4410 Letture

AGCM condanna le pratiche commerciali di Easy Download

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha deciso: la pratica commerciale utilizzata da "Easy Download" è stata ritenuta scorretta ed alla società inglese ("Eurocontent Ltd") responsabile della gestione del servizio, comminata una sanzione complessiva pari a 960.000 Euro.
La decisione dell'AGCM (nella foto, il Presidente Antonio Catricalà) è arrivata dopo le centinaia di segnalazioni che si sono susseguite a partire dallo scorso mese di aprile ed alle ripetute richieste d'intervento pervenute da Altroconsumo, Adiconsum, Aduc, Codacons, Unione Nazionale Consumatori e Federconsumatori.

Eurocontent Ltd ha applicato una serie di pratiche SEO (Search Engine Optimization) attraverso le quali era riuscita a guadagnare i primi posti per le ricerche, sui motori di ricerca, relative ad alcuni famosi software. Digitando il nome di tali programmi accanto ai termini "gratis" o "gratuito", veniva proposto un link al sito "Easy Download" o ad alcuni domini correlati. La società, con sede operativa in Germania, aveva posto in essere una massiccia campagna pubblicitaria con Google Adsense riuscendo così a proporre i propri "link sponsorizzati" all'apertura di molte SERP del motore di ricerca di Mountain View.


Nel dispositivo di 33 pagine, consultabile cliccando qui, l'AGCM ha rilevato come Eurocontent Ltd sfruttasse "articolati meccanismi mediante i quali ha indotto i consumatori a ritenere, contrariamente al vero, che i prodotti software presenti nel proprio sito Internet e generalmente disponibili gratuitamente in rete (quali Open Office, Opera, Adobe Acrobat Reader, VLC Media Player, ecc.) potessero essere scaricati senza alcun onere economico".

Cliccando sul link proposto nelle pagine del motore di ricerca, come spiega AGCM, "il consumatore veniva indirizzato non alla home page del sito, ma direttamente alla pagina dedicata alla registrazione. Una volta inseriti i propri dati, il consumatore sottoscriveva sostanzialmente a sua insaputa, un contratto biennale con la società tedesca Eurocontent Ltd per la fornitura di software al costo annuale di 96 Euro da pagare anticipatamente una volta l'anno".


L'Autorità spiega che, a differenza della home page, dove le condizioni contrattuali venivano chiaramente esplicitate, la pagina di registrazione al servizio riportava i termini con un'evidenza grafica non sufficiente a una loro immediata percezione. Il consumatore era insomma indotto a ritenere che si trattasse di un servizio gratuito. Decorso il tempo per il recesso senza dare al consumatore alcuna conferma del perfezionamento del contratto stesso, la società iniziava a sollecitare i pagamenti.

"La pratica commerciale in esame, con particolare riferimento alle condizioni economiche dell’offerta, risulta idonea a ingenerare nel consumatore il falso convincimento che aderendo all’offerta sia possibile scaricare gratuitamente programmi software per personal computer", ha stabilito l'AGCM.

  1. Avatar
    melfitanus
    22/11/2010 15:48:52
    Citazione: come detto in precedenza, ho pagato per la truffa messa in atto dalla Euro Content Limited la somma di € 105,00-, che devo fare per ottenerne il rimborso-.
    Ritengo che, se l'illecito riconosciuto è solo quello della pratica commerciale scorretta, sia assai difficile ottenere un indennizzo: si potrebbe sostenere infatti che, con maggior attenzione, l'utente avrebbe potuto accorgersi che stava sottoscrivendo un abbonamento all'atto della registrazione al sito. Si potrebbe tentare forse un'azione legale tentando di dimostrare il raggiro, ma dubito dell'utilità di tale scelta se compiuta individualmente. Suggerisco di contattare una delle associazioni di consumatori che ha segnalato il sito al garante, come ad esempio Altroconsumo.
  2. Avatar
    alberto sutera
    22/11/2010 10:57:09
    come detto in precedenza, ho pagato per la truffa messa in atto dalla Euro Content Limited la somma di € 105,00-, che devo fare per ottenerne il rimborso-.
  3. Avatar
    alberto sutera
    18/11/2010 09:44:54
    io sono uno dei raggirati che ha pagato la prima rata, per evitare la rappresaglia minacciatami dalla Easy download, spero che oltre la multa sia applicata anche la chiusura dell'attività commerciale a codesta fantomatica ditta-.
  4. Avatar
    melfitanus
    16/11/2010 23:52:58
    Mi auguro che, oltre alla multa, sia stata decisa la chiusura di Easy Download... Da quel che ho letto mi pare che "pratica commerciale scorretta" sia una espressione benevolmente eufemistica per designare quella che è in realtà una vera e propria truffa.
AGCM condanna le pratiche commerciali di Easy Download - IlSoftware.it