56409 Letture

Windows 10 dopo un mese: tornare a Windows 7 o 8.1 trascorsi 30 giorni

Trascorsi 30 giorni dall'aggiornamento a Windows 10, il sistema operativo eliminerà automaticamente i file che consentono il ripristino di Windows 7 o di Windows 8.1. Chi volesse tornare a Windows 7 o Windows 8.1 dopo un mese dall'aggiornamento a Windows 10 non potrà più farlo.

Nell'articolo Installazione pulita di Windows 10 e Product Key abbiamo spiegato in che modo opera la funzionalità per annullare l'installazione di Windows 10 e ripristinare Windows 7 o Windows 8.1 dopo l'aggiornamento.

Per avere la possibilità di tornare a Windows 7 o Windows 8.1 dopo un mese dall'aggiornamento a Windows 10 è possibile applicare un semplice espediente.

Premettiamo che i file per tornare a Windows 7 e Windows 8.1 vengono memorizzati in tre differenti cartelle:


- C:\Windows.old
- C:\$Windows.~BT
- C:\$Windows.~WS

Le ultime due cartelle sono nascoste e sono quindi visualizzabili cliccando sull'icona Questo PC, selezionando la scheda Visualizza quindi spuntando la casella Elementi nascosti.
Se il contenuto di una o più delle cartelle indicate dovesse essere cancellato oppure sovrascritto, non sarà possibile annullare l'aggiornamento a Windows 10 e tornare a Windows 7 o Windows 8.1.

Tornare a Windows 7 o Windows 8.1 e annullare l'aggiornamento a Windows 10

Per annullare l'aggiornamento a Windows 10 e ritornare a Windows 7 o Windows 8.1, è sufficiente digitare Opzioni di ripristino nella casella di ricerca del sistema operativo quindi cliccare sul pulsante Per iniziare in corrispondenza della voce Torna a Windows 7 o Torna a Windows 8.1 (vedere anche l'articolo Disinstallare Windows 10 e tornare a Windows 7 o Windows 8.1).

Windows 10 dopo un mese: tornare a Windows 7 o 8.1 trascorsi 30 giorni

Ripristinare il sistema Windows 7 o Windows 8.1 dopo 30 giorni dall'aggiornamento a Windows 10

Per far sì che Windows 7 o Windows 8.1 siano ripristinabili anche dopo 30 giorni dall'aggiornamento a Windows 10, è possibile applicare il seguente espediente:

1) Fare doppio clic sull'icona Questo PC e portarsi nell'unità C:.
2) Cliccare sul menu Visualizza ed attivare la casella Elementi nascosti.
3) Rinominare le tre cartelle Windows.old, $Windows.~BT e $Windows.~WS inserendo ad esempio il prefisso BACKUP_ (in questo caso il nome delle tre cartella diverrà BACKUP_Windows.old, BACKUP_$Windows.~BT e BACKUP_$Windows.~WS).

A questo punto, Windows 10 – una volta trascorsi 30 giorni dal momento dell'aggiornamento – non sarà più in grado di cancellare le tre cartelle essendo state opportunamente rinominate.

Nel momento in cui si dovesse avere la necessità di ripristinare Windows 7 o Windows 8.1, si potranno nuovamente rinominare le cartelle con il prefisso BACKUP_ riportandole alla denominazione originaria.

Non puoi eseguire il ripristino. I file necessari per ripristinare una versione precedente di Windows sono stati rimossi da questo PC

Dopo aver aggiornato a Windows 10, anche prima della scadenza dei 30 giorni dall'installazione del nuovo sistema operativo, la possibilità di tornare a Windows 7 o Windows 8.1 potrebbe venire preclusa all'utente in forza della comparsa del messaggio d'errore seguente: "Non puoi eseguire il ripristino. I file necessari per ripristinare una versione precedente di Windows sono stati rimossi da questo PC".

Windows 10 dopo un mese: tornare a Windows 7 o 8.1 trascorsi 30 giorni

Il messaggio appare, di solito, allorquando si fossero cancellati od alterati i contenuti di una o più delle tre cartelle indicate in precedenza.
L'eliminazione dei file indispensabili per tornare a Windows 7 o Windows 8.1 può essere richiesta utilizzando l'utilità Pulizia disco di Windows 10 (pulsante Pulizia file di sistema), così come abbiamo visto nell'articolo Installazione pulita di Windows 10 e Product Key.

