischio che le applicazioni più datate, ma spesso indispensabili per la propria attività lavorativa, non operativo correttamente. Tornano alla mente i malumori che creò Windows Vista dopo il suo lancio quando molti utenti iniziarono a lamentare problemi di compatibilità con alcuni driver di periferica e con alcuni software.

Microsoft ha deciso di venire incontro agli utenti, in particolare professionisti ed aziende, offre Windows XP Mode, una funzionalità aggiuntiva installabile opzionalmente in Windows 7 (è disponibile sotto forma di "download" separato) che permette di eseguire una copia di Windows XP all'interno di un ambiente virtualizzato.
Lo strumento mira a venire incontro, in particolare, proprio agli utenti business: eseguendo Windows XP senza abbandonare Windows 7, servendosi di una macchina virtuale, si potranno avviare ed utilizzare applicazioni che non dovessero risultare pienamente compatibili con il più recente tra i sistemi operativi firmati dal gigante di Redmond.
Alla base di "XP Mode" c'è l'impiego della piattaforma "Virtual PC" di Microsoft. Una volta installato l'"add-on" in Windows 7, questo proporrà all'utente una copia di Windows XP SP3 già preventivamente attivata e dotata di una regolare licenza d'uso.

Dal momento che, per poter essere utilizzato, "XP Mode" necessita di un processore con frequenza operativa pari ad almeno 2 GHz e, soprattutto, che integri il supporto alla virtualizzazione x86 (AMD-V oppure Intel VT) - opportunamente attivato a livello BIOS -, Microsoft ha rilasciato uno strumento (battezzato "HAV Detection Tool"; ved. questa pagina) per la verifica dei requisiti minimi. Il programma indica chiaramente se il sistema possa o meno utilizzare la virtualizzazione x86. In caso di risposta negativa, è bene accertarsi che la possibilità di attivare tale funzionalità sia prevista a livello BIOS.
In alternativa, per controllare se il personal computer sia o meno in grado di fruire della virtualizzazione a livello hardware, è possibile ricorrere al tool di Steve Gibson SecurAble.
Una volta eseguito, esso fornisce alcune informazioni sul processore in uso ed indica (Hardware Virtualization) se il processore supporta o meno la virtualizzazione a livello hardware.
Nel caso in cui SecurAble dovesse riportare la dizione "No" in corrispondenza della voce Hardware Virtualization, è sempre bene effettuare un controllo approfondito tra le opzioni del BIOS: l'opzione che permette di abilitare la virtualizzazione hardware, talvolta, non è ben evidenziata.

"XP Mode" può essere invece prelevato facendo riferimento a questa pagina, dopo aver indicato la versione di Windows 7 in proprio possesso. Come illustrato nella pagina di download, per poter usare l'XP Mode si dovrà scaricare ed installare due file: per primo l'eseguibile relativo a Windows XP Mode ("pesa" circa 500 MB) quindi la piattaforma per la virtualizzazione Microsoft Virtual PC.
XP Mode può tuttavia essere installato esclusivamente sulle versioni "Professional", "Enterprise" ed "Ultimate" di Windows 7.


Windows XP opererà, nel contesto della macchina virtuale "XP Mode", così come se fosse installato su un sistema "fisico".


"XP Mode", comunque, non consente l'esecuzione di applicazioni non pienamente compatibili con Windows 7 solo avviando la macchina virtuale Windows XP. Dopo aver installato il programma all'interno della virtual machine Windows XP, questo comparirà anche nel menù Start di Windows 7. Chiudendo la finestra della macchina virtuale Windows XP quindi accedendo al menù programmi di Windows 7 ed avviando l'applicazione precedentemente installata nella virtual machine, questa sarà avviata senza difficoltà. Il trucco sta nel fatto che l'applicazione sarà sempre eseguita nel contesto della macchina virtuale sebbene il suo desktop non sia visualizzato in finestra.

L'hardware "virtuale" utilizzato da parte della macchina virtuale Windows XP può essere modificato: è sufficiente accedere alla finestra delle impostazioni per modificare numero e caratteristiche dei dischi fissi collegati, memoria utilizzata, lettori CD e DVD usati e così via.


Virtualizzazione: con VMLite le novità di XP Mode si aprono a tutti - IlSoftware.it