10935 Letture
Windows 10 Aggiornamento di aprile 2018 elimina IIS insieme con tutti i dati e i servizi collegati

Windows 10 Aggiornamento di aprile 2018 elimina IIS insieme con tutti i dati e i servizi collegati

Come accaduto in passato con i precedenti feature update per Windows 10, l'ultimo aggiornamento rimuove IIS e i dati a esso correlati: attenzione sviluppatori!

Abbiamo verificato che anche con Windows 10 Aggiornamento di aprile 2018 si verifica un comportamento anomalo: eventuali installazioni di IIS (Internet Information Services) presenti sul sistema vengono automaticamente rimosse dopo l'applicazione dell'update insieme con tutti i siti web configurati e i file d'installazione.

Il problema è ovviamente rilevante per gli sviluppatori, ovvero per coloro che usano macchine Windows 10 per realizzare i siti web che poi saranno posti online.

Windows 10 Aggiornamento di aprile 2018 elimina IIS insieme con tutti i dati e i servizi collegati

La cartella Windows.old contiene i file rimossi dal sistema dopo l'installazione di Windows 10 Aggiornamento di aprile 2018 (vedere questi nostri articoli). Inoltre, scrivendo Opzioni di ripristino nella casella di ricerca di Windows 10 e cliccando sul pulsante Per iniziare in corrispondenza di Torna alla versione precedente di Windows 10, si potrà riportare il sistema operativo allo stato in cui si trovava prima dell'applicazione di Windows 10 Aggiornamento di aprile 2018.


Chi avesse installato il web server Microsoft in Windows 10 è bene comunque che consideri il problema cui può andare incontro caricando il più recente feature update e, ovviamente, non affrettarsi a usare Pulizia disco oppure la nuova funzionalità Libera spazio ora (Windows 10 Spring Creators Update: arriva il successore dello strumento Pulizia disco). Diversamente, andrebbe incontro a una spiacevole perdita di dati.

L'eliminazione di IIS e di tutti i dati correlati interessa quegli utenti che hanno installato il servizio nella cartella predefinita (ovvero c:\inetpub).

Windows 10 Aggiornamento di aprile 2018 elimina IIS insieme con tutti i dati e i servizi collegati