Ma perché l'errore "Non puoi eseguire il ripristino. I file necessari per ripristinare una versione precedente di Windows sono stati rimossi da questo PC" appare anche quando non si fosse cancellato in proprio alcun dato dalle cartelle citate?

Ogniqualvolta si esegue lo strumento Media Creation Tool di Microsoft (vedere sempre Installazione pulita di Windows 10 e Product Key), ad esempio per creare il supporto d'installazione di Windows 10, questo modifica il contenuto delle cartelle $Windows.~BT e $Windows.~WS.
Nonostante Microsoft non visualizzi alcun messaggio d'allerta all'apertura del programma Media Creation Tool, l'utilità altera il contenuto di due delle tre directory necessarie per tornare a Windows 7 o Windows 8.1.

Consigliamo quindi a chiunque abbia effettuato o decida di effettuare l'aggiornamento a Windows 10 da Windows 8.1 e Windows 7 di non eseguire l'utilità Media Creation Tool.


In ogni caso, dopo aver aggiornato a Windows 10, suggeriamo di creare una copia di backup delle cartelle Windows.old, $Windows.~BT e $Windows.~WS su un'unità esterna (ad esempio un server NAS) in modo da poterle ripristinare in caso di problemi.


  1. Avatar
    CBino
    20/08/2016 09:54:24
    Citazione: Dopo i reiterati tentativi di MS-W di ottenere il mio OK per installare il10, ovviemente andati in malora perchè gli alert erano più invasivi dei testimoni di Geova... Una mattina accendo il pc (lenovo z710), nativo w8 e.. Schermata blu!!!!!!!! "sto installando windows10"... MA PERCHÈ? Da quel momento apriti cielo. E 3 settimane fa è partita anche la scheda di rete.
    Una mattina quando? Dopo il 29 luglio? Qualche giorno fa? Se successo di recente è cosa seria o Windows 10 è ancora gratis!
  2. Avatar
    dan_104
    20/08/2016 06:15:12
    Dopo i reiterati tentativi di MS-W di ottenere il mio OK per installare il10, ovviemente andati in malora perchè gli alert erano più invasivi dei testimoni di Geova... Una mattina accendo il pc (lenovo z710), nativo w8 e.. Schermata blu!!!!!!!! "sto installando windows10"... MA PERCHÈ? Da quel momento apriti cielo. E 3 settimane fa è partita anche la scheda di rete.
  3. Avatar
    kRel
    04/03/2016 15:53:50
    Si scrive (e si parla) molto, ma si legge (e si ascolta) troppo poco. Di conseguenza forse nessuno leggerà questo commento che vuole solo suggerire molto sommessamente: MAI aggiornare un S.O. in prossimità del rilascio, che poi è la stessa cosa che dire: "un uomo intelligente impara dagli errori degli altri". Che poi è la stessa cosa che dire: "non toccare mai quello che funziona bene" e windows 7 dopo anni di aggiustamenti funziona perfettamente. Quindi chi avesse aggiornato a Win10 troppo presto non si lamenti e accetti le conseguenze con stoicità sapendo che la prima causa del problema in questo caso siamo noi stessi e che che con un pò di accortezza in più, come ad esempio il salvataggio preventivo dell'immagine del proprio S.O. tramite software gratuiti come Macrium Reflect, o a pagamento come Norton Ghost occorrono 15 minuti per salvare in immagine perfetta del proprio S.O. e 15 minuti per ripristinarla. Qualora insoddisfatti. In seconda si sarebbe potuto provare Windows10 e verificare se gira con i propri programmi tramite la virtualizzazione del S.O. trami software a pagamento tipo VMWare o gratuiti come Oracle VM VirtualBox. --- Ciò premesso, io ho aggiornato 2 giorni fa e sto resistendo stoicamente per non tornare indietro. Tuttavia, anche a me è mancante la cartella C:\$Windows.~WS quindi non so se riuscirò a tornare indietro tramite MS. Mi consola l'aver creato l'immagine di Windows7 tramite uno dei due programmi citati sopra.
  4. Avatar
    giura
    20/12/2015 10:25:01
    io l'ho scaricato due giorni fa e già mi sta dando problemi, vorrei tornare indietro a windows 7, ma quando vado in impostazioni - sicurezza, non mi da l'opzione di ritorno a Windows 7.
