1924 Letture
Abilità fotografiche del G7 ThinQ di LG: bocciatura da parte di DXoMark

Abilità fotografiche del G7 ThinQ di LG: bocciatura da parte di DXoMark

Lo smartphone top di gamma di LG che era stato lanciato a maggio non soddisfa per quanto riguarda il comparto fotografico. I risultati sono inferiori a quelli di prodotti che ormai hanno fatto il loro tempo.

In attesa del giudizio sui nuovissimi Pixel 3 e Pixel 3 XL di Google (Google presenta i nuovi smartphone Pixel 3 e Pixel 3 XL oltre al tablet Pixel Slate), gli esperti di DXoMark si sono espressi sulla qualità fotografica dell'LG G7 ThinQ svelato lo scorso maggio (LG G7 ThinQ, smartphone top di gamma che trae ispirazione dall'iPhone X di Apple.

Saltando subito alle conclusioni, diciamo che la pagella di DXoMark non è per nulla favorevole a LG che ad oggi sembra fare un po’ di fatica rispetto alla concorrenza, complice anche la ristrutturazione sulla quale sta lavorando l'azienda di Seoul.

Abilità fotografiche del G7 ThinQ di LG: bocciatura da parte di DXoMark

La bocciatura di DXoMark è piuttosto scioccante perché penalizza uno smartphone che è un top di gamma LG. I francesi hanno motivato la loro decisione compilando una dettagliata scheda tecnica, consultabile a questo indirizzo.
Il punteggio complessivamente ottenuto dal G7 ThinQ di LG è pari a 83, molto più basso rispetto agli attuali leader della classifica: Huawei P20 Pro (109 punti), Apple iPhone XS Max (105 punti), HTC U12+ (103 punti), Samsung Galaxy Note 9 (103 punti), Huawei P20 (102 punti), Samsung Galaxy S9 Plus (99 punti) e Xiaomi Mi 8 (99 punti).
LG G7 ThinQ fa peggio dei vecchi Apple iPhone 7 e addirittura del Nokia 8 Sirocco.

Abilità fotografiche del G7 ThinQ di LG: bocciatura da parte di DXoMark

Durante le analisi di laboratorio, gli esperti di DXoMark hanno scoperto che la fotocamera posteriore del G7 ThinQ non sarebbe all'altezza delle aspettative: problemi nella resa del colore soprattutto nelle aree scure, presenza di rumore, foto notturne insoddisfacenti, "incertezze" durante l'acquisizione dei video. A pesare molto è stato il comportamento dell'autofocus, ritenuto eccessivamente lento.
L'effetto bokeh è stato bocciato completamente: ingrandendo l'immagine e soffermandosi sui particolari, DXoMark ha notato che i contorni non sono definiti.
Punti di forza della fotocamera del G7 ThinQ i colori vivaci e il bilanciamento del bianco ritenuto davvero apprezzabile.


Cosa dire in favore di LG? Che uno smartphone con il G7, che adesso costa circa 479 euro, può essere posizionato nella fascia medio-alta e consta di una dotazione hardware nel complesso più che buona se si pensa che Apple fa viaggiare ormai i suoi device tra 800 e 1.200 euro. Ovvio che per quella cifra ci si possa permettere di aggiungere una fotocamera decisamente più performante.

Abilità fotografiche del G7 ThinQ di LG: bocciatura da parte di DXoMark