  5. Avatar
    ginovanta
    08/11/2015 13:34:34
    neanche io ho la cartella $Windows-WD, solo le altre due! Dove la vado a prendere???
  6. Avatar
    Gaetano.Galeppi
    13/09/2015 13:12:54
    Anche io ho avuto la malsana idea di installare window 10 su diversi pc che avevano window 7 ed il guaio più grosso e che il software codesoft 10 della tecklink rinomata azienda per la stampa di etichette non funzionava. Il ritorno a window 7 non è mai avvenuto. Su 5 pc solo in un caso il ripristino è avvenuto serenamente. In tutti gli altri casi ho dovuto formattare il disco e reinstallare window 7 e gli altri software da capo. Il bello di tutto questo è che quando ho tentato di reinstallare codesoft 10.04 il sistema mi ha detto che erano stati superati le 5 reinstallazioni del programma. Sistema comprato nel 2011 ed oggi praticamente da buttare. Io mi chiedo ma queste cose sono normali ? In pratica tu acquisti la licenza di un software e lo puoi installare solo 5 volte nella vita. Window 10 mai più ed anche codesoft mai più per la vita. Gaetano Galeppi
  7. Avatar
    gio.fino
    02/09/2015 16:08:13
    Ai primi di agosto, dopo preventiva prenotazione, sul mio pc HP ho scaricato windows 10. In breve: stampante HP in tilt, antivirus Kaspersky incontrollabile, pagine web e di posta elettronica (compreso google.it) che non si aprivano per certificato scaduto, modem D-Link che cadeva la linea e non funzionava più il Wi-fi. Dopo vari tentativi, compreso l'intervento del controllo della linea da parte di Infostrada, con l'aiuto di un tecnico ho formattato il pc a livello di fabbrica, in quanto il "ritorno a windows 7" non ha funzionato: la risposta è stata che windows 7 era stato cancellato. Ora il pc funziona, compresa la stampante e l'antivirus. Ho cambiato anche il moden router perchè non c'era verso, anche se azzerato, di farlo ripartire. Apro tutte le pagine compresa la posta e google. Nel frattempo avevo "rotto a tutti" quelli sopranominati, i loro consigli non erano serviti. Non credo che aggoirnerò più a win dows 10. Aspetterò di comprare, quando sarà, un nuovo pc già con windows 10 o + già installato di fabbrica, in quanto qualcosa di simile mi era già successa installando "Vista". Buona fortuna!!!
  8. Avatar
    lory66
    29/08/2015 23:45:56
    Ciao anche io vorrei rinominare le cartelle per poter ritornare se voglio a win 8.1 trascorsi i 30 giorni , solo che nella cartella compare Windows old poi $Windows.~BT ma la terza non c e' dove la trovo. Inoltre se rinomino sole le due citate non potro' tornare a win 8.1. Dove e' sparita la cartella mancante? Una cosa che ho notato e' che giochi che avevo acquistato nello store non me li fa scaricare anzi li ho pagati e risulta che li debbo ripagare , altri risultano nel pc ma in realta non ci sono lo store deve essere molto incasinato.
  9. Avatar
    Lettore anonimo
    29/08/2015 12:37:21
    Mi spiego meglio: Io ho un tablet lenovo yoga 2 con Windows 8.1 preinstallato e, quindi, contenuto anche nella partizione di ripristino di fabbrica (quella che ho usato per tornare a 8.1 dopo aver provato Windows 10). Se io aggiorno a Windows 10, non penso che si aggiorni anche questa partizione, che altro non è che un'immagine fornita dal produttore (lenovo in questo caso). E se io dovessi ripristinare il pc di nuovo alle impostazioni di fabbrica? Sicuramente tornerebbe a Windows 8.1! A questo punto la mia domanda è: come reinstallo di nuovo Windows 10 nel caso in cui fosse trascorso più di un anno??? Grazie a chi risolverà questo mio dubbio amletico!!
  10. Avatar
    PaoloG
    28/08/2015 00:20:03
    Anche sul mio PC non appare la cartella $Windows.~WS ... le altre due sì e le ho rinominate. In precedenza avevo installato Win7 Pro 32bit. Che fare?
Windows 10 dopo un mese: tornare a Windows 7 o 8.1 trascorsi 30 giorni - IlSoftware.it